LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma - La Domus Aurea in pericolo: chiusa Buttiglione e Veltroni: servono pi fondi
Di Andrea Giardina
Il Messaggero - 14.12.2005



La chiusuradella Domus Aurea, annunciata dal ministro dei Beni culturali, una decisione doverosa e impeccabile. La notizia, che sta gi facendo il giro del mondo, pessima. La accompagna la minaccia di analoghi provvedimenti per le Terme di Caracalla e per un settore del Palatino.
Il clamore giustificato. La Domus Aurea, infatti, un monumento di straordinaria importanza. Come tutto quello che riguarda l'impareggiabile Nerone, rifugge dai toni sommessi e dalle mezze misure. E' la testimonianza concreta e imponente, anche se ridotta a un rimasuglio, di un sogno di grandezza. Esprime un drammatico rapporto tra l'arte e il potere. Ricorda un irriducibile contrasto tra i progetti di un principe megalomane e le esigenze della sua citt. Rappresenta un capitolo importante della storia della cultura, sia per le soluzioni altamente innovative in essa realizzate, sia per gli influssi che i suoi resti hanno esercitato sull'arte e sul gusto dell'et moderna. Dopo la sua (parziale) riapertura al pubblico nel 1999, la Domus infine assurta a simbolo di una nuova epoca nella politica dei beni culturali a Roma.
La vicenda insegna quello che gli addetti ai lavori sanno perfettamente e che gran parte dell'opinione pubblica continua a ignorare: i monumenti dell'antica Roma sono creature fragili e delicate, bisognose di cure continue, amorevoli e molto costose. Il luogo comune degli antichi romani impareggiabili edificatori, capaci di costruire monumenti in grado di sfidare i millenni, ha una sua palese verit.
Ma anche vero che i monumenti romani hanno cominciato a deperire gi nell'antichit: l'incuria, i costi della manutenzione e dei restauri, gli abbandoni hanno sempre causato danni non minori delle spoliazioni e delle distruzioni violente. Molte tra le architetture pi audaci e famose - compresa la stessa Domus Aurea - erano uno straordinario miscuglio di artigianato e di tecniche edilizie di tipo ?industriale?. Gli architetti e gli ingegneri romani sapevano calcolare benissimo la durata di un muro di cemento e di mattoni, di una volta, di un intonaco. Ed erano consapevoli che la nuova e grande edilizia romana sarebbe stata irrealizzabile senza un netto divorzio dalle tecniche precedenti e senza il massiccio e sistematico ricorso a procedimenti pi rapidi ed economici.
Negli ultimi anni, i mezzi d'informazione italiani e stranieri si sono occupati spesso del recupero e della valorizzazione dei monumenti dell'antica Roma, con valutazioni quasi sempre fortemente positive. La riapertura al pubblico di aree chiuse da tempo immemorabile, le campagne di scavo nei Fori e nelle zone limitrofe, il riallestimento dei musei e l'apertura di nuovi spazi espositivi sono apparsi a molti come i segni evidenti di un nuovo rinascimento. In parallelo, il successo organizzativo di eventi quali il Giubileo e i funerali di Giovanni Paolo II ha contribuito ad accreditare l'immagine di una citt in grado di raccordare l'enorme peso della sua storia con l'efficienza nell'attualit. Qualcosa del genere si era verificato gi con le Olimpiadi del '60, quando la capitale retorica lasciata in eredit dal fascismo sembr cedere il posto alla prima Roma veramente moderna. Ma quell'impressione fu ben presto riassorbita dalla prepotenza vischiosa della Roma burocratica, un po' corrotta e un po' cinica.
Nei tempi pi recenti, invece, la citt ha acquisito uno stile diverso e stabile, assicurato dalla continuit delle amministrazioni, dal buongoverno e da precise scelte di politica culturale. Sarebbe dissennato affermare che la chiusura della Domus Aurea possa offuscare questa immagine. Ma altrettanto dissennato sarebbe circoscrivere l'evento all'ambito dei casi eccezionali. In un paese come il nostro, la ricchezza del patrimonio artistico, le condizioni ambientali, gli incerti confini fra l'interesse pubblico e quello privato, fanno s che la politica dei beni culturali sia un'emergenza continua. Le grida d'allarme sono il suo respiro naturale, il suo ritmo biologico.
Ma nella gestione di un patrimonio come il nostro, limitarsi a fronteggiare le emergenze e a tamponare i danni sarebbe una forma di autolesionismo. Nelle dichiarazioni del ministro e del sovrintendente indicata chiaramente la via da seguire: questo evento nefasto pu diventare l'occasione per intraprendere un grande progetto di risanamento e di scavo del Colle Oppio, che rappresenterebbe, da solo, il vanto di un'intera generazione di politici, di amministratori e di studiosi.
Argomenti simili



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news