LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Domus Aurea, naufragio annunciato. Il sovrintendente Bottini: A rischio il Palatino e Caracalla
ARIANNA DI GENOVA
14/12/2005 IL Manifesto


Infiltrazioni, possibili crolli: chiusa la reggia di Nerone. Buttiglione accusa i tagli della finanziaria del suo governo.
Circa mille persone al giorno visitavano la Domus Aurea ma la celebre reggia dell'imperatore Nerone, oscurata per secoli da una damnatio memoriae che port al suo interramento, era un monumento pericolante e non garantiva pi l'incolumit dei suoi visitatori. Cos il sovrintendente Angelo Bottini e il ministro Buttiglione, dopo venti giorni di intensi monitoraggi (partiti anche su richiesta di un'ispezione da parte dell'Ugl ministeri), hanno deciso per la sua immediata chiusura. Le copiose piogge di questi giorni hanno determinato la caduta di pezzi di intonaco e i tecnici, chiamati a monitorare le volte a botte che proteggono gli ambienti ipogei, hanno messo per iscritto che non c'era pi da fidarsi. La diagnosi dell'architetto Antonello Vodret stata chiarissima: le infiltrazioni stanno provocando un progressivo disgregamento della malta e diversi sollevamenti degli affreschi (sofferenti sarebbero quelli delle ultime stanze a oriente e sono gi in cura). Vorrei precisare - ha detto il sovrintendente - che al momento non abbiamo previsioni di crolli ma non possiamo affidarci alla buona sorte, sperando che non accada nulla. Credo che questo modo di agire sia una cattiva politica. E ha aggiunto: Se non si impermeabilizza la parte sovrastante dei giardini del Colle Oppio, le acque piovane continueranno a produrre danni. I tamponamenti di emergenza non sono risolutivi di nulla. inutile, dunque, restaurare le grandi aule se non si procede a un intervento pi complessivo. Cinque milioni di euro servono per poter riaprire la Domus Aurea ma altri quindici sono necessari per evitare le infiltrazioni e risanare, una volta per tutte, una situazione di degrado.

Queste sarebbero le cifre chiamate in causa per il medio termine ma l'intera zona richiederebbe un piano di ristrutturazione in dieci anni con circa 130 milioni di euro (60 dei quali per la casa neroniana). E mentre la Domus Aurea s'inabissa nel suo buio, il Palatino - museo a cielo aperto, visibile in realt solo per un suo venti per cento - sta per subire la medesima sorte: l'ultimo crollo relativo a una zona considerata sicura e percorribile dal pubblico (a novembre venuto gi il muro di contenimento lungo una decina di metri, a pochi passi dall'Arco di Tito e per fortuna accaduto all'alba, ndr.) ha richiesto l'avvio di approfondimenti cognitivi. E il sovrintendente Bottini non esclude che questo check up possa portare alla chiusura totale del Palatino, visitato da 3 milioni e mezzo di turisti all'anno. Una catastrofe, economica e culturale. Che non esclude di coinvolgere anche Caracalla, altro sito dallo stato di salute precarissimo.

Intanto, il dato certo che la dimora dorata, quel megalomane complesso di edifici ricalcati sui palazzi imperiali orientali, non pi agibile. L'informativa partita in sordina ma poi ha avuto un'inaspettata pubblicit. Rocco Buttiglione ha enfatizzato la decisione della chiusura in una conferenza stampa e si lanciato all'attacco dei suoi stessi alleati, tuonando cos: La questione non pi solo tecnica ma anche politica. L'Italia se la sente di essere un grande paese capace di gestire tale ricchezza patrimoniale? Chiediamo la solidariet del governo e del parlamento affinch siano recuperati i 48 milioni di euro che sono stati tagliati dai fondi per i beni culturali dalla finanziaria.

Il problema di questo specialissimo sito archeologico si trascina da tempo: da quando, nel 1999, la Domus neroniana venne in parte restaurata con i fondi del lotto (1.800 i milioni di lire allora spesi), in attesa di un programma di conservazione e manutenzione futuro. Che non si mai concretizzato, lasciando che quella fastosa residenza, riscoperta dagli artisti che si calavano nelle grotte per copiare i motivi decorativi (tra questi, Pinturicchio, Ghirlandaio, Raffaello) piombasse di nuovo nello stato di degrado precedente.

Per il senatore verde Sauro Turroni inutile che il ministro Buttiglione lanci l'allarme se poi si dimostra impotente. Invece di strillare - lo ha apostrofato - provveda a inserire nel maxiemendamento alla finanziaria i fondi necessari per salvare la Domus Aurea dalla rovina. L'opposizione compatta nel denunciare la situazione gravissima e nel sollecitare il ministro a battere cassa da Tremonti. A piena disposizione si dichiarato anche il sindaco capitolino, Walter Veltroni, che per sembra cadere dalle nuvole e ci tiene a sottolineare di non essere stato informato del caso dal ministero.

Riaperta in parte nel 1999 dopo circa vent'anni di sbarramento, con un grande battage pubblicitario, la Domus era agibile, fino a ieri, per un totale di 32 stanze su 150. Un percorso esemplificativo che attraversava alcuni degli ambienti pi celebri: il ninfeo di Ulisse e Polifemo, la Sala della volta dorata, di Ettore e Andromaca, di Achille e Sciro e quella ottagonale. Adesso, su tutto, calata la notte. Anche sui cinquanta lavoratori che vedono sospeso il loro posto, fino a data da definire.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news