LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sorpassi. Il centrodestra molla la Scala e punta su Parma.
Il Riformista, 21-DIC-2005


Pioggia di soldi per il teatro che piace a Lunari, Bottiglione e Gonfalonieri

Tutti a Parma. Un sano ritorno a Verdi e alla sua terra, ironizzano dalla Scala. Che mentre al glorioso Piermarini la finanziaria taglia i fondi (circa 6,5 milioni di euro in meno su un totale di 33 milioni di finanziamento statale 2005), dopo il felice avvio del nuovo corso artistico lissneriano e la querelle infinita sull'ingresso in cda della provincia (l'emendamento che doveva allargare il board da 7 a 9 membri non passato, anche se Buttigliene dice che far di tutto per modificare in extremis la finanziaria), a Parma, invece, in assoluta contro tendenza, strapiovono soldi pubblici per la lirica. Milioni di contributi extra Fus, cio fuori dei cordoni tradizionali del Fondo unico dello spettacolo. 6 milioni e 300mila euro sul 2006 (esattamente la met dei finanziamenti di cui usufruisce la prestigiosa accademia di Santa Cecilia) che si spartiranno a met la fondazione "Parma capitale della musica", il cui coordinatore quel Mauro Meli (attualmente alla guida del teatro Regio di Parma) che fu discusso sovrintendente per pochi mesi alla Scala, tra Fontana e Lissner, e la fondazione Toscanini.
Da dove arrivano i soldi? DallArcus, la societ mista ministero Beni culturali, trasporti e infrastrutture, inventata nel 2004 proprio per dirottare risorse pubbliche a progetti musicali e artistici. Niente di male. Ma il punto che tutto avviene in assoluta discrezionalit: qui le lobby possono agire indisturbate e nell'ombra. Se vero che alla fondazione Toscanini, che gestisce sia l'orchestra Toscanini che la Filarmonica, di cui direttore Lorin Maazel, i 3 milioni e passa dell'Arcus andranno in aggiunta ai 2,4 milioni stanziati regolarmente dal Fus mentre la ben pi famosa Orchestra Verdi di Milano nel 2005 non ha ricevuto nemmeno un euro dall'Arcus, nonostante abbia molti pi spettatori della Toscanini.
Un paradosso un po' equivoco, insomma. Ma un paradosso che ben si spiega dando un'occhiata all'organigramma del comitato d'onore di "Parma capitale della musica" (Meli, nel triennio 2005 - 2008, ricever un assegno di ben tre milioni annui per coordinare Regio, Toscanini e festival Verdi, tutte istituzioni artistiche che gi ottengono soldi dal Fus), dove siedono oltre al sindaco berlusconiano, Ubaldi, i ministri Lunardi, che parmigiano, e Buttiglione, l'Aga Khan, ma soprattutto Fedele Gonfalonieri che porta in dote da Milano il contratto con Retequattro che garantiva sulle esibizioni della filarmonica quando ne era il presidente, e poi Riccardo Muti.
Cos grazie (anche) ai soldi di Arcus, in piena austerity finanziaria, la stagione parmense 2005/06 si annuncia di grande livello: gireranno sul palco Muti, Menta, Rostropovic, Maazel, Masur. Grandi bacchette quasi tutte legate ad uno stesso potente agente, quel Valentin Proczynski che ha interesse a spostare i suoi artisti dove pi alti sono i cachet ( anche l'agente all'estero di Muti). Ma basta l'abilit di un agente a spiegare la trasformazione della citt emiliana nella nuova mecca della lirica italiana, in una specie di Salisburgo verdiana? Certo che no.
E infatti d sarebbe dell'altro, al netto della giusta attenzione finanziaria per una citt che dopo il crack Parmalat diventata capitale europea della sicurezza alimentare. Come confermano alcune fonti autorevoli, la fuga degli ex scaligeri in Emilia (Meli, Muti Gonfalonieri) e la fronda alla Scala, che dista appena un centinaio di chilometri, viaggia in realt su binali pi prosaici, rispondendo ad una ben congegnata operazione di lobbing politico/istituzional/culturale con ottime entrature in questo governo. Non essendoci riusciti a Milano, ritentano l'operazione salotto buono a Parma, la tesi pi accreditata. Tanto che dietro ci sarebbe anche lo zampino di Tronchetti Provera, l'altro ex di oscuro del cda scaligero, gi main sponsor del Ravenna festival di cui Maria Cristina Mazzavillani, moglie del maestro Muti, presidente. Perch Tronchetti? Perch il gran capo di Pirelli Telecom, super estimatore di Muti, la primavera scorsa, resosi conto che il duro Lissner non si sarebbe pi prestato ad accollarsi l'onerosa gestione dei suoi Arcimboldi (che a quel punto han perso il valore aggiunto del co-branding "Scala"), uscito dal cda scaligero sbattendo la porta. E siccome tutto si tiene, a Milano gira voce che Tronchetti, con la sua Pirelli Re, sarebbe interessato alla partita sulla costruzione della nuova sede dell'agenzia europea per la sicurezza alimentare. Niente di male, intendiamoci. Ma forse anche per questo che Parma diventer capitale della musica.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news