LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Teatro, una sinfonia contro i tagli allo spettacolo
di Rachele Masci
23 Dic 2005 Liberazione



Questo Fus la conseguenza della non politica del governo degli ultimi anni che ha scelto la distruzione totale della cultura del paese. Le conseguenze saranno gravissime, occorre rispedire al mittente il devastante provvedimento. Nel presentare i dati della situazione complessiva delle tredici Fondazioni lirico sinfoniche italiane, il presidente dell'Anfols e sovrintendente del Teatro Regio di Torino, Walter Vergnano, mette in chiaro, fin dalle prime battute del suo intervento, la posizione assunta di fronte ai tagli al Fondo Unico per lo spettacolo della Finanziaria2006.

Annunciata da giorni, la conferenza di ieri al Teatro dell'Opera di Roma voluta dall'Anfols e dall'Agis per fare il punto sulla grave crisi che le sforbiciate del ministro Tremonti hanno aperto nel settore, si , di fatto, trasformata in un'assemblea.
Dopo le agitazioni dei precari dello spettacolo e la grande manifestazione del 14 ottobre scorso, dopo il presidio e il volantinaggio davanti a Palazzo Madama di domenica scorsa (mentre, al cospetto dei capi di Stato, Riccardo Muti dirigeva il concerto di Natale) e dopo il concerto-manifestazione dei lavoratori del Teatro dell'Opera di Roma davanti a Montecitorio per scalfire la sordit del governo e ribadire l'inadempienza degli impegni che si era posto, la conferenza si resa necessaria per costruire una strategia
comune per far fronte alla crisi. Vergnano ha ricordato che il governo si era impegnato con le fondazioni a riportare il Fus ai livelli del 2003 e a coinvolgere tutte le parti interessate in un serrato confronto per arrivare a una riforma positiva
del teatro lirico italiano. Ma il confronto non c' stato: il ministro Urbani prima e il ministro Buttiglione dopo, hanno interrotto qualsiasi relazione con i sovraintendenti delle Fondazioni. Vergnano ha sottolineato che le fondazioni liriche e sinfoniche italiane non sono cattedrali nel deserto ma che - dati alla mano - continuano a registrare un aumento costante di pubblico (dai 2.557.125 spettatori del 2002 ai 2.741.105 del 2004).
Proporzionalmente all'aumento degli spettatori i contributi al Fus hanno iniziato a scendere: 180 milioni di euro previsti peril2006 contro i242 milioni del2003.
Non credo che le dimissioni del ministro Buttiglione servano un granch se non per un suo atto di coerenza, occorre invece denunciare la politica di un governo che stato incapace di mantenere il patto con i sindaci di tredici citt, precisa Vergnano. Si assiste inoltre alla nascita di Ar-cus, la societ del Ministero dei Beni Culturali che consente di gestire risorse in maniera discrezionale: a Parma il ministro Lunardi si improvvisamente appassionato al teatro e cos arrivano nelle tasche di un solo manager molte pi risorse che al Maggio Fiorentino. Non un mistero che l'Italia dedica alla cultura lo 0,17 del Pii, una cifra irrisoria rispetto agli altri paesi.
Deve diventare chiaro - ha ribadito Alberto Francesconi, presidente dell'Agis - che la cultura un investimento e non una spesa.
Ma la lotta sar dura. Far capire a un governo che usa anche strumenti di repressione (la polizia aveva lordine di caricare l'orchestra del Teatro di Roma se si fosse messa a suonare prima dell'autorizzazione dalla Questura) davanti alle critiche e alle richieste di ascolto da parte di lavoratori
che vogliono continuare a svolgere il proprio lavoro. Con i tagli si comprende che i posti di lavoro sono a rischio, per non parlare dell'accesso reso di fatto impossibile ai giovani.
Ecco perch dalla platea gli interventi sono arrivati a pioggia. H teatro per vivere ha bisogno di soldi, ma anche che questi vengano distribuiti in maniera equa e tale da mettere nelle condizioni di lavorare tutti, dai macchinisti ai ballerini, dai cantanti ai truccatori. Perch la qualit del teatro un altro elemento irrinunciabile. All'interno di questa Finanziaria - spiega Loris Grossi, professore d'orchestra e rappresentante della Cgil - c'.anche il blocco delle assunzioni per tre anni, un emendamento che non ha senso nell'ottica di bilancio dello stato. Mentre il sovrintendente del Teatro Verdi di Trieste si rammarica che con questi tagli potrebbe saltare il Festival dell'operetta che ha almeno 80milaspetta-toril'anno.
I lavoratori dello spettacolo continuano a discutere del contratto, dei tagli che dimi-nuscono mentre aumentano i fondi per il digitale terrestre e di quella frase del presidente Berlusconi detta all'interno della terza camera dello stato, che Porta a Porta,:La cultura insieme alla stampa tutta di sinistra. E si sta pensando a una manifestazione nazionale.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news