LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CIVIDALE Riaffiorano gli affreschi perduti
Cristina Vescul
Sabato, 17 Dicembre 2005 Il gazzettino






La notizia confermata nel corso della presentazione del calendario 2006 pubblicato dalla Banca cittadina

La scoperta di et medioevale sulla facciata dell’ex convento di San Giorgio in Vado

Cividale
Scoperti importanti affreschi di et medioevale sulla facciata della chiesa dell'ex convento di San Giorgio in Vado. La conferma arrivata nel corso della presentazione del calendario 2006 pubblicato dalla Banca di Cividale che quest'anno - nei centovent'anni di fondazione - propone la storia di tale interessante ma poco conosciuto complesso monastico cividalese.

Si tratta - ha spiegato Paolo Casadio, funzionario della Soprintendenza - di affreschi rari proprio per la loro collocazione in facciata, databili ai primi decenni del XIV secolo, importanti perch forniscono la possibilit di ricucire il periodo dell'ultima pittura romanica in Friuli. Gli affreschi, interessanti per l'intera area patriarcale friulana, rappresentano una Crocifissione e un san Giorgio a cui dedicata la chiesa. La scoperta stata effettuata da Lorenzo Favia, ispettore onorario dell'archeologia del ministero per i Beni e le attivit culturali, che da circa vent'anni conduce ricerche storico-artistiche sul complesso conventuale. Complesso che conserva all'interno della chiesa anche antichi affreschi del Duecento quali una Dormitio Virginis e il Martirio di Thomas Beckett. Un ciclo di affreschi inoltre presente nella cosiddetta sagrestia che conserva testimonianze databili alla seconda met del XIII secolo di fattura vicina agli affreschi venuti alla luce sulla facciata della chiesa conventuale.

L'ex convento, attualmente propriet privata e abitato dalla famiglia Coceani con sede di una fattoria didattica, stato oggetto di alcuni interventi di restauro da parte del ministero per i Beni e le attivit culturali, della Regione e della Provincia di Udine. L'importanza di tale bene - ha spiegato Lorenzo Favia - sottolineata anche dall'interessamento delle istituzioni. Il ministero ha, infatti, accolto una richiesta di restauro riguardante il tetto ed il campanile della chiesa. La Regione intervenuta con la messa in luce di tutti gli affreschi recuperati all'interno dell'aula liturgica. La Provincia ha finanziato invece il restauro di un quadro del cinquecento. in cantiere anche una ricerca documentaria che porti alla luce la storia dell'antico complesso conventuale. Il primo documento finora trovato risale al 1207 e testimonia gi una vita monastica attiva e funzionante da tempo. Il convento annovera inoltre la presenza di noti personaggi quali S. Giovanni da Capestrano, una delle personalit pi conosciute nell'Europa del suo tempo; frate Sisto, il fondatore dei Monti di Piet: quello cividalese, sorto nel 1494, uno dei pi antichi.




http://www.gazzettino.it/VisualizzaArticolo.php3?Codice=2708195&Luogo=Udine&Pagina=PROVINCIA


news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news