LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Una fondazione da Faraoni
Marco Francalanci
Il Secolo XIX, 20/12/2005

II Museo Egizio di Torino passa ai privati e apre la strada a un esperimento ligure.
Tre mostre per evocare con la tecnologia l'incanto del passato
Al tempo record di 15 mesi il museo sulla civilt egizia pi importante dopo quello del Cairo diventa fondazione privata. Entusiasta il ministro Buttiglione che vuole ripetere l'esperimento: Ci sono trattative avviate anche in Liguria ma presto per renderle pubbliche senza il rischio di bruciarle

Torino. Se l'Alta velocit ferroviaria per Torino ancora un sogno, la cultura ha bruciato le tappe, "costruendo" a tempo di record il nuovo Museo Egizio. Cos il ministro per le Attivit Culturali Rocco Buttiglione ha sancito il passaggio di consegne del vecchio Museo statale alla fondazione privata costituita appena un anno fa.
Si potrebbe dire che le mummie sono state pi veloci dei treni, considerato che nell'ottobre 2004, per il restauro del prezioso Papiro di Artemidoro, veniva illustrato il progetto per la privatizzazione del primo museo statale italiano. Progetto diventato realt immediatamente, per non perdere la grande occasione delle Olimpiadi invernali che si apriranno fra 50 giorni e che rappresenteranno una vetrina internazionale per la citt della Mole.
Ecco cos che, prima ancora del passaggio formale della propriet alla Fondazione Museo Egizio, costituita dalla Compagnia di San Paolo e dalla Fondazione CRT, si subito dato un volto nuovo agli interni del settecentesco palazzo di via Accademia delle Scienze che lo ospita da sempre. Le nuove sale sono state attraversate per la prima volta ieri mattina dal ministro Buttiglione guidato dal presidente della Fondazione Alain Elkann e dalle autorit cittadine, alcune delle quali attonite davanti ai nuovi allestimenti, che valorizzano come non mai le migliaia di reperti in dotazione al Museo, il secondo per importanza al mondo dopo quello del Cairo.
Il ministro, entusiasta, ha apprezzato la validit dell'esperimento, annunciando che quanto prima ci saranno trattative per il passaggio ai privati di altri preziosi edifici storici in tutta Italia. I primi potrebbero essere proprio le residenze sa-baude di Venaria, Rivoli, Stupinigi e Racconigi, tanto vero che dopo le Olimpiadi ci sar un nuovo incontro a Torino proprio su questo tema. Poi, forse, toccher alla Reggia di Caserta. E in Liguria? Ci sono trattative avviate molto interessanti - annuncia il ministro - ma ancora troppo presto per renderle pubbliche senza correre il rischio di bruciarle. Vedremo. L'oggi, intanto, rappresentato dal profondo rinnovamento del Museo Egizio, nato ufficialmente nel 1824, quando gi contava oltre seimila reperti. Tanto che il francese Champollion, decifratore dei geroglifici, ebbe a dire che la strada verso Tebe e Menfi passa da Torino. Questo grazie anche a Napoleone, che avrebbe voluto fare di Torino il secondo centro culturale pi importante dell'Impero dopo Parigi e che don all'Universit un grandissimo quantitativo di preziosi oggetti e statue. Attualmente i reperti in dotazione al museo sono oltre trentamila, la maggior parte ancora da catalogare e questo da un'idea della potenzialit dell'ente. Nonostante i tempi ristrettissimi, la Fondazione ha gi programmato tre importanti mostre che si svolgeranno in occasione delle Olimpiadi invernali: "Riflessi di pietra", cio il nuovo allestimento delle sale con le statue curato dallo scenografo Dante Ferretti, e "La vita quotidiana nell'antico Egitto" con la valorizzazione delle straordinarie pitture della tomba di Iti e della moglie Neferu. Nel vicino Palazzo Bricherasio si svolger invece la mostra sul Papiro di Artemidoro, con la pi antica carta geografica giunta a noi. Un reperto di epoca tolemaica, riemerso avventurosamente dopo duemila anni. Entrato a far parte chiss come di un rotolo di cartapesta, stato individuato per caso, recuperato e restaurato per la gioia di chi si appassiona alla storia e alla vita dei popoli che ci hanno preceduto. Questo per ora, ma si spera di realizzare presto un evento espositivo nello storico Palavela.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news