LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

COSENZA: Il mercato segreto e redditizio dei reperti
Arcangelo Battolati
18 dicembre 2005 Gazzetta del Sud





COSENZA - Un grande mercato internazionale. Con poche regole e molti vantaggi. Il Meridione d'Italia al centro d'un immenso traffico di reperti archeologici. Un traffico che abbraccia l'Europa e gli Stati Uniti. Il quadro emerge dal bilancio delle indagini svolte, negli ultimi due anni, dai carabinieri del Nucleo calabrese di Tutela del Patrimonio Culturale. L'affare sarebbe gestito da faccendieri in doppiopetto, abituati a mantenere stabili rapporti con ladri d'opere d'arte e "tombaroli" di professione. Gente senza scrupoli che in Calabria incrocia i propri interessi con quelli di antquari assetati di denaro, "uomini di rispetto" della 'n-drangheta e personaggi minori del sottobosco delinquenziale. Piena cognizione della loro preoccupante azione si ebbe, per la prima volta, nell'estate del 2001, quando gli investigatori misero le mani su una holding attiva in Calabria, Puglia, Campania, Toscana e Lombardia. Con un blitz mirato i carabinieri del Ntc (guidati dal capitano Raffaele Giovinazzo) sequestrarono 20.000 monete risalenti al V secolo avanti Cristo e statue in bronzo di grande valore storico. I reperti erano destinati a un imprenditore originario di Gela ma residente in Svizzera. Dalla terra dei Cantoni, il siciliano era pronto a spedire la "roba" - rubata dai "compari" cosentini, vibonesi, crotonesi e foggiani - negli Stati Uniti.

E proprio nelle splendide sale del Paul Getty Museum di Malibu (Usa) finita una meravigliosa scultura bronzea dissepolta dai "tombaroli" a Strongoli. Dal centro del Crotonese la statua stata trasferita in Svizzera e da l in aereo verso la California. Nessuno sapeva dell'esistenza del reperto: il ritrovamento e la successiva commercializzazione non avevano infatti mai superato i confini della clandestinit. Almeno fino a quando, nel corso di una perquisizione, gl'investigatori dell'Arma non scoprirono le foto del reperto custodite gelosamente da un mercante d'arte. Sul retro delle pellicole era indicata la provenienza dell'opera e la data di ritrovamento. I carabinieri non faticarono molto per far "cantare" l'astuto commerciante. La statua era stata individuata in un sito archeologico crotonese e poi venduta, con una serie di veloci passaggi di mano, a dei ricchi statunitensi. La confessione determin ricerche incrociate svolte sul mercato europeo e americano. Dopo mesi di accertamenti salt fuori la verit, scomoda e imprevedibile. Il reperto era esposto a Malibu, tra le opere di maggior valore del Paul Getty Museum. E non certo un caso che dal museo californiano siano stati recentemente rispediti in Italia, 1300 reperti rubati a Francavilla Marittima (Cosenza). Si tratta di "pezzi" saccheggiati nelle scorso decennio e poi immessi nel mercato internazionale attraverso case d'asta svizzere. In Italia i materiali sottratti in Meridione vengono, in genere, piazzati in Lazio, Campania e Toscana. In una casa d'arte fiorentina, stato infatti recuperato, nel settembre del 2003, uno specchio in bronzo, risalente al IV
secolo avanti Cristo, trovato nel lontano 1915 dall'archeologo Paolo Orsi durante degli scavi compiuti a Locri. Lo specchio, nel 1920, era stato donato al museo di Siracusa da dove spar poi misteriosamente. Per ritrovarlo ci sono voluti settantanni. E in una galleria della citt dei Medici sono state pure individuate e sequestrate -sempre nello stesso anno dai carabinieri calabresi - tredici tele di immenso valore rubate nella villa di Marcellina a (Catanzaro) del barone di San Severino. In un museo privato di Reggio Calabria, sono stati invece individuati nell'ottobre 2004, tre dipinti trafugati nel 1984 dalla basilica di San Domenico Maggiore di Napoli. A Spezzano Albanese, pochi mesi dopo, stato arrestato un sessantenne napoletano che si era appena impossessato di busti e statue asportati da una cappella cimiteriale gentilizia. Era rimasto a Cosenza, invece, il dipinto raffigurante una scena di vita di Tobia , sottratto da un ladro nella chiesa del Duomo di Cosenza nell'ottobre 2003.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news