LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I conventi liguri cambiano pelle
Bruno Viani
IL SECOLO XIX 22-DIC-2005

Nel 2006 partir il censimento dei beni immobili di propriet delle parrocchie e degli enti ecclesiastici

Tagli, accorpamenti e trasformazioni obbligate per patrimoni troppo difficili da gestire

Genova. I frati cappuccini genovesi hanno dato il segnale, annunciando la trasformazione del convento di Sestri Ponente in una struttura con due anime, per anziani e per bambini. Ma il cambiamento profondo e diffuso e coinvolge frati, suore e sacerdoti da un capo all'altro della Liguria.
Decine di congregazioni amministrano chiese ricche di opere d'arte, ma anche grandi edifici destinati a uso residenziale, conventi, seminari, oratori. un patrimonio che porta in s una grande contraddizione: ha un valore immenso eppure non da reddito e spesso non alienabile. E necessita di una manutenzione che spesso ha costi enormi, insostenibili per famiglie religiose (e questa l'altra faccia del problema) rese sempre pi scarne e anziane dalla scarsit delle vocazioni. Il paradosso che questo patrimonio, fatto di beni storici, artstici e immobiliari, non mai stato catalogato. Di fatto, nessuno ne conosce esattamente le dimensioni. E proprio le case e gli edifici destinati alla vita quotidiana del clero e dei religiosi sono al centro di un difficile processo di trasformazione e rivalutazione. Partir nella seconda met del prossimo anno il censimento di tutti i beni immobiliari di propriet delle parrocchie e degli enti ecclesiastici - annuncia monsignor Fiorenzo Gerini, delegato dell'Ufficio regionale per i beni culturali della Liguria, al convegno "Restaurea" presso l'Agenzia delle Entrate , mentre solo in un secondo tempo sar possibile affrontare anche il censimento degli ordini religiosi. un impegno che richieder anni e che concluder un ciclo, gi avviato con la catalogazione dei beni mobili e gli oggetti d'arte delle parrocchie.
un lavoro enorme e reso pi arduo dalla difficolt di dover fermare una realt in continuo mutamento. Perch da un capo all'altro della Liguria si moltiplicano i casi di luoghi sacri che cambiano destinazione, di ordini religiosi costretti a serrare le fila e accorpare conventi. Oppure trasferirli altrove, spesso tra contestazioni di quartieri interi affezionati ai "loro" frati o alle "loro" suore. Il caso dei cappuccini, uno dei tre ordini nati dall'insegnamento di San Francesco (gli altri sono i minori e i conventuali) emblematico e Sestri Ponente non l'unica realt al centro di questa trasformazione. I frati cappuccini sono una novantina in tutta la Liguria, ma l'et media vicina ai settantanni e dieci sono ospiti della casa-ricovero di San Bernardino a Genova. Gli altri erano frammentati fino a ieri in una miriade di piccoli conventi: dieci realt solo nel capoluogo, e poi conventi a Spezia, Chiavari, Santa Margherita, Savona, Loano, Alassio, Porto Maurizio, Sanremo, Taggia. Impensabile mantenerli tutti in attivit. Cos sabato scorso stato annunciato il primo intervento di una lunga serie. Il convento di Sestri Ponente, fondato nel 1588, ha chiuso l'attivit trasformandosi in centro polifunzionale: casa alloggio per sette anziani autosufficienti, ambulatorio per bambini, mensa per poveri. Bisogna essere realisti - dice padre Francesco Rossi, ministro provinciale dei cappuccini,
superiore per tutta la Liguria - nel nostro ultimo Capitolo, l'assemblea dei delegati dei frati, si presa la decisione di rivitalizzare le comunit effettuando delle scelte.
Nella discussione - dice l'ex padre superiore provinciale, padre Mariano - si sono confrontati due opposti orientamenti. Una parte di noi era convinta che fosse comunque meglio avere tanti presidi sul territorio, anche se di piccole dimensioni. L'altra sottolineava l'importanza di comunit pi numerose per poter mantenere lo stile di vita che caratteristico dei frati cappuccini. Alla fine ha vinto la seconda opzione, quella del "serrare le fila". E sono iniziati i tagli. Ha chiuso Sestri Ponente, il convento di via Casati dove erano in servizio cinque frati. Ha chiuso il convento di via Montani a Quarto. Ha chiuso Taggia. Ha chiuso il convento del santuario delle Grazie dove sono subentrati i frati di una comunit indiana: gli Araldi della Buona Novella, gi approdati da tempo a Varazze con un passaggio di consegne che suona tanto come segno dei tempi: meno Europa e pi mondo. Chiavari ha gualche difficolt ma non si tocca - dice ancora il ministro provinciale - perch nel levante ligure le nostre presenze sono poche non possiamo permetterci la chiusura.
E per dai conventi che muoiono stanno sorgendo altre realt. Perch non sono aziende commerciali che chiudono e vanno in liquidazione. Quei conventi sono nati con le donazioni e i sacrifici della gente, non nemmeno ipotizzarle che siano al centro di speculazioni continua padre Rossi . Bisognava invece fare in modo che nascessero altri servizi sociali e spirituali.
A Quarto, dove la presenza dei cappuccini all'interno dei Gaslini non sar interrotta, al posto della struttura residenziale dei frati nascer una casa per dare ospitalit temporanea ai familiari dei piccoli ospiti del Gaslini. A Taggia sorger un centro giovanile destinato a soggiorni degli scout, dell'Azione Cattolica o di altri gruppi. II convento di Finale Ligure stato gi donato a don Benzi che ne ha ricavato una casa-alloggio. La scommessa attuare la trasformazione preservando i tesori dell'arte, le testimonianze della storia e gli ideali di solidariet. Padre Vittorio Casaline,
responsabile dei Beni culturali per i cappuccini liguri, non ha dubbi: La spiritualit francescana fatta soprattutto di preghiera e servizio ai fratelli. Poi ci sono edifici, oggetti e opere d'arte che dobbiamo conservare. Il convento di Santa Caterina di Portoria, a Genova, diventato il polo culturale della famiglia dei cappuccini. Si vive tra aiuti istituzionali e sponsors - dice padre Vittorio -. Oggi, grazie alla Compagnia di San Paolo, abbiamo potuto aprire un museo che sar inaugurato a febbraio. Sono presenti tutti i nomi dei pi importanti maestri dal Cinquecento in poi, con un posto particolare per Bernardo Strozzi, che era frate cappuccino.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news