LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scala, bilancio e cda in rosso
Corrado Dragotto
23-DIC-2005 La Repubblica, cronaca di Milano






MILANO Le Nozze di Figaro con i fichi secchi hanno retta ieri il cartellone del Piermarini in concomitanza dello svolgimento di un'assemblea dei soci e di un consiglio d'amministrazione della Fondazione Scala che, dopo cinque ore ad alta tensione, hanno dato semaforo verde a un bilancio di previsione 2006 da lacrime e sangue e all'ingresso della Provincia di centrosinistra nella stanza dei bottoni. Il Caterpillar della Finanziaria, che, come da settimane temevano melomani e addetti ai lavori, s' abbattuto sul tempio della lirica contingentando a 27,3 i 33 milioni di contributi erogati nel 2005 dallo Stato attraverso il Fondo unico spettacolo, ha finito, di fatto, per spianare la strada a Via Vivaio. Scuocendo in due anni 5,4 milioni di curo, guarda caso pi o meno l'entit del passivo innescato dai tagli (5,7 milioni di euro)
per il 2006 al Fus, Palazzo Isimbardi potr, infatti, comprarsi un posto al sole dell'esecutivo scaligero. E, naturalmente, condizionare le decisioni dei soci pubblici (Comune, Regione, ministero dei Beni culturali, Camera di commercio) e privati (Fondazione Cariplo, Pirelli ed Eni) attualmente rappresentati ne) cda. Prospettiva alla quale, nei mesi scorsi, fieramente s'era opposto Gabriele Albertini, restio all'idea di ritrovarsi a fianco nel piano nobile del Piermarini quel Filippo Penati che l'ha gabbato in Serravalle Serravalle e che non perde occasione per criticare Palazzo Marino. Ma pecunia non olet... E pure il sindaco, che non poteva oggettivamente pi blindare il cda di fronte all'apertura di credito alla Provincia concessa da Rocco Buttiglione.
s' rassegnato, ieri, a fare buon viso al cattivo gioco di Penati trai piedi. Risultato: nell'imminente 2006, che coincide con i 250 anni dalla nascita di Wolfgang Amadeus Mozart, i conti e il cda della Scala troveranno nel colore rosso un minimo comun denominatore.
In assemblea - ha commentato l'assessore provinciale alla Cultura Daniela Benelli lasciandosi alle spalle il tempio della lirica -si respirava nei nostri confronti un'aria del tutto nuova rispetto a 30 giorni. In particolare, Albertini mi ha detto che proprio oggi (ieri, ndr.) il Senato avrebbe esaminato la modifica alla legge sulle fondazioni liriche necessaria per allargare da sette a nove il numero dei membri del cda. Ma per cogliere questo obiettivo bisogna anche riscrivere lo statuto della Fondazione. A quanto ammonter il nostro contributo? Abbiamo gi versato 1,3 milioni di euro nel 2005 e ne stanzieremo altrettanti nel 2006 come contributo al patrimonio. Se ci faranno entrare nel cda, in due anni metteremo insieme pure il contributo di gestione, che di 5,4 milioni di euro. Se tutto va come deve andare, nel 2006 spenderemo in tutto quattro milioni di euro ma porteremo a casa un risultato importante in termini di pluralismo e di trasparenza di gestione. Pi legato alla gestione del Piermarini che agli scenari politici il commento di Bruno Ermolli, che ha tassativamente escluso il ricorso a riduzioni di personale (60-62% il costo sul totale dell'esercizio) per rientrare nei parametri. La Scala - ha scandito il vicepresidente della Fondazione, fresco vincitore del "Premio Puccini" - deve essere nelle condizioni di vivere, ristrutturandosi e quindi riducendo i costi, ma con il grande contributo di pubblico e privato.

Dovremo fare found raising con nuovi soci e recuperare i vecchi soci che non ci sono pi. Traduzione: se qualcuno fosse interessato al nono posto del cda allargato incominci a compilare l'assegno e lo stacchi al momento giusto. Gli artifici contabili, comunque, non risparmieranno al sovrintendente Stephane Lissner la fatica di dover risolvere la complicata equazione di innalzare la qualit delle proposte in parallelo a un decremento delle risorse economiche (pur con i virtuali 5,4 milioni di euro di Via Vivaio il deficit nel 2006 arriver, nella migliore delle ipotesi, a quattro miliardi di vecchie lire). Certo il manager transalpino potr puntare sulle cooproduzioni per non sforare il budget ma gli spettacoli in sinergia con altri teatri, oltre a non soddisfare gli scaligeri duri e puri, nascondono il rischio di sottomettere le scelte artistiche a logiche finanziarie. Sipario (per ora).



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news