LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ci hanno lasciato le rovine
FEDERICO GUIGLIA
Il Secolo d'Italia, 17/12/2005



Ci sono patrimoni finanziari costruiti sulla sabbia e ci sono patrimoni storici che affondano per un po' di pioggia. Dei primi s'occupa, per fortuna, la magistratura; dei secondi proviamo a scriverne, per disperazione, un po' noi.


Come il debito pubblico, che ci trascineremo di generazione in generazione perch la prima Repubblica ha speso il denaro che non aveva, e soprattutto che era nostro, anche per risanare l'arte partiamo con tre decenni di ritardo. E con i fucili scarichi: non ci hanno lasciato neanche la foto di tutti i beni culturali in Italia, il cui immenso monitoraggio infatti in pieno e soltanto attuale corso. E perci un giorno vedremo almeno al computer le immagini delle tante Domus Auree neppure chiuse per rischio di crolli ma semplicemente mai aperte per mancanza di soldi.
Questa delle rovine rovinate, e non dal tempo, un'onta di cui ancora oggi fatichiamo a comprendere le dimensioni: qualcosa di pi gigantesco, se possibile, delle "scalate" a svariati ed evanescenti zero dei pirati bancari nella modernit. Siamo, sulla base di qualunque classifica e chiunque la compili, il Paese col pi alto numero di tesori non del quartierino ma del mondo. Una sorta di museo a cielo aperto, che comincia a Vipiteno ( un gioiello gi il nome: dal latino "Vipitenum", al quinto secolo risale la prima attestazione) e finisce fra le acque, naturalmente azzurre, di Lampedusa. Un museo di cui impossibile quantificare il valore reale, che frutto non di un'opa fumosa ma dell'opera famosa di chi ci ha preceduto nei secoli dei secoli. Di questa bellezza inferiore ed esteriore, di questa ricchezza inestimabile che per anni ha fatto dell'Italia la nazione pi visitata della Terra, una qualunque classe politica avrebbe vissuto, e in senso buono, di rendita: una pennellata di qua, un restaurino di l, una riscoperta al Sud, un abbellimento al Nord e gi a ricevere, a continuare a ricevere milioni di esterrefatti visitatori da ogni parte del globo. Con tutte le ricadute di economia e di simpatia che una lungimirante azione del genere avrebbe comportato.

Invece Lorsignori sono stati capaci di due follie, e giudichi il lettore quale ne sia la peggiore: istituire il ministero dei Beni culturali solo negli anni Settanta e con un ruolo da serie C Tant' che di solito lo si regalava al povero socialdemocratico di turno. Come se non bastasse, in anni addirittura successivi stato demagogicamente abolito il ministero del Turismo.

E cos i due punti di riferimento dell'eccellenza italiana, in patria e fuori, sono stati il primo declassato fin dalla nascita, e il secondo abbattuto prima che potesse camminare.


Roba da alto tradimento, se l'indifferenza verso la memoria di s e l'offesa ai beni dell'umanit potessero essere contestati almeno quanto l'"insider trading". Che cosa c' di pi grave del giocarsi la ragione stessa del proprio Paese? Quant' stato insensibile, da uno a dieci, chi non s' curato d considerare la presenza, per esempio, di centomila chiese nella Penisola (centomila!) come di una risorsa unica al mondo che non riguarda soltanto preti e credenti?

E cos oggi paghiamo con gli interessi: basta un po' di bufera su Roma e la reggia di Nerone chiude per due anni. E due anni sono un'eternit nella societ che vola sulle ali di Internet.
Troppe ormai sono le emergenze che si richiedono in tanti settori per riparare ai decenni di incuria, di incompetenza, di errori.
Ma soltanto orrore deve chiamarsi l'aver tanto a lungo trascurato il patrimonio dell'Italia. E allora che dalla legislatura 2006, cio da domani, il ministero dei Beni culturali acquisti il peso politico del Viminale, dell'Economia, della Farnesina. Che dal 2006 risorga il ministero del Turismo con un ruolo strategico. Per risalire la china, la scelta semplice: andare nella direzione esattamente opposta a quella della prima Repubblica.
***
Pi del settanta per cento degli iracheni dunque andato alle urne. Nonostante il sangue, il caos, la mancanza di una tradizione democratica. L'unico "partito" sconftto quello dei cosiddetti osservatori, che non osservano mai niente. E perci non vedevano le vie d'uscite che gli iracheni stanno, faticosamente, trovando da s.
* * *
Mister Prodi ha dichiarato che non vivrebbe mai a Roma, "manco morto". Quando pensa di restituire, allora, il nome di battesimo?



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news