LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Domus Aurea ad alto rischio
di Silvia Giuberti
16 dicembre 2005 Il Sole 24 Ore





Infiltrati speciali quelli che, alla fine del400, portarono quasi casualmente alla riscoperta della Domus Aurea.


Artisti, cultori di antichit che, calandosi per pochi metri e innumerevoli secoli - attraverso buchi e cunicoli ancora oggi visibili - sulla superficie di terra che aveva riempito quasi interamente le ricche sale, poterono copiare le sorprendenti e ancora leggibili pitture che ornavano le volte. Grotte delle meraviglie, tra fiere e mostri, ninfe e animali marini, meduse, armi e foglie realizzati a fresco. E lAntichit divenne moda. Trasferendo nelle sale e logge di aristocratici e cardinali romani quei motivi ornamentali che presero il nome di grottesche non gi dallaspetto bizzarro e immaginifico quanto dal luogo di ritrovamento. Le ambizioni del controverso Nerone sopravvissero filtrate dallArte. Passando il testimone a Raffaello, Pinturicchio, Giovanni da Udine ed altri celebri artisti del Rinascimento.
Una rinascita, dunque, a dispetto della morte ufficiale della Domus Aurea ad opera degli Imperatori Flavi che, durante la cosiddetta Damnatio Memoriae, fecero seppellire la dimora - dopo averne, tuttavia, trafugato arredi, marmi, statue ed elementi architettonici- per costruire il soprastante complesso delle Terme di Traiano.
Eppure, proprio quei buchi nelle volte viaggi in terra e pietra a ritroso nel tempo- segnarono linizio del deperimento delle pitture, conservatesi in un delicato equilibrio ambientale compromesso dallesposizione a luce, freddo e sbalzi di temperatura. Nonostante le sperimentazioni eseguite dallIstituto Centrale per il Restauro e dalla Soprintendenza Archeologica di Roma tra il 1983 e il 1986, per acquisire precisi dati in funzione dei successivi interventi conservativi, circa l80 per cento delle decorazioni rimane illeggibile. E lapertura al pubblico di quella che stata definita la madre dei sotterranei romani pare abbia causato, nel solo ventesimo secolo, un degrado superiore a quello dei precedenti diciannove. Ora linatteso annuncio da parte del ministro Rocco Buttiglione della chiusura della Domus Aurea per almeno due anni, a causa di problematiche di natura geologico-conservativa, infiltrazioni e rischi per lincolumit dei visitatori. Cos il palazzo del potere antico richiama attuali e urgenti dispute sulla politica italiana in materia di tutela dei beni culturali e artistici.
D'altronde distruzione e danni siglarono sin dal principio il destino della labirintica reggia di Nerone, costruita, infatti, sulla zona maggiormente devastata dallincendio del 64 d.C, tra i colli Oppius, Fagutal e le Carinae. Ottanta ettari di Gloria e Lusso, affidati agli architetti Severo e Celere, per una struttura complessa, articolata in due parti le cui differenze planimetriche hanno suscitato interrogativi tuttora irrisolti. Una parte occidentale, costituita da un grande cortile di pianta rettangolare, circondato da un portico di ordine ionico, lungo il quale si aprono sale come la Sala della volta delle civette o il Ninfeo di Ulisse e Polifemo- destinate forse alla residenza privata di Nerone; e una orientale, caratterizzata da una sala a pianta ottagonale e due grandi cortili poligonali che si aprono sui lati. Gli ambienti di questa ala, le cui decorazioni si ispirano, in parte, agli epici eroi della guerra di Troia, erano probabilmente riservati a banchetti, ricevimenti, svaghi e letture. Alcune monete coniate da Nerone tra il 64 e il 66 testimoniano, inoltre, lesistenza di un piano superiore che Traiano fece radere al suolo prima di seppellire lintera struttura.
Suona beffardo il destino ipogeo di un palazzo dinanzi al cui vestibolo Nerone fece raffigurare se stesso sotto le spoglie del dio Sole, in una statua alta pi di 35 metri, nota come Colosso bronzeo. Solari ambizioni, collezioni di capolavori razziati nellintera Grecia, oro il cui inebriante scintillio venne testimoniato da Seneca- gemme e pietre preziose, per una struttura che .tra innovazioni e rimaneggiamenti- si ergeva a simbolo dellet aurea che Nerone avrebbe voluto realizzare. Le stesse decorazioni articolate in spazi rettangolari per le volte a botte, quadrati per quelle a crociera e circolari per le cupole- che alternavano alle grottesche temi storici, mitologici, bucolici o religiosi, nellala orientale del palazzo vennero eseguite dal pittore romano Fabullo secondo un preciso programma che intendeva codificare la nuova concezione etica di Nerone. Lestetica elevata a perfezione dello spirito.
Un labirinto, dunque, di sfarzo e potere. Unavventura di dettagli e misteri che, dopo lattesa e celebrata riapertura al pubblico del 26 giugno 1999, pare di nuovo destinata al silenzio sotterraneo del tempo e allamara cura dellisolamento. In attesa che Aurei Fondi le impediscano di sprofondare.




news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news