LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Regione: intoccabili le campagne e i muretti a secco
Fabrizio Fois
14/12/2005, Sardegna Oggi

mercoled, 14 dicembre 2005




La Sardegna ha lo strumento urbanistico che programma l'uso del territorio regionale, la salvaguardia ambientale e del paesaggio agrario, e prevede interventi negli insediamenti lungo la costa, per le attivit economiche, nei centri abitati. La Giunta guidata da Renato Soru ha, infatti, approvato il Piano Paesaggistico regionale che ora passera' al vaglio degli Enti Locali per le osservazioni e la co-pianificazione. Entro novembre 2006 sar definita l'intera pianificazione paesaggistica regionale.


CAGLIARI - La Giunta regionale ha approvato la delibera che vara il Piano Paesaggistico regionale che da oggi comincia un percorso che lo porta al confronto con le amministrazioni locali, attraverso 21 conferenze nei 27 territori, o ambiti, nei quali lo strumento divide l'Isola. Entro novembre 2006 l'intera pianificazione paesaggistica del territorio regionale sar completata con le regole sull'interno della Sardegna (che dovrebbero essere pronte per luglio 2006) e con la nuova legge urbanistica. Nei primi tre mesi si partir con la co-pianificazione tra Regione, i comuni, le Province e tutti i soggetti interessati al Piano Paesaggistico Regionale ed ulteriori due mesi saranno utilizzati dalla Commissione di merito per esprimere il proprio parere sulla nuova normativa.

La salvaguardia della costa della Sardegna, per i due chilometri stabiliti dalla legge salvacoste dello scorso anno, e in qualche caso anche oltre, resta rigorosa, ma si potr riprendere l'attivit edilizia negli insediamenti esistenti, quelli degli anni '50 e quelli pi recenti, dove si potr intervenire per riqualificare, con attenzione al recupero del degrado, alla costruzione di una qualit architettonica spesso sconosciuta, alle ristrutturazioni, alla cancellazione graduale degli interventi pi dissennati. Si potranno costruire anche nuove cubature, per interventi legati all'attivit turistico alberghiera di qualit, e si far un discorso particolare per le isole e i centri abitati come La Maddalena e Carloforte. Le prime politiche di salvaguardia nelle campagne sono rappresentate dalle architetture tradizionali del paesaggio rurale dell'Isola, dagli stazzi al reticolo dei muretti a secco, la vegetazione spontanea e autoctona, la compattezza dei villaggi dell'interno. Il Piano Paesaggistico contiene una fortissima spinta alla salvaguardia della campagna sarda rispetto ad una residenzialit non legata alle attivit agricole, che divora territorio e lo sottrae agli usi collettivi tradizionali.

Dopo un anno dall'entrata in vigore della legge 8 del 2004 sulle norme di salvaguardia delle coste - ha detto il Presidente della Regione, Renato Soru - non abbiamo bloccato la Sardegna, dove il settore edilizio cresciuto pi che in altre regioni italiane e non lo bloccheremo ora che comincia una fase di pianificazione concertazione con tutti i comuni per prendere assieme le decisioni di dettaglio. Il risultato finale - ha aggiunto - sar, da un lato, la salvaguardia del territorio e, dall'altro, il migliore uso dello stesso territorio sardo. L'obiettivo della Regione quello di evitare nuove costruzioni, soprattutto nelle campagne, ma migliorare quelle esistenti, riconvertirle anche in settori produttivi agricoli o legati all'agricoltura (agriturismo e turismo rurale) e restaurare i beni architettonici, storici ed ambientalistici. Il criterio utilizzato per la destinazione d'uso delle singole zone quello della centralit del sistema paesaggio. Con la legge 45 - ha spiegato l'assessore regionale dell'Urbanistica, Gian Valerio Sanna - prevaleva il piano urbanistico e tutti attendevano di sapere quale cubatura poter utilizzare per le costruzioni. Ora si potr costruire o modificare solo se vi e' aderenza con il paesaggio circostante e se questa corrispondenza compatibile e migliora l'utilizzo del territorio ed propedeutica al suo sviluppo. Siamo entrati in una nuova fase di cultura della pianificazione della Sardegna ha aggiunto Sanna - ponendo al centro del funzionamento del meccanismo di trasformazione del territorio la regola, minimizzando gli spazi di discrezionalit

Tra le novit contenute nel nuovo Piano Paesaggistico regionale anche le norme di attuazione del Piano, che stabiliranno i margini entro cui dovranno essere redatti i Piani Urbanistici Comunali (PUC) ed identificano altre tipologie di salvaguardia (alberi, beni storici e culturali). E' stata anche istituita la Conferenza unificata della Pianificazione, mentre l'Ufficio del Piano continuer la sua opera di verifica delle osservazioni proposte dagli Enti Locali e il monitoraggio dell'esistente. Verr anche ridefinito il Comitato tecnico Regionale e sar istituito un Ufficio Centrale alla lotta all'abusivismo, in stretta collaborazione con il Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della Regione Sardegna.




news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news