LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I faraoni ad Alta Velocit
Renato Rizzo
La Stampa, 20/12/2005

Il Museo Egizio? Un esempio della nuova cultura ad Alta Velocit: il ministro per i Beni culturali, Rocco Buttiglione, aggiorna in chiave Tav l'affermazione di Jean-Franois Champollion, mitico decifratore dei geroglifici, che nel 1824, dopo aver visitato le collezioni egizie dei Savoia, esclam ammirato: La strada per Menfi e per Tebe passa da Torino. Ci passa ancora, ma, da oggi, un baleno. Perch la raccolta, seconda al mondo per ricchezza di reperti solo a quella del Cairo, viaggia con il turbo verso una nuova stagione in cui i 6500 pezzi esposti e i 26.500 che giacciono nei magazzini diventeranno attori d'una rivoluzione: trasformare il museo in un luogo nel quale l'arte sia spettacolo nobile e attraente per tutti. Ieri, davanti a un parterre di studiosi e d'imprenditori - tra i quali anche il vicepresidente della Fiat, John Elkann - s' ufficialmente aperto il cantiere di questa Venaus della cultura che non vede contestazioni: la sigla dell'accordo con il quale lo Stato, per la prima volta nella propria storia, affida un suo bene a una gestione a partecipazione privata. L'Egizio passa alla Fondazione presieduta da Alain Elkann e i cui soci sono la Compagnia di San Paolo e la Fondazione Cassa di Risparmio insieme con Regione Piemonte, Provincia e Citt di Torino. C' una prospettiva federale - ha sostenuto Buttiglione - in quest'operazione attraverso cui lo Stato condivide la tutela dei beni museali. Le istituzioni pubbliche, singolarmente, non ce la possono fare. E, visto che a far male ci si riesce anche da soli, opportuno tendere sempre pi a un modello pubblico-privato. Estenderemo il principio anche ad altre realt: il circuito delle Residenze Sabaude, per restare in Piemonte, e probabilmente, la Reggia di Caserta. Tra i progetti, comunque, ci sono anche altre opzioni nel resto d'Italia. Il tutto, ministro, mentre la Finanziaria ha decurtato le risorse del suo dicastero... Beh, abbiamo recuperato circa la met dei tagli previsti che erano del 33%. Un grande risultato, ma sempre tagli sono.
L'Egizio, dunque. Dovr essere il capofila d'un rinnovato sistema di mettere in vetrina la storia in un Paese dove il responsabile dei Beni culturali fa una denuncia che sembra un paradosso: Dopo una visita a Colonia la gente sa pi cose dell'Impero romano che attraversando il Foro nella nostra capitale. Ci sono meno reperti, certo, ma i supporti tecnologici e le spiegazioni sono formidabili. Perch - aggiunge con un'altra affermazione spiazzante - le pietre sono come i mafiosi: parlano solo se sai fare loro le domande giuste. Il rilancio del museo torinese ospitato nell'antico palazzo del Guarini, nato come scuola gesuita, coster 50 milioni di euro: Il primo passo del rilancio di questa raccolta che merita d'iscriversi nelle grandi mete museali del Paese - spiega Alain Elkann - ormai compiuto. Dopo aver nominato un comitato scientifico internazionale e la nuova direttrice, Eleni Vassilika, abbiamo recuperato con i colori originali l'architettura delle sale, restaurato le vetrine storiche, predisposto pannelli informativi e didascalie in due o tre idiomi (costo 800 mila euro, ndr). A fine gennaio saremo pronti per accogliere in modo degno i turisti che arriveranno per le Olimpiadi. Un benvenuto che sar rivolto con tre grandi iniziative: la mostra La vita quotidiana nell'antico Egitto e, a Palazzo Bricherasio, quella sul papiro di Artemidoro, a cui si aggiunger un nuovo allestimento dello Statuario del Museo. Il tutto arricchito dall'introduzione di servizi per una migliore accoglienza dei visitatori e dalla pubblicazione di guide bilingui.
Ma il nuovo Egizio ha bisogno di altri spazi per mostrare i suoi tesori, aumentando anche il numero dei 350 mila visitatori che annualmente varcano il portone dell'edificio per viaggiare nella Terra dei Faraoni: Ecco perch - dice Mario Turetta, direttore regionale per i Beni Culturali - contiamo di acquisire anche la Galleria Sabauda, ospitata nello stesso palazzo, che potr essere trasferita altrove. I tempi? Non pi di 3-4 anni.
Progetti che si rincorrono. Alain Elkann sogna una struttura dove poter allestire grandi mostre a tema: Penso al Louvre, che pure ha le sue collezioni egizie, ma che, se decide di organizzare rassegne temporanee, utilizza strutture esterne. Non solo esposizioni, per: il turismo colto, qui, si deve intrecciare con un'inesausta ricerca scientifica. Ancora il presidente della Fondazione: Ecco perch fondamentale che, a Torino, finalmente sia tornata, dopo un secolo, una cattedra di Egittologia. La regger il professor Alessandro Roccati e certo svilupperemo con l'Universit sinergie che un po' s'erano allentate. la mission che il museo ha dato a se stesso: una nuova visione nel gestire il patrimonio, senza lasciar depositare la polvere nelle antiche stanze. Ad Alta Velocit, appunto.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news