LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari - Le periferie cubiste idee da Barcellona
La Gazzetta del Mezzogiorno - 15.12.2005

C' un pezzo di Barcellona in mostra alla Biblioteca De Gemmis, a Santa Teresa dei Maschi. Non uno di quei pezzi eclatanti della nuova architettura dello star system che richiamano nella capitale catalana un consistente flusso turistico, ma un pezzo di periferia, nel quartiere di Nou Barris, dove gli architetti Andreu Arriola e Carmen Fiol Costa hanno realizzato il Parco Central. La mostra, intitolata Contemporary landscape. Nou Barris, cultura al carrer rester aperta al pubblico fino al 21 dicembre. L'hanno portata a Bari Massimiliano Fiore e Vincenzo Bagnato, due giovani architetti che si sono formati proprio a Barcellona, consiste in due reportage fotografici. Quello dello spagnolo Sergio Belinchn un documentario sui temi del rapporto tra il centro e la periferia, fra le infrastrutture e il paesaggio, dove le immagini sono scandite anzi contrappuntate da brevi testi, talvolta di poesia, comunque evocativi. Palmes i Diapasons si chiama invece il lavoro fotografico dello svizzero Beat Marugg e del tedesco Markus Bassler che illustrano la costruzione del Parc Central di Nou Barris, fra il 1997 e il 2003.
Non possiamo certo sottrarci alla tentazione di fare dei paragoni e di confessare tutta l'invidia che ci assale mentre guardiamo come i Barcellonesi affrontano il compito inderogabile di curare la periferia riprogettandola a partire dagli spazi pubblici, mentre a Bari sta per avvenire un fatto clamoroso: l'introduzione dei crediti urbanistici. Per quel che ne sappiamo, sarebbe la prima citt in Italia o comunque fra le prime ad applicare un criterio di risarcimento per i proprietari penalizzati dal fatto che un suolo gi edificabile non lo pi per l'avvento di una legge di tutela delle coste o del sistema idrogeologico o dell'ambiente. L'esempio peraltro criticato largamente dagli urbanisti di Milano, dove stato fatto qualcosa di simile per l'area della Fiera, incongruo. L si tratta di un caso circoscritto, unico, di un apax direbbe un filologo, qui di una norma generale, valida per tutti e per tutti i casi. una ben strana idea, quella di proteggere il capitale d'impresa dal rischio d'impresa, sicch un diritto a costruire perduto a Japigia sarebbe trasferito altrove, mettiamo a Poggiofranco. E magari in un'area migliore, dal punto di vista immobiliare, andando a pescare in quegli spazi ancora liberi, inedificati, che sono tali solo perch destinati dal piano regolatore - per esempio - ai servizi finora irrealizzati, scardinando ogni coerenza di relazione tra residenza, terziario e infrastrutture, qualsiasi disegno urbano con le sue altezze massime, le sue distanze minime, i suoi volumi. Di questo, soprattutto, si discute nella Giunta municipale e fra i partiti della maggioranza, quando si parla - in questi giorni - del cosiddetto Programma di riequilibrio urbanistico che dovrebbe - nelle intenzioni del sindaco Michele Emiliano e dell'assessore Ludovico Abbaticchio - compensare la mancata adozione di un nuovo Ppa (il Piano pluriennale di attuazione).
Nato per dare una regola di intervento edilizio nelle zone di espansione (quelle appunto oggetto del Ppa), il Programma ha preso da questa circostanza la sua essenza totale: uno strumento per incrementare l'espansione urbana, mentre un nuovo piano regolatore, anzi un Pug, dovrebbe prendere le mosse dalla considerazione che Bari necessita innanzitutto di una riqualificazione del tessuto costruito. Il Piano Casa appena approvato dalla Giunta regionale pugliese destina la maggior parte dei 240 milioni di euro stanziati proprio al recupero del patrimonio residenziale pubblico e ai programmi integrati per le periferie e i centri storici. La rotta comunale verso i crediti urbanistici va nella direzione opposta e candida Bari ad un imbarazzante primato. Ma consoliamoci con i gioiosi catalani. L'architetto Carmen Fiol Costa una giovane e spiritosa signora evidentemente soddisfatta del lavoro che ha realizzato nella sua citt. L'abbiamo incontrata all'inaugurazione della mostra, la settimana scorsa, dove ha discusso con l'urbanista Nicola Martinelli e con l'architetto paesaggista Maria Valeria Mininni, tra gli altri. Il quartiere di Nou Barris a Barcellona - racconta l'architetto Carmen Fiol - mostra la capacit della periferia della citt contemporanea, la citt reale, degradata e discontinua, di essere trasformata dando continuit alla relazione tra l'uomo e l'ambiente. I luoghi della citt, case e piazze, i luoghi coperti e quelli scoperti, pubblici o privati, creano legami tra loro mentre esibiscono le differenze simultanee.
Questo tema della simultaneit - abbiamo scoperto - essenziale del progetto per Nou Barris, tanto che Arriola e Fiol chiamano in causa in Cubismo, per spiegare che il tempo davvero la quarta dimensione di uno spazio complesso e profondo, relativo e non pi cartesiano, dove la velocit variabile dei collegamenti tra la periferia e il centro e all'interno della stessa periferia modificano continuamente la percezione dei limiti, delle distanze e delle posizioni. Lo spazio pubblico, attraversato e diviso da una strada ad alta intensit di traffico, stato riunificato con gradi rampe e passaggi pedonali e passerelle aeree. Un alto grado di permeabilit l'obiettivo che si voleva raggiungere. Ci pensino i baresi quando affrontano il problema dell'Asse Nord Sud e avventatamente si compiacciono che si stato trasformato in una imprevista autostrada urbana. Non sempre facile riconoscere i problemi teorici nella concretezza di un progetto realizzato, ma nel caso del Parc Central questa intenzione si avverte subito, soprattutto nella definizione di diversi livelli di suolo, sicch l'atto del salire o del discendere sono una modifica dello stato, della relazione con lo spazio pubblico. C' forse troppo disegno in questo progetto: un'ansia di riduzione delle forme alla sicurezza della geometria che soffoca la naturalit. Troppa pavimentazione, senz'altro, una qualche rigidit nel trattamento degli specchi d'acqua. Ma si deve pur riconoscere che un carattere ostentativo ed enfatico appartiene alla tradizione architettonica catalana della Modernit. E le palme metalliche che segnano puntualmente il paesaggio di Nou Barris, piegandosi fino a diventare pensilina, sono oggetti scultorei che pi nulla hanno a che fare con la banalit seriale dell'arredo urbano.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news