LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma - Domus Aurea: ottanta ettari di edifici, portici e giardini: con un grande lago e una statua colossale dell'imperatore
Corrado Augias
La Repubblica - 13.12.2005 -

Costruita dopo l'incendio di Roma, alla morte del creatore fu demolita o interrata Nel 500 grandi artisti si calavano nelle grotte per copiare gli affreschi sepolti copiandone i motivi ornamentali che poi sono diventati le famose 'grottesche' : forme vegetali miste a figurette umane o animali solo di rado realistiche, quasi sempre immaginarie, estranee ad ogni canone naturale, un mondo fantastico in cui umano, vegetale e animale si fondono in figurazioni vivacissime e bizzarre tra lo scherzo e l'allucinazione. Grottesca viene ovviamente da grotta e grotte sotterranee erano diventate queste stanze, riempite di terra e di detriti fin quasi alla sommit. La loro riscoperta lancer una moda dirompente centrata sulle antichit e i ruderi romani, paragonabile solo alla 'Egittomania' che le campagne napoleoniche susciteranno all'inizio del XIX secolo.
Dopo il disastroso incendio del 64, Nerone volle che sorgesse nella citt devastata la sua nuova reggia. Espropri un'area di ottanta ettari perch voleva, dice Svetonio, che il suo palazzo si estendesse dal Palatino all'Esquilino. Per capire di quale magnificenza di spazi la costruzione disponesse basta pensare che una statua gigantesca alta trentacinque metri (un edificio di dodici piani) entrava nel vestibolo. Quando la statua venne spostata fu necessario aggiogare, data l'enormit del peso, ventiquattro elefanti; da questa immane figura prender nome, nel Medio Evo, il Colosseo. Lo scultore greco Zenodoro aveva raffigurato l'imperatore nudo, con attributi solari, il braccio destro proteso, il sinistro ripiegato a sorreggere un globo. Da una corona posta sulla fronte si dipartivano sette raggi (lunghi sei metri l'uno) raffigurazione del potere assoluto e di quel Sole con il quale l'uomo voleva essere identificato.
La casa, assicura sempre Svetonio, comprendeva tre portici lunghi un miglio uno stagno, anzi quasi un mare, circondato da edifici grandi come citt. Alle spalle ville con campi, vigneti e pascoli, boschi pieni di animali domestici e selvatici. Se noi oggi camminiamo nel buio e nel silenzio, la dimora neroniana al contrario riluceva poich tutto era ricoperto d'oro, impreziosito da gemme e da conchiglie incastonate nell'intonaco. Ancora: Le sale da pranzo avevano soffitti coperti di lastre d'avorio mobili e forate in modo da consentire la caduta di fiori e di profumi. Poi i marmi, commisti gli uni agli altri a formare quelle policromie nelle quali i romani eccellevano. Pietre che arrivavano dalla Spagna, dalla Numidia, dalla Tripolitania, dall'Egitto, dall'Asia, dalla Grecia, dalle Gallie, dalla Cappadocia. Diverse per colore e tessitura, uniche per durezza e bellezza del disegno, rimarranno nell'uso e molti secoli pi tardi i marmorari romani le chiameranno con nomi che evocano da soli un'epoca: 'portasanta', 'lumachella orientale', 'pavonazzetto', 'serpentino', 'granito degli obelischi', 'africano', e la pi pregiata di tutte, il 'porfido rosso' riservato all'imperatore.
Ma non c'erano solo eccessi cromatici nella decorazione di quella fantastica dimora. Vi aveva parte anche la tecnologia, quanto di meglio la meccanica del tempo consentisse: La [sala] pi importante era circolare e ruotava continuamente giorno e notte come la terra. I bagni erano forniti di acqua marina e solforosa. I due architetti Severo e Celere, incaricati del progetto, sapevano che con quell'opera avrebbero guadagnato una lunga gloria o perso tutto, compresa la vita. Stimolati dalla posta estrema e conoscendo i gusti del committente, concepirono soluzioni di tale bizzarria da far dire a Tacito che spesso andarono contro le leggi di natura. L'intera valle al cui centro noi vediamo l'anfiteatro Flavio (Colosseo) venne ricoperta dal lago di cui parla Svetonio, vasto quasi come un mare.
Quelle meraviglie sopravvissero poco alla morte del proprietario avvenuta nel 68. Per brevissimi anni Nerone pot godere della sua smisurata dimora che probabilmente non vide mai completamente finita, n ebbe il tempo di visitare per intero. I successori provvidero a demolirla in larga parte, gi Domiziano fece abbattere gli edifici sul Palatino, altri fecero colmare di macerie il lago per predisporre il terreno alla costruzione dell'anfiteatro (Colosseo), Adriano fece demolire sulla Velia il vestibolo della Domus per innalzare il tempio di Venere e Roma. Il padiglione sul Colle Oppio (quello che fino a oggi si visitava) sopravvisse fino al 104 quando un incendio lo distrusse in parte. Quando poi Traiano ordin che sull'area venissero costruite le sue terme, l'architetto Apollodoro di Damasco fece abbattere completamente gli ambienti superiori, colmare di terra quelli sottostanti trasformandoli cos, all'interno delle mura portanti, in un immenso cubo da sfruttare come fondazione per i nuovi edifici. Alla luce subentrarono le tenebre, gli ori, le gemme, i marmi variopinti annegarono sotto tonnellate di terra e di detriti, alla magnificenza si sostitu la rovina e per alcuni secoli l'oblio al quale dobbiamo la parziale conservazione di questa insigne testimonianza.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news