LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le citt italiane ridisegnate dalla carica dei quarantenni
GIORGIO SANTILLI - PAOLA PIEROTTI
il Sole 24 ore 22-DIC-2005

Un anno di concorsi per i waterfront e di trasfomiaziom urbane guidate dai privati
Da Marco Casamonti a Luigi Centola, i nuovi architetti battono le firme

ROMA - Riqualificazione dei waterfront, boom dei concorsi privati per le trasformazioni urbane, consolidamento della "generazione Erasmus" con le numerose vittorie degli under 40 in Italia e all'estero: il bilancio dei concorsi di architettura nel 2005. 1 bandi pubblici per i waterfront sono il fenomeno pi importante per quantit: trenta i concorsi banditi per cambiare il volto urbano a lungomare, fronte-porto o darsene di citt grandi e piccole, da Genova a Milano, da Trieste ad Alghero, da Latina a Brindisi a Palermo. Numerose gare, sparse nei Comuni di tutta Italia, anche per le scuole: la punta stato il concorso internazionale di Roma per le periferie vinto da Francesco Celimi, Giacomo Borella e dall'olandese Herman Hertzberger.
Ma il 2005 stato anche l'anno degli operatori privati, che hanno utilizzato il concorso per lanciare le trasformazioni immobiliari di importanti aree urbane. Lo studio Archea del quarantenne Marco Casamonti ha vinto (ex aequo con l'americano Michael Maltzan) l'area Bicocca di Pirelli Re e Morgan Stanley, gli under 40 di Obr il comparto residenziale per Milanofiori 2000 (Cabassi), il portoghese Manuel Salgado il masterplan di Romanina (Scarpellini). Committenti privati anche nel recupero e nell'ampliamento di edifici storici: doppietta del cinquantenne Cino Zuccbi con la sede di Generali Properties a Milano e l'ampliamento del Museo deir automobile di Torino, mentre Michele De Lue-chi (54 armi) ha vinto il restauro e l'ampliamento della Fondazione Ci-ni a Venezia. Lo studio romano Labics e il bolognese Mario Cucinella si contendono, in questi giorni, il concorso per la sede del gruppo GiDi (macchine per tabacchi).
E proprio dai concorsi, pubblici e privati, arriva la conferma della "nuova architettura" in Italia. 1 quarantenni ora vincono competizioni anche contro le grandi firme e all'estero o acquisicono importanti commesse private: i genovesi di 5+1, che con Rudy Ricciotti nel concorso per il Palacinema di Venezia hanno sconfitto stelle del calibro di Fuksas, Eisenmann, Moneo e ora lavorano alla nuova centralit romar na di Torre Spaccata per conto di Fintecna e Cabassi; Archea d Marco Casamonti, che, oltre a Bicocca, ha vinto la riqualificazione del parco di villa Brombini a Genova, ha acquisito il prestigioso progetto delle cantine Antinori a San Casciano Val di Pesa, ha battuto Bolles & Wilson nel concorso per uno dei grattacieli di Tirana; Luigi Centola che con il progetto per i "mulini di Amalfi" ha vinto il premio europeo della Hol-cim e si candida a un posto di rilievo nella prossima finale mondiale di Bangkok. Altre vittorie prestigiose di under 40: i Vs Associati per l'Orto botanico di Padova, Cannilo Botticini per una piscina comunale a Bre-scia, Giulia De Appolonia per l'istituto zooprofilattico della Lombardia e dell'Emilia-Romagna, gli studi trevigiani Arbau e Parck per lo studio di fattibilit della nuova piazza Barche a Mestre. Quasi tutti giovani italiani anche i vincitori del concorso internazionale Abitare a Milano, indetto dal Comune meneghino per otto aree di edilizia sociale.
Non mancano le vittorie dei grandi architetti stranieri, ma senza dilagare, come vorrebbe chi agita lo spettro della colonizzazione culturale. Sono in prevalenza francesi: Francois Bodin alla Darsena di Milano e Jean Nouvel (con Arup) alla fiera di Genova, Michel Euv, con il progetto di Guendalina Salimei e del suo t-studio, con il recupero del porto monumentale di Napoli, Rodolphe Tisnado e Architecture Studio per la citt dell'arte della Locride, Nasrine Seraji (con Aldo Aymonino) alI'Ecole Francaise di Roma. Da segnalare anche i successi del londinese David Chipperfield (con Michele De Lucchi) per il nuovo allestimento del castello sforzesco a Milano e il ticinese Mario Botta per le scuole nella Locride.
