LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Murati giardini e palazzi scempio sotto il Vesuvio
LAURA CESARANO
IL MATTINO 15-DIC-2005

Ville vesuviane: a Ercolano la Favorita cade a pezzi. E gestita dalla Difesa

Questa una storia di castelli e principesse. Ma il castello crollato, la principessa fuggita e il lieto fine non l'ha ancora scritto nessuno. Il nostro viaggio tra le ville vesuviane, cominciato a Torre del Greco, prosegue a Portici e a Ercolano.
Via Garibaldi, palazzo Lancellotti. Dietro la facciata orrendamente murata c' un edifcio che guarda verso il mare e che cade a pezzi su una selva fitta, un tempo abitata da magnifiche piante esotche. Nella villa viveva una principessa, Natalina Lancellotti, oggi novantenne. Quarant'anni fa ha abbandonato tutto e se n' andata via. Dal mare, assieme alla brezza, arrivavano i ladri che a pi riprese hanno depredato la casa. Dicono i vicini che la donna ha chiesto invano aiuto per difendere la tenuta dei suoi avi. E ora che le istituzioni la cercano, per acquistare il palazzo e per farsi pagare gli interventi di messa in sicurezza, nessuno sa dove sia andata.
Per un'abitante che sparisce, ce n' uno che compare. A villa d'Elboeuf un inquilino c': un immigrato. In un ambiente di servizio della villa, proprio sulla spiaggia del Granatello, tutta rifiuti e sabbia nera, accende il fuoco per scaldarsi e cucinare. il padrone assoluto di quel che rimane di un palazzo spettacolare. L'edificio era appartenuto al duca d'Elboeuf, venuto a Napoli nel 1707 come generale dell'imperatore d'Austria Carlo VI. Con il tempo divenne propriet reale e sub molti interventi in stile neoclassico. Aveva la sua caletta a mare, il cosiddetto Bagno della Regina, e ci vuoi poco a capire che doveva essere un paradiso. Ora stanno cercando di venderla per farci degli appartamenti. Sarebbe ancora un paradiso, nonostante la spiaggia sporca e il treno che le fischia accanto sfrecciando sulla ferrovia che taglia i fianchi del palazzo. Invece una litania di rovine, una bestemmia gridata in faccia alla storia del territorio.
Ercolano, villa Favorita. Lo dice il nome: dopo la reggia di Portici era la numero due delle residenze reali. Sul muro rimasto un inutile cartello minaccioso: sorveglianza annata. Ma le uniche armi di cui ci sarebbe bisogno qui sono stucco e pennelli. Qui si tenevano feste grandiose, sotto i Borbone e pi tardi, durante il decennio francese, quando la abitarono Giuseppe Napoleone e Gioacchino Murat. Chiss se a quei tempi qualcuno avrebbe mai potuto immaginare che poi sarebbe diventata il quarter generale della banda musicale degli agenti di custodia. E poi neanche pi quello: tutti via, zona militare, c' il ministero della Difesa che certo non la difende. E ci sono le transenne davanti alla facciata pericolante.
A villa Aprile per fortuna si cambia musica: il cantiere che la trasformer in un albergo di lusso lavora a pieno ritmo. Dietro l'impresa c' una societ che fa capo a Corrado Ferlaino. Quando i lavori sono partiti da poco erano state sfrattate le famiglie di senzatetto che occupavano il palazzo. Si erano sistemati dopo aver steso tre o quarto mani di vernice sugli affreschi antichi; e gi che c'erano avevano anche divelto pavimenti e costruito tramezzi. Prima di loro c'erano stali anche i ladri, che avevano portato via colonne e mobilio. Nel magnifico giardino i lavori sono ancora in alto mare:, per ora sono state messe a dimora nuove piante ma le statue, i tempietti, il centro benessere ante litteram, con la vasca all'aperto e le panchine intorno hanno bisogno di un vero e proprio intervento di restauro. Difficile, ma la societ assicura che si far. Per fortuna, c' una convenzione con il Comune: quando il nuovo hotel sar pronto, il parco sar aperto al pubblico due giorni a settimana.
(2 / continua)



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news