LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SCANZANO JONICO. Beni della Riforma, saga infinita
21/12/2005 La gazzetta del Mezzogiorno

Scanzano Jonico Tutti gli ostacoli del processo di dismissione delle propriet



L'Alsia fa l'elenco di ci che da vendere, ma del passato si sa poco


Dismissione dei beni della Riforma Fondiaria rientranti nel patrimonio dell'Alsia, quindi, pubblico, nuovo atto. Con un comunicato, due giorni fa, il presidente della Giunta regionale, Vito De Filippo, e l'assessore all'agricoltura, Gaetano Fierro, pi l'amministratore unico dell'Agenzia, Gerardo Delfino, sono tornati sulla questione annunciando un accordo con la Direzione regionale per i Beni culturali, la Fidagri, ed il Comitato notarile lucano. E' un'operazione importante che agevola il trasferimento dei beni al mondo agricolo oltre a rappresentare una grande opportunit per le risorse che determina per la promozione del settore in Basilicata, recitava il comunicato. Parole gi lette ed ascoltate su una vicenda storica. La realt, nascosta tra le righe, che il processo di dismissione ha incontrato intoppi sul suo cammino ed accusa ritardi. Del resto, si tratta di un iter cominciato nella prima Repubblica, 1989, con il famoso Rapporto sul patrimonio dell'Esab presentato dall'allora assessore all'agricoltura Gabriele Di Mauro. Due libri zeppi di propriet cedute per pochi spiccioli l'anno ad amici e compagni dei partiti al potere. Fu uno scandalo. Uno scandalo che divenne, a met degli anni 90, l'Affittopoli di Basilicata. La Corte dei Conti mise in mora la Regione. Bisognava disfarsi di quei beni che, oltre a non portare nulla nelle casse, provocavano ulteriori deficit per tasse varie (come l'Ici) da pagare. Fu lo stesso Di Mauro, passato nella seconda Repubblica con Rinnovamento Italiano, a pilotare, da presidente dell'Alsia, l'opera di dismissione. Senza riuscirci. Sino al 9 ottobre 2003 quando la Regione ed il manager Delfino presentarono, in pompa magna, a Pantanello, il regolamento che avrebbe consentito la vendita in modi e tempi precisi. Delfino dichiar: Ora si fa sul serio. Usciranno gli avvisi pubblici per le varie zone della regione cui faranno seguito le domande di acquisto. Entro 30 giorni risponderemo con la determinazione del prezzo che l'utente potr accettare o contestare aprendo un confronto che dovr essere definitivo. I tempi si sono dilatati. Chi pensava che la cessione dei beni della Riforma fosse cosa fatta servito. Dopo due anni da quell'ottobre, l'opinione pubblica ha il diritto di sapere quali e quanti beni sono stati alienati. Invece, Regione ed Alsia, ancora una volta, hanno fatto l'elenco di ci che c' da vendere (8.779 ettari di terreni, 2.734 ettari di boschi, 326 fabbricati, 303 suoli, 43 borgate) o da cedere gratis ai Comuni (1.129 km di strade rurali, 1 acquedotto, 737 ettari tra canali, fossi e altre opere di civilt). E la saga della vendita dei beni ex Esab ancora al di l dalla parola fine. Filippo Mele






news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news