Brillano, invece, le assenze delle grandi firme italiane nei concorsi. Quasi mai partecipano ai concorsi aperti e, se partecipano, non vincono, come al Palacinema di Venezia e all'Orto botanico di Padova. Poche le competizioni ristrette a inviti, che le archistar prediligono. Capita allora che i pochi lavori affidati alle grandi firme italiane passino per la chiamata diretta e senza gara: il lungomare di Ostia va a Massimilano Fuksas nonostante il concorso per giovani di qualche tempo fa; Mario Bellini prende la progettazione del nuovo cimitero di Milano sud; Renzo Piano ha proposto una nuova versione dell'affresco di Genova e realizzer, sul fronte privato, il master-plan delle aree ex Falek di sesto San Giovanni. Le grandi firme continuano, invece, a vincere all'estero. Le vittorie pi significative sono arrivate a Parigi: quella Massimiliano Fuksas per gli Archivi nazionali e quella di Mario Bellini per il dipartimento islamico del Louvre.
Incarichi senza gara in Italia anche per le star straniere: il francese
Dominique Perrault disegna i ponti pedonali di Palermo, il portoghese Eduardo Souto De Moura progetta per il comune di Nocera Inferiore un teatro all'aperto. Chiamata diretta delle star anche sul fronte privato: Immobiliare Novoli ha affidato a Zaha Hadid un edificio di 28 appartamenti, mentre la Pontalpi srl ha chiamato David Chipperfield per la riqualificazione di un'area di 28mila metri quadrati di fronte alla stazione ferroviaria di Feltre (Bi), per realizzare 51 mila metri cubi.
Un altro strumento che ha favorito la presenza di giovani architetti il project financing. Alcune imprese si segnalano per preferire architetti giovani e di valore: Techint ha scelto Mario Cucinella, Camillo Botticini e Labics per i progetti di ospedali, mentre Maire Engineering ha scelto Labics per il sottopasso del lungotevere antistente l'ara Pacis di Richard Meier e Ccc sta costruendo la sede unica del Comune di Bologna su progetto di Cucinella.
Ma il 2005 stato anche un anno di transizione, di crisi e di dubbi per l'architettura italiana. Mentre i giovani della generazione Erasmus vincono concorsi, (ma hanno realizzato ben poco finora, ricorda il cinquantenne architetto e critico Pippo Gorra) viene nominato coordinatore del Padiglione italiano della Biennale un accademico della vecchia guardia come Franco Purini, la cui autorevolezza nessuno discute. Anche Purini, nelle prime uscite pubbliche dopo la nomina, sceglie, per rilanciare l'analisi dell'architettura italiana, il tema del confronto generazionale, enfatizzando la brusca e improvvisa rottura della continuit voluta dalla generazione dei cinquantenni (Aldo Aymonino, Nicola di Battista, Pino Scaglione, Mirko Zardini, Italo Rota, Mos Ricci, Cino Zucchi, Pietro Carlo Pellegrini, Carlo Terpolilli Paolo Desideri, Michele Beccu, Gianfranco Neri, Francesco Taormina) rispetto ai loro padri e fratelli maggiori.
Ma i segni di difficolt arrivano soprattutto a concorsi aperti e dopo i concorsi. Due casi clamorosi si sono avuti a Napoli con la mancata aggiudicazione del concorso per il punto di ristoro del museo di Capo-dimonte e con l'esclusione dei dieci progettisti di fama internazionale dal concorso per il parco urbano di Bagnoli. Soprattutto quest'ultimo ha scatenato reazioni forti dal mondo della progettazione. Una trentina di architetti under 50, guidati da Mos Ricci, ha firmato un appello che chiede commissioni pi competenti e un'autorit di garanzia sul modello francese o inglese. L'appello di Ricci (il testo integrale sul numero 48 del settimanale Edilizia e Territorio) individua la soluzione nel rafforzamento del ruolo della Dare, la direzione per l'architettura e l'arte contemporanea del ministero dei Beni culturali.
Anche quando i concorsi arrivano al traguardo, non mancano le difficolt per gli architetti e i loro progetti nella fase realizzativa. Il eda dell'Ente Eur potrebbe decidere domani di sciogliere il contratto con i costruttori della nuvola di Fuksas (il centro congressi), mentre il Maxxi di Zaha Hadid continua a soffrire, e non da oggi, di problemi di finanziamento. Senza parlare dello scandalo di concorsi conclusi che non portano mai alla realizzazione dell'opera, con il doppio spreco, di buona architettura e di fondi pubblici.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news