LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Colosseo, scatta l'allarme pioggia
Raffaella Traili
Messaggero Cronaca di Roma, 14-DIC-2005






Secondo gli esperti, negli ultimi due anni si registrato un cambiamento climatico con precipitazioni sempre pi intense.
La soprintendenza: L'anfiteatro regge, ma servono soldi per il restauro

E' la pioggia il nemico numero uno del Colosseo. Rossella Rea, funzionaria della soprintendenza e l'architetto Piero Meograssi, ogni giorno fanno il giro del monumento controllando il rischio-infiltrazioni da pioggia. Stiamo notando negli ultimi due anni un cambiamento climatico. Le precipitazioni spiega la Rea sono diventate abbondanti, forti, continue. Questo provoca infiltrazioni: l'acqua si insinua nei monumenti, gela e spacca le strutture. Servono interventi straordinari. L'Anfiteatro regge ma avrebbe bisogno di fondi per interventi urgenti: impermeabilizzare il pi possibile la parte superiore, la pavimentazione e riprendere i restauri delle volte dei piani inferiori. Rifare la pavimentazione solo per met piano, coster un milione di euro.
Posso solo scegliere che cosa far crollare, il commento provocatorio del soprintendente archeologico di Roma, Angelo Bottini, davanti al bilancio della sua soprintendenza: 15 milioni di euro per scavi e restauri, per lo pi proventi della bigliettazione e dei servizi aggiuntivi.

Dopo la chiusura della Domus Aurea, forti preoccupazioni per il monumento pi visitato. Rossella Rea: Troppe infiltrazioni
E simbolo di Roma? A rischio per la pioggia
Allarme per il Colosseo. Il soprintendente Bottini: Posso solo scegliere cosa far crollare


Uno sguardo al ciclo e un pensiero a Santa Barbara, protettrice dei temporali. Attualmente lei, la pioggia, il nemico numero uno del Colosseo. E allora Rossella Rea, funzionaria della soprintendenza e l'architetto Piero Meograssi, ogni santo giorno fanno il giro del monumento simbolo di Roma. Da un paio di anni, sempre pi spesso, lo fanno sotto l'ombrello. Siamo i custodi del Colosseo, e mica scherza la dottoressa Rea. Quando andremo in pensione, chiss che accadr.... Se infatti il rischio-infiltrazioni da pioggia si fa serio - meno di un mese fa al Palatino crollato un muro di contenimento, appena chiusa per lo stesso tipo di pericolo la Domus Aurea- contemporaneamente i finanziamenti fanno acqua, le soprintendenze devono far fronte anche a un altro disastro: La mancanza di personale tecnico intermedio, come geometri e assistenti cantieri, a supporto dei funzionari tecnici: il blocco delle assunzioni ha portato a un depauperamento delle soprintendenze. Noi funzionari continuiamo a controllare i monumenti finch non andremo in pensione, poi si vedr.

