LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Antichit fuori dal tunnel. Esposti a Palazzo Altemps i reperti trovati sotto il Gianicolo durante i lavori per il Giubileo
DI PAOLO LIVERANI
18-DIC-2005 Il Sole 24 Ore




Due stanze stipate di capitelli e lastre di marmi pregiati di almeno quindici variet: il "rosso antico" cavato da capo Tenaro nella Grecia meridionale, il marmo africano, il verde serpentino, l'ardesia, il "giallo antico" della Numidia e l'elenco potrebbe continuare. Questa stata la sorpresa che aspettava gli archeologi che nel 1999 scavavano incalzati dalle ruspe nell'area in cui doveva passare il tunnel della rampa che, all'uscita del traforo del Gianicolo verso il Tevere, risaliva il colle in direzione del parcheggio sotterraneo.
Lo scavo, forzosamente ce-lere e limitato all'area interessata dai lavori, aveva messo in luce una doppia fila di stanze di un'abitazione con varie fasi costruttive tra il II e il III secolo dell'Impero. Le pareti erano decorate con affreschi di mano abile, ma di livello comune e facevano pensare ad ambienti di servizio. Si disse allora che fossero parte della villa suburbana di Agrippina Maggiore, la madre di Ca-ligola, che le fonti collocano in Vaticano. In realt non solo le strutture, ma anche i marmi rinvenuti sono sia pure di poco pi tardi di Agrippina (morta nel 33). Inoltre, a essere pignoli, le indicazioni in nostro possesso si limitano alla valle dove Caligola costru il suo circo, nell'area a fianco dell'attuale basilica di S. Pietro, e alla zona di via della Conciliazione fino al medioevale ospedale di S. Spirito, mentre tacciono della fascia tra il Gianicolo e il Tevere.
In ogni caso, vicino a queste modeste stanze doveva trovarsi un ambiente straordinariamente lussuoso e di poco pi antico, databile verso la met del I secolo. Le pareti di tale ambiente erano rivestite di marmi esotici che vennero smontati in un momento non precisabile, accatastati ordinatamente sul pavimento e rimasero infine sepolti per qualche accidente naturale, forse un terremoto.
Sta di fatto che nemmeno il visitatore pi smaliziato che si affaccia a Palazzo Altemps alla mostra I colori del fasto, dedicata ai rinvenimenti di questo scavo, nemmeno il pi consumato esperto di marmi antichi, si diceva, potr trattenere un sussulto di fronte ai due splendidi capitelli di parasta alti ben 70 centimetri all'inizio del percorso. Sono formati ciascuno di una lastra di rosso antico su cui aderiscono le foglie delicatissime del cespo di acanto di bianco marmo palombino e di giallo antico, nonch fiori di calcare verde. Sono steli esili e fragili che solo un mago dello scalpello poteva realizzare e che erano fissati al loro rosso supporto mediante incassi e mastice. una tecnica di cui erano noti scarsissimi esempi e nessuno paragonabile per dimensioni e livello qualitativo. Al di sotto dei capitelli, la parasta continuava con un disegno a rettangoli di marmo pavonazzetto e rosso antico dal design geometrico ed essenziale, che non stonerebbe in un arredo moderno.
L'aula in cui compariva questo prodigio dell'intarsio marmoreo aveva almeno altri due ordini di capitelli origina-lissimi in marmo bianco, che sono stati trovati smontati e anch'essi allineati lungo le pareti, nonch un .rivestimento di alabastro. Le lastre di questo marmo, spesse due dita, hanno un tono caldo inimitabile e possiamo solo immaginarne l'effetto complessivo. La parete doveva essere articolata a nicchie bordate da policrome cornici marmoree e decorate da piccole statuette: se ne salvato solo un esemplare, una squisita figurina femminile con diadema e lunga veste cadente da una spalla, il tipo ben noto della Venere Genitrice, la dea protettrice della famiglia di Augusto, a cui era dedicato il tempio del Foro di Cesare.
Diffcile dire per quale nuova destinazione fossero stati smontati i preziosi marmi. Possiamo pensare che l'operazione fosse avvenuta in epoca tarda, dal IV secolo in poi, quando il sistema di approvvigionamento di questi prodotti di lusso era entrato progressivamente in crisi e si riutilizzavano sistematicamente elementi delle costruzioni pi antiche. Il re Teodorico, per
esempio, comanda in una lettera dei primi anni del VI secolo al patricius Festo di inviare a Ravenna, evidentemente per il suo nuovo palazzo, i marmi che giacevano smontati nel palazzo sul Pincio, quello scavato di recente dagli archeologi francesi nel parco di Villa Medici. E un papiro egiziano da Ossirinco, della prima met del IV sec, conserva una lista di colonne che si trovavano in una citt egiziana non meglio identificabile. Di tali colonne era specificato l'edificio di pertinenza, le dimensioni, la presenza di basi e capitelli, la pietra, la conservazione. Era la contabilit di un qualche progetto che prevedeva di restaurare o di costruire ex novo un edificio utilizzando le spoglie di edifici preesistenti mal ridotti.
Restano dunque dei punti interrogativi sulle origini e sulla fine di questa domus: il proseguimento degli studi e dello scavo nelle aree adiacenti potr dare qualche indicazione ulteriore. In ogni caso bisogna riconoscere il merito degli archeologi della Soprintendenza di Roma, che hanno lavorato tenacemente anche in una condizione di emergenza, nel clima concitato dei lavori giubilari: senza la loro capacit e dedizione una pagina nuova e intrigante dell'archeologia di Roma si sarebbe persa irrimediabilmente.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news