LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Teatro e musica, malati da guarire
ANDREA COLASO
Europa 24-DIC-2005


Linno di Mameli e la Traviata sono stati il linguaggio, il codice espressivo con cui; luned scorso, gli orchestrali del Teatro dell'Opera di Roma hanno manifestato di fronte a Montecitorio il loro disappunto per i tagli che l'ultima finanziaria, di questo governo apportava al Fondo unico per lo spettacolo. Musica, Teatro, Danza e Cinema si sono visti decurtati di qualcosa come 117 milioni di euro, una riduzione superiore al 20 per cento che porta il Fus dai 490 milioni del 2005 ai 373 del 2006. Un de profundis per finter mondo dello spettacolo in Italia. Nessuno si era spinto cos oltre quella soglia di decenza che d permetteva di dire che lo Stato italiano si occupava di Cultura: lo spettacolo dal vivo ed il cinema non sembrano pi avere dignit di politiche pubbliche. Spesa residuale, questo s; una sorta di lusso di cui, in epoca. di vacche magre. Si pu fare tranquillamente a meno.

II valzer del brindisi improvvisato dalla Fracci con un orchestrale del Teatro in piazza di Montecitorio vale un trattato sulle politiche pubbliche per la cultura.
E pensare che nel lontano 1959 Malraux per accettare di fare il ministr della Cultura di De Gaulle pose una sola precisa condizione: le risorse allocate al suo ministero dovevano essere pari all'1 per cento del bilancio pubblico.

Pensando a ci viene da interrogarsi sulle condizioni poste dal ministro Buttiglione per accettare di fare il ministro della Cultura: ci difficile pensare avesse posto come punto non negoziabile la riduzione del 20 per cento delle risorse per lo spettacolo, A vedere quello che succede pare proprio di s.
Tagli al Fus e incapacit di ir approvare dal Parlamento una moderna riforma dello spettacolo dal vivo, tanto pi oggi alla luce della riforma del Titolo V che disegna un nuovo e pi forte ruolo delle regioni e dei governi territoriali. Sono del resto costanti che segnano molti fine legislatura.
Nihil novi sub sole con laggravante che le mancate decisioni politiche sul riassetto dei modelli istituzionali per il governo delle politiche dello spettacolo:dal vivo rischiano di aggravare lo, stato gi. Comatoso di molte istituzioni culturali di cui si allunga lagonia. Nel contempo non si apprestano risposte nuove in grado di raccordarsi ai mutamenti istituzionali, all'innovazione tecnologica e alla nuova domanda del pubblico.
Sull universo dello spettacolo dal vivo incombe pur sempre il cosiddetto "morbo di Baumol", una modalit peculiare di "fallimento del mercato" per cui solo lintervento pubblico pu correggere e superare gli earnings gap generati dal
divario tra cost e ricavi tpico del settore: a fronte dellincremento dei costi del "lavoro vivo" impossibile produrre incrementi nella produttivit.

In poche parole senza l'intervento da parte del sistema pubblico lo spettacolo dal vivo sarebbe destinato allestinzione. Ora senza evocare una improbabile, almeno nel breve periodo, dislocazione del reperimento delle risorse nel "mercato", (tramite la bigliettazione, il ricorso al "mecenatismo" o alle "sponsorizzazioni'' ) dunque d'obbligo interrogarsi se, per quanto concerne il governo del settore, non sia possibile delineare modelli istituzionali pi congruenti con criteri di "equit" nonch di efficienza ed efficacia nellallocazione delle risorse.

