LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quartu si conferma capitale degli abusi tra costa e campagna
PABLO SOLE
La Nuova Sardegna, 22 dicembre 2005

QUARTU. Passano gli anni, ma su una certezza si pu sempre contare: la terza citt dell'isola si conferma capitale dell'abusivismo edilizio. E non potrebbe essere
altrimenti, visti i numeri da capogiro messi insieme dal Gruppo di intervento giuridico sugli ultimi vent'anni di mattone selvaggio. I dati emergono dalla mappatura del territorio messa a punto dal Comune che, caso unico in Sardegna, ha in mano il quadro pressoch completo delle case sorte in barba alle norme vigenti.
Si parte dal 1995, con i casi denunciati con il condono varato dieci anni prima: oltre 10mila segnalazioni, che comprendono 127 abusi insanabili parziali e ben cinquecento che, vista l'entit delle opere realizzate, devono essere abbattuti
senza possibilit d'appello. Le zone pi colpite? Quella costiera (2858 casi) e quella agricola (1336 abusi) per una volumetria totale di un milione e trecentomila metri cubi. In teoria, la situazione migliora con il secondo condono, approvato con
due diversi provvedimenti che risalgono al 1994 e al 1996: i casi di abusivismo totalmente insanabile scendono a 150, mentre i parziali sono 72. In pratica, la questione un po' diversa: le case abusive non sono certo sparite, pi semplicemente i vincoli fissati dal condono sono meno rigidi e, di conseguenza, in
molti casi il bollino rosso dell'abuso totalmente insanabile sparito. <Stefano Deliperi - mentre sono cresciuti a dismisura gli oneri economici collettivi per dotare dei necessari servizi, come impianti di depurazione, acqua, energia elettrica, smaltimento rifiuti e scuole, le zone sorte con gli abusi poi condonati.
La spesa complessiva stimata in oltre 220 milioni di euro, a fronte di circa 18 milioni di entrate derivanti dalle oblazioni di legge>>. Un paradosso che continua a pesare sui cittadini. <non stato vantaggioso neppure sotto il profilo finanziario: nel 1985, a fronte di una previsione di entrata di tremila milioni di euro, le entrate effettive si attestarono intorno al 60 per cento, mentre nel 1994, con un gettito previsto di
2.500 milioni di euro, le entrate effettive furono del 70 per cento. E sta andando ancora peggio negli ultimi anni, con le entrate ferme al 40 per cento sulla cifra stimata>>. Infine, con l'ultimo condono deciso nel 2003, al Comune sono state
presentate circa tremila istanze, pari al tre per cento delle domande nazionali.
<>.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news