LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tornano in Italia alcune opere trafugate. Lisippo, altro passo verso la restituzione
di PIA BACCHIELLI
27-DIC-2OO5 Corriere Adriatico




Lisippo, un altro passo avanti. Gli Usa restituiscono nuovi reperti sottratti all'Italia


ANCONA - Lisippo, la battaglia si riaccende. E' del 23 dicembre il rientro in Italia della testa dell'imperatore Traiano, trafugata dai musei Capitolini nel 1998. Solo una copia, per altro splendida e di epoca rinascimentale, ma si tratta pur sempre di un altro cedimento alle pressioni internazionali. Insieme al capolavoro, anche due grandi dipinti del neoclassico Andrea Appiani. Non è cosa di poco conto. Perché dopo i reperti restituiti dal Getty Museum di Malibù, tornano a casa altri tesori saccheggiati all'Italia. Il consigliere D'Anna: "Ora serve un maggiore pressing".




ANCONA - Lisippo, la battaglia si riaccende. E' del 23 dicembre il rientro in Italia della testa dell 'imperatore Traiano, trafugata dai
musei Capitolini nel 1998. Solo una copia, per altro splendida e di epoca rinascimentale, ma si tratta pur sempre di un altro cedimento alle pressioni internazionali. Insieme al capolavoro, anche due grandi dipinti del neoclassico Andrea Appiani. Non è cosa di poco conto. Perché dopo i reperti restituiti dal Getty Museum di Malibù, tornano a casa altri tesori saccheggiati all'Italia. Come dire, si apre una nuova partita. Con il Lisippo a rappresentate parte del-lapostain gioco.
"Bilancio positivo", assicurano il ministro Buttiglione e il comandante dei carabinieri Tpc Zottin : "Negli ultimi cinque anni i furti si sono dimezzati". Ma l'attenzione è tutta sui tesori restituiti. Averli riavuti è importante, ripete Buttiglione, come importante è stato ottenere dal Getty la restituzione dello splendido vaso afigure rosse di Asteas e degli altri capolavori tornati a casa qualche settimana fa. Ma certo siamo all'inizio, i tesori italiani sparsi qua e là nei musei del mondo sono
moltissimi, forse centinaia. E ci sono i casi "particolarmente complessi", come quello - appunto -del Lisippo di Fano e della Venere Morgantina ancora in mano al Getty e difficili da riavere anche perché trafugati troppo tempo fa, a metà degli anni '60 il primo, dieci anni più tardi la seconda. Ma tant'è. Ora si punta sui casi simbolo, fa notare Buttiglione. E in prima linea, accanto al Getty, c'è il Metropolitan Museum di New York con il quale si sta mettendo a punto un accordo, che dovrà fare
da modello per gli altri. "Una legge - spiega il ministro - che consenta il prestito anche a lunga scadenza". Le condizioni sembrano esserci. "Ho incontrato il direttore del Met a Roma e mi ha detto che sono disponibili a restituire quello che chiediamo purché corredato di adeguata documentazione", spiega ancóra. I tecnici italiani hanno già scritto, ora tocca al eda del Met decidere. La ri-spostaèattesaper gennaio.
"L; e molta ipocrisia nena recente débàcle relativa al trafugamento di antichità provenienti dall'Italia", osserva citando il New York Times il consigliere D'Anna, che per primo riportò il caso del Lisippo all'attenzione della cronaca. "Il Metropolitan Museum sta negoziando con le
autorità italiane per la sua collezione di reperti romani e greci, nel tentativo di evitare la crisi che oggi sta affrontando il J. Paul Getty Museum, la cui ex curatrice per le antichità è attualmente sotto processo in Italia". Il New York Times batte duro. "I-musei americani - dice il quotidiano americano - hanno sempre finto sorpresa nell'apprendere che qualche
oggetto da loro acquistato potesse essere stato esportato illegalmente. Per anni i musei hanno permesso che oggetti d'arte antica, trafugati attraverso città come Ginevra e Londra, entrassero a far parte delle loro collezioni. I mercanti d'arte preferiscono non rivelare i dettagli sgradevoli che riguardano la provenienza di ciò che vendono. L'onere di provare
che quegli oggetti erano stati venduti illegalmente era a carico degli italiani, o dei greci, o dei turchi o di chiunque altro. Ma acquistare opere d'arte trafugate non fa che alimentare lo stereotipo, particolarmente distruttivo, degli Stati Uniti grandi e cattivi che sfruttano gli altri Paesi".
Considerazioni, rimarca D'Anna, che "confermano l'enorme difficoltà nella quale si trovano in particolare il Metropolitan Museum e il Getty Museum. E' bene ripeterlo, questa debolezza è la nostra forza per la restituzione del Lisippo come di altri capolavori. Se poi consideriamo che le proposte emerse durante i colloqui tra il Metropolitan Mu-> seum e il nostro Paese, vale a dire la rivendicazione della proprietà da parte dell'Italia dei reperti archeologici contesi in cambio di prestiti a lungo termine, sono considerate dagli americani: un compromesso abbastanza equo che potrebbe fornire un modello per altri musei americani. Anche alla luce delle ultime restituzioni da parte del Paul Getty Museum, c'è da credere che con un maggior pressing la statua del Lisippo possa fare qualche altro passo verso la realtà che l'aspetta da decenni''.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news