LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LE CIFRE NERE DELLA MUSICA
LEONETTA BENTIVOGLIO
la Repubblica 15-DIC-2005

Il violinista Salvatore Accardo accorato e indignato quando spiega: In Italia c' una mappa esorbitante di conservatori: circa 150. Se ogni conservatorio ha due classi di violino, e in ognuna studia una decina di allievi, vuoi dire che l'Italia disporr tra breve di altri 3000 violinisti diplomati. Ma ci sono anche conservatori con sette o otto classi di violino. Che futuro attende questi giovani? Come possono trovare lavoro in un paese senza orchestre? In Germania ogni citt, grande o piccola, come Duisburg o Dortmund, ha varie orchestre. A Norimberga ce ne sono addirittura tre. In Italia c'erano quattro orchestre Rai e ne rimasta una, quella di Torino, che pure ha qualche problema. Per non parlare della scarsezza di orchestre al sud. Non solo: lo Stato infierisce sulla musica con continui tagli alle sovvenzioni, e la magra fetta di finanziamenti elargita in modo del tutto discrezionale: La realt italiana, sostiene Accardo, dimostra che non c' alcun rapporto tra la quantit dei concerti delle orchestre e il denaro pubblico che dovrebbe sostenerle.
Di tutto ci il violinista, impegnato da sempre sul fronte della rivendicazione dei diritti della musica, parler stasera alle 21, nell'ambito di un dibattito su II futuro della musica e dilemmi dello Stato erogatore, introdotto da Francesco Micheli, presidente del Conservatorio Verdi di Milano, che ospita in questi giorni il convegno Musicisti domani - La riforma dei conservator dalla sperimentazione all'ordinamento, dedicato ai temi problematici della formazione musicale in Italia. All'intervento di Accardo seguiranno quelli del deputato della Margherita Andrea Colasio (Commissione Cultura della Camera), del sovrintendente e direttore artistico della Scala Stphane Lissner, del musicologo Enzo Restagno, del direttore del Conservatorio milanese Leonardo Taschera e dell'assessore alla cultura di Milano Stefano Zecchi.

Maestro Accardo: se avesse la chiave d'accesso alla riforma della musica in Italia, come procederebbe?

Partirei da una revisione radicale dell'assetto formativo. Da noi ci sono troppi conservatori a fronte di limitati sbocchi professionali. In pi si assiste a una fioritura di ottimi musicisti, grazie alla maggiore qualit dei docenti. Prima si accedeva all'insegnamento per punteggio, e non c'era abbastanza selezione. Da quando ci sono i concorsi il livello degli insegnanti cresciuto, e di ragazzi bravi ce ne sono molti. Il tragico che questi giovani non abbiano prospettive. Io comincerei col trasformare alcuni conservatori in scuole di musica
per tutti: bisogna impegnarsi per la formazione di un nuovo pubblico, plasmandolo con iniziative didattiche a vari livelli, a partire dalla scuola dell'obbligo. Questo servirebbe anche a creare nuovi posti di lavoro per i musicisti. Bisogna inoltre sottrarre le risorse per la musica alla gestione dei politici, insensata nell'attribuzione dei fondi.

Pu fare qualche esempio?

La Filarmonica Toscanini di Parma percepisce tre milioni e mezzo di euro all'anno. Eppure un complesso che si forma saltuariamente, e che fa pochi, costosissimi concerti, ingaggiando famosi direttori con la collaborazione del pi discusso agente musicale europeo, Proczinski, capace di ottenere in Italia cachet improponibili altrove. A Londra gli artisti vengono pagati un quarto di quanto percepiscono nel nostro paese. Per di pi il Comune di Parma riceve dallo Stato due milioni e 400mi]a curo per il coordinamento di attivit musicali. Invece l'Orchestra Verdi di Milano, che in un anno fa sentire musica a 200.000 spettatori, e che nel 2004 ha eseguito 240 concerti, sostenendo un costo pari a otto milioni e mezzo di euro, versa in una situazione finanziaria gravissima. Ci sono Ottimi professionisti, come quelli dell'Orchestra da Camera di Padova e dell'Orchestra Regionale Toscana, che vanno in tourne per cifre vergognose se rapportate a grappi di una quarantina di elementi: dai 10 ai 12mi-la euro a concerto. E giovani ed eccellenti musicisti, pur di farsi sentire, accettano di suonare per 400 o 500 euro. Nel frattempo agonizzano le istituzioni concertistiche: 60, l'anno scorso, sono state costrette a chiudere.

Come tracciare un futuro diverso?

Puntando alla qualit dell'offerta, pi che alle star. Stimolando il lavoro dei nuovi talenti. Identificando criteri nell'erogazione dei finanziamenti che non prescindano dall'attivit concreta delle orchestre. E coltivando l'educazione musicale fin dall'infanzia. L'ascolto della musica emoziona e coinvolge i bambini: non continuiamo a rovinarli obbligandoli a ingurgitare tiv-spazzatura.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news