LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Soldi solo per il Mose e mazzata alla cultura
Davide Scalzotto
IL GAZZETTINO 15-DIC-2005

FINANZIARIA Nel maxiemendamento presentato in Parlamento contributi solo per il Mose, tagli alla cultura

E la Biennale deve rinunciare a 1,9 milioni di euro, stessa cifra invece per Cinecitt

La mazzata era annunciata, eppure fa male lo stesso; negli oltre 600 emendamenti che il Governo ha presentato alla Finanziaria la parola Venezia non compare che una volta, laddove si stanziano 3 milioni di euro come limiti di impegno per mutui per il Mose. la morte della legge speciale, che dal 1973 ha garantito il complesso degli interventi di salvaguardia, che non significa solo difesa dalle acque alte. Berlusconi ha tradito le promesse fatte a Venezia, hanno polemizzato Luana Zanella (Verdi) e Andrea Martella (Ds) sottolineando che non ci sono soldi per il Fondo unico dello spettacolo (e dunque per la Biennale, per la Fenice, per il Goldoni), non per il palazzo del cinema, non per Porto Marghera. Ma il Centro sperimentale di cinematografia di Cinecitt, guidato dal sociologo Francesco Alberoni, si vede assegnare proprio quei 2 milioni di euro che mancheranno alla Mostra del cinema. Il maxiemendamento, inoltre, stanzia 60 milioni per il Passante di Mestre. E in Comune sono alle prese con ulteriori tagli, perch il tetto alle spese degli enti locali stato portato dal 6 all'8 per cento sul consolidato 2004. Per noi - ha spiegato il vicesindaco, Michele Vianello - significa 4 milioni di euro di minori spese. Per centrare l'obiettivo, verranno esternalizzati altri servizi.

I contenuti del maxiemendamento della Finanziaria: stanziati 3 milioni per il 2006. Defunta la Legge speciale

Stangata anche sul credito sportivo e sulla possibilit
di costruire nuovi impianti

Tre milioni di etiro per il 2006, tutti per il Mose. Poi, le caselle dei finanziamenti statali per Venezia sono desolatamente vuote per gli anni 2007 e 2008. Questo sta scritto nelle tabelle allegate al maxiemendamento alla Finanziaria, licenziato dal governo.

LEGGE SPECIALE - Niente soldi per rifinanziare la Legge speciale, dunque, nel maxiemendamento che anche ieri ha tenuto banco a Montecitorio, con il governo che sul testo di quasi 600 commi ha posto la fiducia. Il voto slittato a oggi, ma anche nei tira e molla di ieri, per Venezia non saltato fuori alcunch di quanto chiesto dai parlamentari Veneti, da Galan e
da Cacciari. Il "desiderio" era ottenere. 24 milioni di euro per 15 anni da stornare dai 200 milioni destinati alla grandi opere sempre per 15 anni. Soldi che dovevano finanziare la Legge speciale, garantire la prosecuzione degli interventi diffusi in citt, lo scavo dei rii, il disinauinamento, la manutenzione urbana. Nelle tabelle allegate al maxismendamento, invece, alla voce "riequilibrio idrogeologico della laguna", ci sono 3 milioni di euro, ma solo per il 2006. Il finanziamento che serve per proseguire gli interventi alle bocche di porto. Il governo ha ribadito quanto gi detto dalla commissione bilancio: i fondi per la salvaguardia dovranno essere stornati da quelli del Mose e approvati dal Cipe. La Legge speciale, insomma, non esiste pi.
IL FUS - Ma non questa l'unica nota dolente per Venezia che esce dal maxiemendamento. L'altro "dolore" arriva dal Fondo unico per lo spettacolo. Il Fus verr finanziato con 385 milioni di euro per il 2006, che scenderanno a 300 milioni per il 2007 e altrettanti per il 2008. Un taglio del 24 per cento rispetto a quanto stanziato negli anni scorsi che si abbatte su Biennale, Fenice, Teatro Stabile del Veneto e altre realt minori. Per la Biennale, in particolare, si tratta di rinunciare a un milione 900mila euro. Un sacrificio che mette seriamente a rischio la Mostra del cinema, proprio nell'anno in cui Roma sferra il suo attacco con la Festa internazionale del cinema voluta dal sindaco Veltroni e finanziata per gran parte da soldi privati. A questo punto, la speranza per la fondazione presieduta da Davide Croff sta in un ordine del giorno approvato dalla commissione bilancio della Camera su proposta di Andrea Colasio (Margherita), con cui si chiede di ripristinare il contributo alla Biennale almeno per il 2006. Sacrifici attendono anche Fenice e Teatro Stabile, che dovranno tagliare circa un quarto dei loro bilanci per far fronte al prosciugamento del Fus.
CREDITO SPORTIVO - Ma c' un'altra mazzata che arriver ai Comuni, annuncia mestamente lo stesso Colasio, capogruppo della Margherita in commissione cultura alla Camera. Il maxiemendamento - dichiara - praticamente azzera il fondo per il credito sportivo. Finora il governo aveva stanziato 480 milioni di euro l'anno per sostenere i Comuni in conto interessi per la costruzione di nuovi impianti sportivi. Il fondo stato portato a 30 milioni, con un taglio quindi di 450 milioni. Praticamente si gestir solo l'ordinaria amministrazione e i Comuni non realizzeranno pi nuovi impianti.
LE REAZIONI - Sferzanti da sinistra i commenti. Il Governo - ha polemizzato Luana Zanella (Verdi) - ha tradito le rassicurazioni date al Comune, e ponendo la fiducia su oltre 600 emendamenti non ha lasciato alcuna possibilit di confronto, mettendo nello stesso angolo anche i suoi stessi parlamentari, come Cesare Campa. La scelta della legge obiettivo ha finito per strangolare ogni dibattito, e per impedire ai parlamentari di rappresentare le esigenze dei propri territori: il premier deve andare a casa. Sulla stessa linea il diessino Andrea Martella (nella foto). Berlusconi - ha accusato - ha tradito promesse e impegni, e il presidente della Regione, Giancarlo Galan, ha dimostrato ancora una volta di non contare nulla: lui e il suo portavoce avevano garantito grandi finanziamenti per Venezia - ha ricordato - e invece Venezia non solo patir i tagli degli altri Comuni, ma subir effetti pi devastanti perch non avr alcun intervento, patir il mancato incremento del Fus, non vedr il palazzo del cinema, non avr impegni per Porto Marghera. Una vergogna - ha concluso - con un solo rimedio: mandare a casa al pi presto questo governo di centrodestra. Per Marino Zorzato (deputato padovano di Forza Italia, vicepresidente della commissione bilancio): il governo ha ribadito la posizione della commissione. I soldi per la salvaguardia ci sono nel pacchetto del Mose e comunque il Veneto ha portato a casa un risultato importante, con i finanziamenti per il Passante di Mestre e le tangenzieli delle grandi citt.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news