LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tutelare il ruolo regionale nella difesa del paesaggio
Domani - Calabria, 21-DIC-2005


Il documento di 16 Regioni per proposta di modifica del "Codice Urbani"

CATANZARO Sedici Regioni italiane, di cui la Calabria capofila, hanno bocciato senza appello la proposta di modifica della parte del "Codice Urbani" dedicata alla tutela paesaggistica, proposta avanzata dal ministro dei Beni Culturali, Rocco Buttiglione, ed esaminata dal Governo lo scorso 16 novembre. La decisione stata presa dalla commissione della Conferenza Stato-Regioni che ha competenze sulle tematiche relative alla difesa del paesaggio. La commissione, presieduta dallassessore all'Urbanistica della Regione Calabria, Michelangelo Tripodi, ha approvato un dettagliato documento di valutazione in cui si esprime parere negativo sullo "schema di decreto recante disposizioni correttive e integrative del Codice dei Beni culturali e del paesaggio". La riunione del tavolo tecnico, che ha prodotto il documento condiviso da Regioni di centrodestra e centrosinistra, avvenuta nella sede romana della Regione Calabria. La proposta del ministro Buttiglione - ha dichiarato Tripodi - oltre che rappresentare un pericoloso passo indietro nelle politiche per la tutela del paesaggio, perch prefigura un nuovo accentramento dei poteri nelle mani degli organi di Governo, costituisce un macroscopico e del tutto immotivato stravolgimento del Codice Urbani approvato appena lo scorso anno. Il testo, che abbiamo considerato inemendabile nel suo impianto complessivo - ha aggiunto l'assessore calabrese - manifestamente non valido dal punto di vista tecnico e presenta diversi vizi di incostituzionalit, perch le nuove previsioni legislative minaccerebbero in maniera palese l'autonomia normativa e organizzativa delle Regioni e anche perch la norma che si tenta di emendare fssa in maniera precisa le modalit attraverso cui sarebbe possibile apportare solo limitate modifiche. Modalit che sono state completamente disattese, tenuto conto che la proposta del ministro null'altro che una generale e incomprensibile riconsiderazione della materia, peraltro senza il minimo coinvolgimento delle Regioni. Il documento approvato dalla commissione, dopo una premessa in cui viene rimarcata lassenza di confronto preventivo nella fase di stesura della bozza di decreto, si articola in tre parti che comprendono le "Osservazioni di carattere tecnico-giuridico", le "Osservazioni di carattere contenutistico-disciplinare" e le "Ricadute operative" previste nel caso di approvazione definitiva della norma proposta dal ministro Buttiglione. Nel documento, a proposito della proposta legislativa in esame, si afferma che "la maggior parte delle norme sono dirette a limitare gli ambiti di discrezionalit del legislatore regionale, in materia di tutela del paesaggio e di gestione dei relativi vincoli. Delle 5 incongruit tecniche riscontrate nella sezione del documento dedicata alle "ricadute operative", almeno 2 appaiono ampiamente distorsive, gi nel breve periodo, dell'intera legislazione tuttora in vigore. Se passasse questa proposta si avrebbe la vanificazione dell'attivit gi svolta dalle Regioni, in materia di pianificazione paesaggistica sulla base degli accordi o delle intese finora raggiunti con il ministero", e si arriverebbe all'azzeraniento dell'attivit tecnica e\o legislativa regionale, gi realizzata in attuazione del Codice Urbani. Il governo - ha proseguito l'assessore all'Urbanistica della Calabria Tripodi - sembra volere di nuovo il caos in questa delicata materia che, in precedenza, era emersa dalle secche dei lunghi contenziosi giudiziari, solo grazie al senso di responsabilit dimostrato dalle Regioni che si sono impegnate a raggiungere quella mediazione che poi ha portato al varo del Codice Urbani. La Calabria si pone a capo delle Regioni che contestano questa proposta, perch vogliamo confermare l'impegno che come Giunta Regionale abbiamo assunto per favorire i processi di snellimento degli iter amministrativi e l'attribuzione delle deleghe agli Enti". Oltre alla Calabria, le Regioni che hanno sottoscritto il documento sono la Basilicata, l'Umbria, la Lombardia, la Toscana, l'Emilia-Romagna, la Puglia, il Veneto, l'Abruzzo, la Sardegna, il Lazio, la Liguria, il Piemonte, la Campania, il Friuli Venezia Giulia e la Sicilia.
Il documento stato gi trasmesso al ministero e i tecnici delle Regioni sono stati convocati per domani nell'ambito della Conferenza Stato-Regioni.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news