I fondi come il personale sono pochi, l'acqua invece tanta: il clima si fa tropicale e per nulla clemente. E io posso solo scegliere che cosa far crollare, il commento provocatorio del soprintendente archeologico di Roma, Angelo Bottini, davanti al bilancio della sua soprintendenza: 15 milioni di euro per scavi e restauri, per lo pi proventi della bigliettazione e dei servizi aggiuntivi. Quest'anno il trend, grazie soprattutto al Colosseo, in crescita. Ma sono fondi che servono solo a tamponare le emergenze - ha detto durante la presentazione dei restauri delle quattro opere danneggiate da un nubifragio mentre erano in mostra al Colosseo - Qui, tra i funzionari un pianto generalizzato: per difendere il nostro patrimonio archeologico, servirebbero almeno 300-400 milioni di.euro. Invece nel 2005 c' stato anche l'onere aggiuntivo di un milione di euro perle misure di sicurezza anti-terrorismo. La maggior voce in uscita resta la manutenzione straordinaria degli edifici, primi tra tutti Palatino, Domus Aurea, Museo delle Terme. Il Colosseo ancora regge - riprende la Rea - ma avrebbe bisogno di fondi per il restauro delle parti superiori, quelle chiuse al pubblico e che sono le pi a rischio perch sottoposte all'azione continua dellacqua. Anche noi, spesso, siamo costretti in alcune zone al chiuso a usare l'ombrello. Per giunta, il vento crea dei vortici dentro al Colosseo, la
sua forza divenuta significativa. Ci vorrebbe una legge speciale, come quella che ottenne nell'81, Adriano La Regina: fu un grido d'allarme, legato all'inquinamento. Ora ci risiamo, la colpa stavolta del clima. Siamo davanti a un problema di tipo atmosferico, stiamo notando negli ultimi due anni un cambiamento climatico. E' da agosto, qui a Roma che piove, le precipitazioni sono diventate abbondanti, forti, continuate. Questo provoca infiltrazioni: l'acqua si insinua nei monumenti, gela e spacca le strutture. Servono interventi straordinari.
Gli interventi importanti che "sognano" ogni giorno la dottoressa Rea e l'architetto Meograssi, sonoimpermeabilizzare il pi possibile la parte superiore, la pavimentazione e riprendere i restauri delle volte dei piani inferiori. Non dimentichiamo che in origine il Colosseo era tutto coperto e aveva un impianto di eliminazione delle acque piovane eccellente. Stiamo parlando di interventi molto cari: Rifare la pavimentazione solo per met piano, coster un milione di euro, se bastano. Noi andiamo avanti con i normali finanziamenti ma davanti a un restauro ingente, se dovessimo contare solo sui nostri fondi ci vorrebbero 15 anni per completarlo. Intanto la situazione sotto controllo: nel senso che i solerti funzionari della Soprintendenza controllano e riparano. Ma non so per quanto ancora lo sar. Quando arriver il caldo, i materiali si cominceranno a muovere, e l vedremo i danni. Intanto, proprio il Colosseo, seguito da altri siti archeologici a rischio, resta la mta preferita dai turisti, aggiudicandosi 188,5% delle citazioni (emerge dai dati del VII rapporto sull'economia romana 2004/2005 presentato domani ai Musei capitolini). Che jattura sarebbe per il turismo e l'economia romani, se dovessimo transennare tutto.




Pioggia record, nella seconda parte dell'anno, specie a dicembre. Lo dice Franca Mangianti, responsabile dell'Osservatorio meteorologio del Collegio romano.
Nei primi dieci giorni di dicembre piovuto tutti i giorni - spiega - in tutto 83: millimetri di pioggia, quando il valore normale di tutto il mese di dicembre 76 millimetri. In pratica, abbiamo battuto con i dieci giorni di dicembre il record dei 220 anni del Collegio romano per la prima decade d dicembre. L'altra precipitazione precedente a questa di 70,7 millimetri e s avuta nel 1927.
Questo record va sommarsi ai dati di settembre, mese in cui ha piovuto il doppio di quanto piove normalmente: ovvero 137,4 millimetri (contro il 70,8)- Anche ottobre merita una citazione: la pioggia ha raggiunto i 118 millimetri (il valore medio di 873).
A novembre sono caduti 114,4 millimetri di pioggia - ancorala Mangianti - contro un valore di 106,5. Siamo gi a 60 millimetri al di sopra del valore dell'anno: dal primo gennaio infatti sono piovuti 750 millimetri (quando il valore medio dell'anno 690).
L'anno scorso, anch'esso molto piovoso, si era chiuso con un totale di 900 millimetri di pioggia. Il problema che quest'anno la pioggia caduta poco e niente fino ad aprile, per poi cominciare a scendere gi tutta insieme, concentrata nei mesi restanti.
In questo modo si accumula e non si distribuisce nellanno e crea tutta una serie di problemi. Vedi il Tevere, le infiltrazioni in monumenti ed edifici.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news