LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tagli alla cultura? L'Unione rifletta
di Stefano Tassinari
17 dic 2005 Liberazione




Non ho mai nutrito grande simpatia nei confronti del presidente Ciampi, che spesso trovo retorico e indisponibile, per scelta, a salvaguardare davvero le istituzioni democratiche dagli assalti ali' arma bianca compiuti da Berlusconi e soci. Tanto meno ne ho avuta qualche giorno fa, quando il capo dello Stato ha premiato l'assente Orfana Fallaci con la medaglia d'oro alla cultura, sia pur su indicazione di Letizia Morata'. Detto questo, per, ho molto apprezzato che, perla seconda volta in poche settimane il presidente abbia colto l'occasione per ricordare al governo e al Paese che abbiamo il dovere di sostenere e valorizzare la cultura con le risorse necessarie. A prima vista potrebbe sembrare una frase di rito, ma non lo , specie perch pronunciata proprio nei giorni in cui il governo, tramite una legge finanziaria vergognosa in termini assoluti, si appresta ad assestare il colpo di grazia al mondo della cultura e dello spettacolo, imponendo un taglio di 65 milioni di euro al gi asfittico Fus (Fondo Unico per lo Spettacolo) e un altro di 48 milioni di euro ai fondi ordinari a disposizione del ministero per i Beni Culturali (il tutto mentre, tra gli altri disastri, sta cadendo a pezzi anche la Domus Aurea). Sortir qualche effetto questo messaggio? Ne dubito, ma questo non gli toglie importanza, se non altro perch potrebbe funzionare da monito - e magari anche da stimolo -nei riguardi di chi si appresta a sostituire lo scomodo inquilino di Palazzo Chigi. E s, perch non che la "questione culturale", al di l di qualche parola di circostanza, abbia mai scaldato i cuori della maggioranza dei dirigenti del centrosinistra, da sempre troppo occupati a ragionare di grandi scenari economici (e di equilibri da proporre alla Confindustria) per riservare qualche pensiero costruttivo alla difficile situazione in cui versano l'industria cinematografica piuttosto che il sistema museale, la produzione teatrale o l'editoria di qualit. E allora ben venga il richiamo di Ciampi, soprattutto se servir ai leader dell'Unione per riflettere non solo sul concetto espresso dal presidente (La
cultura l'anima e la linfe vitale di un Paese), ma anche per cogliere il nesso automatico che collega l'impoverimento culturale al degrado sociale e all'incapacit di progettare il futuro. D'altronde, anche in questo caso si tratta di scegliere tra un modello e un altro, o, se si preferisce, tra una priorit e un'altra. Per intenderci meglio, conviene fare qualche esempio. Attualmente, in Italia, l'investimento di risorse pubbliche a favore della cultura pari allo 0,2 percento del Prodotto Interno Lordo (contro lo 0,9 del "povero" Portogallo, 1' 1,3 deEa Francia e via salendo), mentre la spesa per la sola realizzazione dell'insensata ferrovia ad alta velocit nella Val di Susa (considerata strategica e inevitabile da Fassino e Rutelli,..) pari al finanziamento del Fus per i prossimi quarantanove anni (quarantatre se il Fus rimanesse quello "storico", ma alquanto improbabile). Nel contempo, l'Italia scesa all'ultimo posto nella classifica europea degli indici di lettura, la nostra produzione di film la pi bassa degli ultimi decenni, l'indebitamento dei teatri pubblici allarmante (e certo non si risolto con la nascita deEe discutibili Fondazioni aperte ai privati), gli enti locali continuano a ridurre gli stanziamenti specifici (i soli tagli al Fus metteranno a rischio sessantamila posti di lavoro, specie quelli basati su contratti a progetto), mancano importanti leggi di settore (quella sull'editoria librariain primo luogo), mentre altre sono insabbiate da anni nelle commissioni parlamentari (come la nuova disciplina "di sistema" per lo spettacolo dal vivo, terrificante nelle versioni proposte dal centrodestra, ma molto positiva in quella presentata dalla nostra compagna Tini De Simone). In un contesto del genere, a dir poco preoccupante, ci si aspettava di non dover attendere le parole di Ciampi per prendere coscienza del peso di una questione per nulla secondaria, e per fortuna che il riuscito sciopero nazionale dei lavoratori dello spettacolo - realizzato lo scorso 14 ottobre - ha avuto il merito di rompere il colpevole silenzio della sinistra su questi temi e, forse, di spingere il governo a limitare a 65 milioni di euro il previsto tagli di 164 milioni di euro al Fus. Quei lavoratori, per - dagli orchestrali della
Scala alle maschere dei cinema - non hanno bisogno solo di una generica solidariet, bens della certezza che una futura politica culturale "nostra" (e uso questo termine con molta fatica) si basi sull'effettiva consapevolezza del valore strategico di un settore che riguarda la formazione e la crescita di tutti i cittadini, non potendo essere considerato alla stregua di un qualsiasi comparto produttivo, magari pure minore. Solo che un segnale forte va dato subito, prima che ci crolli in testa anche il Colosseo...



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news