Sul punto "equit" utile una precisazione. Evocando Bourdieu, Carla Bodo ricorda che il consumo di "spettacolo dal vivo" in Italia correlato al titolo di studio: il 44 per cento di chi va a teatro, il 27 per cento di chi va ad un concerto di musica classica laureato, cos al di sotto del diploma superiore i tassi di frequenza calano drasticamente per ogni tipo di spettacolo, in particolare per i concerti classici. sempre Bourdieu a sostenere che la pratica pi discriminante socialmente, in quanto strettamente legata alla "classe sociale" e al grado di istruzione posseduto, proprio la frequenza ai concerti.
Per quanto riguarda invece efficacia e l'efficienza non si pu non prendere prioritariamente in considerazione la questione relativa alla gestione "centralizzata" delle risorse delluniverso musicale e teatrale: una gestione che unifica La Scala e i 1672 complessi bandistici che hanno ottenuto quest'anno un contributo di 600 euro ciascuno. Senza voler in alcun modo sminuire t'importante significato culturale incorporato nelluniverso che ruota attorno alle bande di paese, non possiamo per non interrogarci sul senso e sulla legittimazione di un intervento "statale" cos articolato e sulle sue finalit.
In genere quando si discute di politiche culturali in Italia si evoca il policentrismo, la complessa articolazione dell'identit e della struttura dell'offerta culturale, legata alla nostra storia "plurale", agli antichi Stati unitari- da cui per inciso ereditiamo il "melodramma", la "musica di Corte" - alle "cento citt". Diversamente dalla Francia dove, per dirla con Gravier, si ha Parigi e poi il "deserto francese"; ossia una struttura centro/periferia chiara nelle gerarchie culturali, all'origine delle prime politiche, vagamente "pedagogiche", legate alla "democratizzazione culturale" di Jean Laurent e Jean Vilar. Politiche incentrate sui centri teatrali nazionali, declinati poi da Malraux nelle mastodontiche ed ingestibili Maisons de la Culture che inseguivano il mito dell'andare al popolo, dell"educazione del popolo" di Condorcet, che fu. in nuce alla base della conseguente legittimazione istituzionale delle politiche pubbliche nel settore dello spettacolo dal vivo. Non a caso Pasolini diceva che la cultura non andava portata, poich la cultura nei luoghi.

"Ma la situazione attuale? Eultima Relazione sull'utilizzazione del Fus predisposta dal ministero conceme il 2004 ed un utile strumento per scandagliare le modalit allocative delle risorse statali per la musica. Nel 2004 il Fus stato pari a 494.160.881 milioni di euro, di cui ben il 51,3 per cento (253.393.580) canalizzato a favore delle 14 Fondazioni lirico sinfoniche. Nel comparto teatrale il 22 per cento delle risorse va ai 16 teatri stabili pubblici, il 14 per cento ai 16 teatri stabili privati, il 25 per cento a 262 imprese di produzione teatrale, il 10 per cento a 34 stabili di innovazione, il 6,9 per cento ai circuiti territoriali.

Va detto subito che il Fus presenta nei suoi criteri allocativi degli squilibri territoriali fortssimi: e non solo tra Nord-Centro e Sud dove rifluisce solo il 14,8 per cento delle risorse, ma anche tra centri e periferie all'interno delle macroareee. Vi sono province del Sud dove non arriva un euro, cos come si registrano squilibri tra province del Nord, tra citt capoluogo, veri e propri catalizzatori-di risorse,- e le province... le loro periferie. questa l'altra faccia del policentrismo, il

fatto che a cento citt, appunto, corrispondano spesso' altrettante "periferie culturali". Il 20 per cento globale del Fus concentrato nel Lazio. Lltalia "policentrica" in realt il paese europeo con il pi forte grado di centralizzazione nella gestione delle risorse per le politiche culturali. Il "centro" pesa ancora il 50 per cento, le regioni il 16 per cento, le province il 2-3 per cento, i comuni oltre il 30 per cento.
Nel mentre lo Stato "sostiene" forme di spettacolo musicale a forte connotazione di "bene culturale", il rischio che tale centralit delle politiche precluda azioni nel comparto dell industria discografica, s pensi attiva al 20 per cento che penalizza un dvd di Battisti o di De Andre rispetto ad un brutto libro con Uva al 4 per cento; per non dire della necessit di sostenere i nostri produttori indipendenti nella nuova filiera della digitalizzazione.

La nuova legge sullo spettacolo dal vivo andr fatta, a questo punto nella prossima legislatura, ma nellaffrontare il nodo delle politiche teatrali e musicali dovr operare con attenzione alla necessaria articolazione territoriale delle politiche e nella consapevolezza che lo Stato non pu ridurre la sua finizione a quella di soggetto mero "erogatore" di contributi. Le risorse vanno ridislocate a partire da una contrattualizzazione, regione per regione. Va definita pi compiutamente una strategia attenta ai nuovi consumi giovanili, alla proiezione internazionale delle nostre istituzioni pi prestigiose, alla definizione di regole precise nella gestione di bilancio, specie per le Fondazioni liriche per la quali si impone un ripensamento del loro ruolo e del loro modello funzionale.
Il prossimo governo dovr anche su questo terreno delicatissimo, come ricorda spesso il presidente Ciampi, lavorare a partire da un lascito di macerie e caos. Ma come noto dal caos qualche volta emerge un nuovo ordine e di questo di sicuro l'intero mondo dello spettacolo ha un gran bisogno.
*capoffuppo Margherita commissione Cultura Camera dei Deputati



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news