LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Diocleziano, quelle Terme aperte a met
Paolo Brogi
Corriere della Sera, 20/12/2005

Finalmente si progetta come recuperare le zone chiuse da anni del Museo delle Terme di Diocleziano. Aule alte 25 metri, come Massenzio, piene di magnifici sarcofagi. Pi il cinquecentesco chiostro Ludovisi...
Il grande spreco proprio all'ingresso di Roma.
Un libro compilato con amore e dedizione dall'archeologa Maria Antonietta Tomei e dall'architetto Marina Magnani, della direzione del Museo Nazionale Romano alle Terme di Diocleziano, affronta il problema. E ne propone una soluzione: restaurare e riaprire al pubblico ci che giace chiuso e abbandonato nelle grandiose Terme di Diocleziano. un secondo museo, l'altra met se non di pi di quello attualmente aperto, chiamiamola la met oscura. Servono soldi, naturalmente, per riaprire. Con coraggio Tomei e Magnani, sostenute dal sovrintendente Bottini, dicono: Troviamoli... Facciamo se necessario un Project financing... cerchiamo sponsor... mettiamoci quel che possiamo dei nostri soldi... ma insomma riapriamo.
Di che parlano? Degli spazi off limits del Museo, una meraviglia piena di mistero e di potenzialit. Entrarci un'emozione. Sono chiuse al pubblico le 14 grandi, grandissime Aule che in anni lontani hanno ospitato esposizioni e mostre, per poi cadere in un lungo oblio da cui non sembrano pi in grado di riemergere. Solo come pavimentazione si superano i 2500 metri quadri. Ma la vera bellezza in altezza, in metri cubi. Non a caso qui dentro Rodolfo Lanciani organizz nell'Italietta del 1911 la grande esposizione che permise di numerare le Aule, numerazione che ancora resiste sulle altissime murature di laterizi. E ora?
Il Museo nazionale romano che aperto al pubblico resiste dal 1889 abbarbicato nelle sale prospicienti il bellissimo Giardino dei Cinquecento dirimpettaio della Stazione Termini e di tutta quella serie di bancarelle che costellano il marciapiede antistante. Immette, dopo la visita al suo vastissimo dipartimento epigrafico (la pi grande raccolta di epigrafi romane ma anche greche che ci sia al mondo, con quindicimila pezzi di straordinario rilievo) e alla sezione della Protostoria romana, nel Chiostro di Michelangelo, una passeggiata nel silenzio di centinaia di reperti allineati sotto i portici come edicole, statue, erme. ci che resta di patrimonio dopo la fuoriuscita di molte opere che sono state trasferite a Palazzo Altemps (la collezione Ludovisi) o al vicino Palazzo Massimo.
Sembra gi molto, eppure non lo appena si schiudono le porte di tutto ci che oggi off limits. Basta farsi aprire la porta che immette nel secondo Chiostro del Museo, il Chiostro Ludovisi, che giace chiuso e in precarie condizioni (salvo il tetto a capriate rifatto da poco tempo) accanto al chiostro maggiore michelangiolesco. L le pareti mostrano le iniezioni nere di cemento, i vetri rotti indicano il cielo, tutta la struttura cinquecentesca mostra ci che questo luogo potrebbe diventare insieme al primo piano che per le progettiste potrebbe ospitare in futuro uno spazio espositivo di migliaia di oggetti oggi chiusi nei depositi. Ci riferiamo agli instrumenta domestica - dicono Tornei e Magnani - Le suppellettili della vita quotidiana romana, vetri, lucerne, piatti, bronzi, bronzetti, gioielli ma anche arnesi da lavoro. Trabocchiamo di materiali non esposti. Nel solo caveau di Palazzo Massimo sono stati trasferiti ben 55.000 frammenti....
Ma la meraviglia subito dopo, nelle Aule, che fanno parte della struttura originaria ideata per le pi grandi Tenne dell'antichit, i bagni di Diocleziano sorti tra il 298 e il 306 dell'era volga re. L'ingresso oggi alla rovescia, rispetto alla numerazione ideata nel 1911. Si parte dall'aula XI e si va verso la I, passando per ci che resta della natatio, la grandiosa piscina in cui si dice entrassero anche tremila romani insieme. Alla prima occhiata si capisce subito perch queste Terme, che erano state progettate con i lati di quasi 400 metri di lunghezza, siano state considerate un portento fin dall'antichit affascinando poi generazioni di artisti, dal Petrarca che in una famosa lettera (Epistole familiari) se ne mostra totalmente affascinato al Bramante, ai Sangallo, al Peruzzi, ad Andrea Palladio. Queste aule possono diventare un museo di se stesse, sostengono convinte Tomei e Magnani indicando tutto ci che gi incredibilmente disseminato da una sezione all'altra fino alla grande distesa di sarcofagi che riempiono l'aula I (uno mostra un incredibile e struggente giovinetto finemente adagiato con le gambe intrecciate e una veste ondulata che lo accarezza, mentre alla sua mano si avvicina minaccioso un serpentello marmoreo).
L'aula XI, forse la pi maestosa, lunga una quarantina di metri, l'altezza di 25. Vicino c' l'Aula IX, a cielo aperto, e due esedre contrapposte. La IV contiene ancora un tempietto tetrastilo corinzio di Torrenova, del II secolo d.C. La VI mostra la riproduzione altissima in gesso della porta del tempio di Roma ed Augusto ad Ancyra (l'Ankara turca di oggi). Fuori ci sono le piscine, poi il percorso torna al coperto. Sembra incredibile che tutto ci non possa essere messo a frutto.
Eppure lo spreco l, alla porta d'ingresso della citt, Il nostro progetto diviso per lotti e settori - spiegano Tomei e Magnani -. Per il primo triennio abbiamo previsto una spesa di 25 milioni di euro. Ma con quel che qui ne potrebbe venir fuori, la citt e tutto il paese potrebbero essere arricchiti di uno spazio museale nuovo di straordinario potere suggestivo. In questo luogo non difficile pensare alla nascita di grandi eventi culturali.... Pi in l ci sono gi recuperate le aule olearie, sotto l'ex Magistero, e poi l'Aula Ottagona, separata dal resto da via Cernaia, una ferita introdotta nel 1878. Da qualche giorno il progetto di recupero delle Tenne nelle mani del sovrintendente Angelo Bottini. Le sue prime parole sono state: Fantastico. Ma ora bisogna trovare il modo di farlo diventare realt....



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news