LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lo Stato fa cassa con il Risorgimento. Offerti ai privati i fortini di Radetzky
Gian Antonio Stella
Corriere della Sera, 16/12/2005

Risorgimento in vendita

Nella Finanziaria la vendita di roccheforti del Quadrilatero lombardo-veneto LArdietti di Peschiera, monumento nazionale, definito un deposito munizioni

PESCHIERA
(Verona) Restituiamoli agli eredi di Radetzky, piuttosto, i forti austriaci del Quadrilatero messi in vendita con la Finanziaria. Restituiamoli a Vienna, e chiss che non li tratti meglio di quanto abbiamo fatto noi.
Noi che abbiamo sfregiato la memoria di quelle migliaia e migliaia di giovani idealisti che morirono sui colli lombardo-veneti nelle guerre del nostro Risorgimento. Restituiamoli agli Asburgo-Lorena, piuttosto che vedere sotto le nobili volte nascere una pizzeria. Non solo una faccenda di finanze, quella che si sta svolgendo intorno alle fortificazioni austro-ungariche che la legge di bilancio sta piazzando in questi giorni sul mercato. E molto di pi. la prova di come un passaggio centrale della nostra storia, la formazione dello stato unitario, sia ormai considerato poco pi importante che un vecchio com in soffitta coperto di polvere e di muffa. Bello e nobile, magari. Ma stonato rispetto all'arredamento.
Per carit, le filastrocche di una volta (Io vorrei che a Metternicche / gli tagliasser le basette / vorrei farne le spazzette / per le scarpe del su' re) non divertono pi nessuno. I bambini delle elementari non mandano pi a memoria le poesiole in rima sui colori della bandiera. L'odio patriottico di certe canzoni (Suona la tromba: ondeggiano / le insegne gialle e nere. / Fuoco! perdio, sui barbari, sulle vendute schiere!) si disciolto in un rapporto di amicizia europeo. E lo strazio di tante madri (Dio! chi sa quante madri a San Martino / Fatte avr il piombo dei lor figli prive! / Chi sa ch'una di quelle io pur non sia!) troppo lontano per dare ancora dolore. Ma il rispetto per la nostra storia, almeno quello!
Zero. Una ad una, il decreto legge n.211/2005, ha burocraticamente deciso di fare cassa con le fortificazioni del Quadrilatero a cavallo tra la Lombardia e il Veneto la cui conquista fu uno dei temi centrali delle guerre di indipendenza. E ha messo su piazza il Porte di Monte Tesoro a Verona, il forte Pietole a Mantova, lo stupendo forte a picco sull'Adige di Rivoli Veronese e mezza Peschiera. Cio la Caserma della Rocca, che ha elementi tardoromani, l'ex ospedale d'armata asburgico pi lo straordinario Forte Ardietti, gi Lagerwerfe n.6, un capolavoro assoluto di architettura militare.
Fateci un salto, se potete. E chiedete a Giorgio Capone, il segretario del Centro di documentazione storica della Fortezza di Peschiera, che da anni si fa carico di arginare il degrado con un gruppetto di pensionati che lavorano gratis per uno stato molto distratto, di fare un giro. Camminate lungo il ridotto, infilate la teste nelle feritoie, guardate la pianura di sotto, lasciatevi incantare dalle volte, scendete gi per le scalinate, visitate le casematte, risalite le poterne. E magari fermate lo sguardo sulle fughe tra mattone e mattone, fughe in rilievo, fatte da fantastici artigiani al servizio di un fantastico architetto. E poi, dopo esservi resi conto del valore eccezionale di questa opera, andate a guardare come viene definita nella leggina che vorrebbe cederla a qualche speculatore per farne magari un grande hotel bellavista con sale convegni e grande parco intorno per un totale di 110 mila metri quadri. La definizione scelta per la cartolarizzazione : ex deposito munizioni.
Domanda: come si fa a definire cos un complesso militare intatto e strepitoso qual Forte Ardietti? Che faccia ha il passacarte che ha scritto cos nel decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale? Ha mai messo piede non diciamo nel forte ma almeno nei suoi dintorni? mai uscito dal suo ufficio, si mai alzato dalla sua scrivania, ha mai levato il monocolo dalle scartoffie che tiene tra le mani accanto al calamaio? E quale sarebbe, per curiosit, il prezzo di vendita di questa formidabile opera architettonica?
Boh.. Nonostante siano gi scaduti i termini, il prezzo non stato ancora fissato. Misteri.
La domanda fondamentale tuttavia un'altra ancora: come possibile che sia stato messo in vendita, denunciano gli architetti Francesco Biondani, Oscar Cofani e Lino Vittorio Bozzetto (autore del libro Peschiera, storia della citt fortificata), se tutelato come del resto gli altri edifici di cui parliamo da un vincolo monumentale sancito, confermato e ribadito mille volte? Non ci avevano giurato, i ministri competenti, che le cartolarizzazioni non avrebbero riguardato questi beni? Non se l'era fatto solennemente giurare Giuliano Urbani, girando poi l'impegno a tutti gli italiani?
Chi cerchi lumi nelle norme, si accomodi. tutto all'articolo 3 della leggina
citata (che si occupa anche di disposizioni in materia aeroportuale) e firmata Berlusconi, Tremonti e Lunardi: L'Agenzia del demanio "autorizzata, con decreto dirigenziale del Ministero dell'economia e delle finanze, di concerto con le amministrazioni che l hanno in uso, a vendere con le modalit di cui all'articolo 7 del decreto-legge 24 dicembre 2002, n.282, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2003, n. 27, i beni immobili ad uso non abitativo appartenenti al patrimonio dello Stato, ivi compresi quelli di cui ai commi 13, 13-bis e 13-ter dell'articolo 27 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla, legge 24 novembre 2003, n. 326. Capito, qualcosa? Noi niente. I difensori dei forti neanche.
Tema: chi lo fa, l'affare? Lo Stato o chi si accaparrer la Rocca e l'ex ospedale d'armata asburgico (che sono nel pieno centro e insieme coprono un'area di 50 mila metri quadrati, quasi il doppio dei 30 mila occupati dal cuore medievale della bellissima cittadina) trasformandoli magari in alberghi per poi vendere bilocali pezzo per pezzo come appartamentini per le vacanze, cosa che gi stanno facendo proprio a Peschiera usando le fessure che leggi ambigue hanno spalancato ai furbi? E che ne sar del magnifico Forte di Rivoli Veronese che svetta sulla valle dell'Adige se il Comune cercava da anni di comprarlo ma ora l'acquisto gli vietato proprio dalla legge sulle cartolarizzazioni senn finirebbe in una partita di giro di soldi pubblici? E che se farebbe un privato del fantastico Forte Ardietti se non gli fosse garantito il cambio di destinazione d'uso? Immaginatevi l'insegna: Grand Hotel Radetzky. Ma per favore...
La legge
FINANZIARIA
La manovra prevede che l'Agenzia del demanio, con decreto dirigenziale del Ministero dell'economia e delle finanze e in accordo con le agenzie che li hanno in uso, pu vendere i beni immobili appartenenti al patrimonio dello Stato
FORTIFICAZIONI Tra i beni dello Stato in vendita sono incluse alcune fortificazioni di Peschiera. Rivoli Veronese, Mantova e Verona



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news