LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

(Genova) Teatro, lo scandalo dei fondi pensione
Claudio Caviglia
SECOLO XIX, 2I-DIC-2OO5




Mancano 9 milioni regolarmente versati. Il fascicolo in procura. Rischiano di finire nei guai molti personaggi eccellenti

Lunica cosa certa, finora, la dimensione del "buco": nove milioni di euro. Le responsabilit penali e civili dei singoli amministratori, invece, devono ancora essere definite. Il caso dei fondi pensione dei lavoratori del Carlo Felice e dell'ex Ente lirico approdato in procura. E del caso si discuter anche in consiglio comunale: il 12 gennaio, il commissario straordinario del Fondo riferir la situazione, nella Sala Rossa di Tursi.
E una spada di Damocle enorme quella che pende (insieme a tutte le altre) sul futuro del teatro lirico genovese, in questi giorni gi al centro della bufera per il taglio dei fondi spettacoli e per le vertenze dei dipendenti.
Una spada che pende anche sulla testa di amministratori, di sovrintendenti e sindaci che si sono succeduti alla guida dell'ente lirico e della fondazione Carlo Felice dal 1971 ai giorni nostri. La legge parla chiaro: i vari amministratori potrebbero essere chiamati a rispondere "in solido" delle somme mancanti, insomma, potrebbero essere costretti a risarcire di tasca propria l'ammanco quantificato dalla magistratura.
La situazione molto delicata e intricata: il caso ormai da qualche mese sul tavolo del pubblico ministero Valeria Fazio, che sulla base della relazione del commissario straordinario nominato dalla Covip, l'Autorithy che deve vigilare sui fondi pensione, adesso dovr decidere quale ipotesi di reato contestare ai presunti responsabili. Secondo indiscrezioni, tuttavia, l'elenco dei personaggi che rischiano di finire nei guai molto lungo: non solo esponenti politici, ma anche sindacalisti ed ex dipendenti dell'Ente lirico che sedevano nel cda del Fondo. Non solo. Se la consegna alla procura della relazione da parte del commissario era un atto dovuto, sono pronte a partire almeno altre due cause civili: una sar promossa dallo stesso commissario straordinario ai primi di gennaio (intentata nei confronti della Fondazione Carlo Felice), l'altra sar presentata dai lavoratori che hanno visto sparire i propri risparmi.
Ma cosa successo? Secondo quanto accertato dal commissario nominato dalla Covip, il commercialista genovese Ermanno Martinetto, consulente "storico" del Tribunale, i soldi che dovevano costituire il fondo integrativo pensioni dei lavoratori (costituto dai versamenti effettuati con il 2 per cento dello stipendio trattenuto ai lavoratori, il 4 per cento versato dall'Ente lirico prima e dal Carlo Felice poi) sono stati distratti ed utilizzati per altri scopi, anche per organizzare spettacoli e finanziare l'attivit musicale e teatrale. Secondo quanto accertato, in questi 35 anni, nessuno si sarebbe messo dei soldi in tasca. Ma non questo il punto. I soldi sono spariti. Ed quello che conta, sia da un punto di vista penale che civile.
A quanto pare, all'inizio degli anni '90, l'amministrazione comunale genovese aveva anche provato a "tappare" la falla. Insomma, Tursi aveva versato qualche miliardo delle vecchie lire nelle casse del Fondo, soldi che erano di tutti i cittadini, per coprire il buco creato in modo allegro dagli amministratori del fondo. E anche questo un aspetto sul quale la magistratura dovr fare chiarezza. Una somma, quella versata legalmente o illegalmente da Tursi (si vedr), che si comunque rivelata largamente insufficiente: gli amministratori comunali avevano infatti versato i soldi mancanti, maggiorati dagli interessi legali. Ma i nuovi calcoli effettuati dal commissario rivelano un buco di circa 9 milioni di euro. Per definire l'entit del buco, infatti, il commissario Martinetto ha fatto un calcolo semplice: non ha applicato alle somme che dovevano essere presenti sul conto gli interessi legali, ma ha calcolato quanto avrebbe fruttato la stessa somma se fosse stata investita in bot.
Il caso esploso qualche tempo fa, quando sono mancati i soldi che dovevano garantire la pensione ad alcuni lavoratori. Da Roma intervenuta la Covip, che ha analizzato la situazione e ha subito capito che non c'era pi nulla da fare. Insomma, che l'unica soluzione era quella di decretare la "morte" del fondo integrativo.
Dopo aver ricostruito puntigliosamente tutti i passaggi, la scorsa estate il commissario ha contestato la somma mancante alla Fondazione Carlo Felice che ha "ereditato" oneri e onori dall'ex Ente lirico. Una contestazione notificata, con una lettera raccomandata, all'attuale sovrintendente Gennaro Di Benedetto. La risposta di De Benedetto stata secca: Non devo nulla. Nel frattempo, il commissario ha spedito il fascicolo in procura. Ed stato invitato a riferire la situazione al consiglio comunale, dove parler agli amministratori di Tursi a gennaio. Una volta illustrata la situazione ai consiglieri comunali, partir l'azione legale nei confronti della Fondazione Carlo Felice.
In questi mesi anche i lavoratori hanno deciso di far valere le proprie ragioni. Gli iscritti al sindacato autonomo Snater hanno nominato i propri legali.
Ma ieri pomeriggio uno degli avvocati, Ennio Pischedda, non ha voluto rilasciare dichiarazioni: La relazione del commissario ancora un atto segreto. Vedremo nei prossimi giorni cosa decider di fare il pm Fazio.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news