LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Domus Aurea, le lacrime di coccodrillo di Buttiglione
Vittorio Bonanni
Liberazione, 13/12/2005

Rischio di crollo per la casa di Nerone che viene chiusa per motivi di sicurezza. Allarme anche per il Palatino e Caracalla. Il ministro chiede pi investimenti ma l'opposizione lo attacca: Dov'eri quando il governo tagliava i fondi?
Servono almeno cinque milioni di euro per i lavori urgenti e centotrenta per la messa in sicurezza dell'intera zona di Colle Oppio. Ma la Finanziaria di Berlusconi ha gi disposto il taglio di 48 milioni

Chiss, forse Buttiglione in questi ultimi anni tornato ai suoi amati studi di filosofia e noi non ce ne siamo accorti. Solo cos si possono commentare le preoccupazioni dell'attuale ministro dei Beni culturali nei riguardi dello stato della Domus Aurea, chiusa ieri con effetto immediato a causa delle infiltrazioni d'acqua provocate dalle ingenti piogge di questi giorni che possono essere dunque causa di crolli. Il suo allarme, pur doveroso, appare quanto meno ipocrita. La tutela dei beni culturali ed ambientali non solo non stata una delle prime preoccupazioni del governo Berlusconi, ma, al contrario, la Casa delle libert si adoperata al massimo per sottrarre fondi alle istituzioni deputate alla difesa di monumenti, opere d'arte e ambiente pi in generale. Per questi sacrosanti motivi il suo Sos fa sorridere. Dov'era Buttiglione durante questi quattro anni di governo del Polo? - si chiede Titti De Simone, deputata di Rifondazione e membro della Commissione cultura della Camera - L'esecutivo che rappresenta ha approvato solo tagli pesanti al bilancio dei Beni Culturali, ha messo in vendita il patrimonio artistico e culturale attraverso la Patrimonio spa, ha approvato condoni e allentato i vincoli relativi alla salvaguardia dei beni ambientali ed artistici. Insomma le sue sono lacrime di coccodrillo. Si rivolge, per trovare i soldi per la Domus Aurea ed altri monumenti a rischio, anche a quegli enti locali, come lo stesso Comune di Roma, le cui casse sono praticamente vuote, a causa anche in questo caso della Finanziaria. Sembra un'anima in pena, un questuante qualsiasi. E invece un ministro che, evidentemente non doveva accettare quell'incarico se non condivideva le scelte di Palazzo Chigi. Anche i Verdi reagiscono duramente all'allarme dell'esponente dell'Udc. Parla il senatore Sauro Turroni, vicepresidente della commissione ambiente di Palazzo Madama: Buttiglione si assuma le sue responsabilit - dice l'esponente ambientalista - inutile che lanci l'allarme se poi non riesce a trovare i soldi per tutelare il patrimonio storico-artistico della Nazione. Il Ministro parla impropriamente di "valorizzazione", ma non esiste valorizzazione senza tutela. La chiusura della Domus Aurea l'ennesima manifestazione della sua impotenza. Invece di strillare, provveda ad inserire nel maxiemendamento alla finanziaria i fondi necessari (almeno cinque milioni di euro per i lavori urgenti e centotrenta per la messa in sicurezza dell'intera zona di Colle Oppio, ndr) per salvare la domus aurea dalla rovina.
Anche WalterVeltroni, sindaco di Roma, pur dichiarando la propria disponibilit, non lesina critiche al governo: Siamo a disposizione - ha detto il primo cittadino - ma delle pericolose infiltrazioni i Beni Culturali non ci hanno mai informato. Per Giovanna Melandri, esponente diessina e gi ministro dei Beni Culturali la chiusura sine die va scongiurata e Buttiglione si deve attivare per reperire immediatamente le risorse necessarie per la manutenzione ordinaria e straordinaria di questo luogo d'arte e di tutta l'archeologia italiana a rischio. La Melandri punta l'indice contro una gestione a dir poco sciagurata del governo, che ha letteralmente abbandonato la residenza di Nerone. Dopo la riapertura delle prime sale, avvenuta nel giugno del 1999, il Ministero non si dimostrato all'altezza della sfida, che era quella di continuare l'attivit di scavo, consolidamento e riapertura delle ulteriori sale mediante un costante stanziamento di risorse adeguate. Risorse per che non sono mai arrivate e che, anzi, sono state dimezzate negli ultimi tre anni. In particolare stata ignorata e non rifinanziata la legge speciale del 1999 con cui era stato varato un primo, parziale, Piano nazionale per l'archeologia.
L'allarme non riguarda comunque solo la Domus: Abbiamo gi avuto un crollo al Palatino - ha ricordato il ministro - e problemi gravi riguardano anche Caracalla, dove le visite sono gi state ristrette. Per Buttiglione l'intera politica del governo a riguardo che va rivista completamente: I circa 48 milioni di tagli fatti dalla Finanziaria ai beni culturali devono essere ritirati tutti.
Come gi detto, riaperta, seppur parzialmente, al pubblico nel 1999, la Domus Aurea aveva sino ad oggi agibili 32 stanze su 150 e stata visitata ogni giorno da circa mille persone. L'ex casa di Nerone sorse sulle ceneri del terribile incendio del 64 d. C., che distrusse gran parte della citt di Roma e che sarebbe stato provocato dalla stesso imperatore. La fastosa residenza del principe, affidata alle cure degli architetti Severo e Celere, venne ad occupare quasi tutto il centro di Roma, cancellando case e edifici pubblici, in un'area di circa ottanta ettari, compresa tra il Palatino, l'Esquilino, l'Oppio e il Celio, includendo in essa un lago vasto "quasi come un mare" (lo stagnum Neronis) e "edifici grandi come citt", al punto da meritare l'appellativo di Aurea. L'impressione suscitata presso i contemporanei fu tale da oscurare il ricordo della casa precedente e da ispirare i famosi versi satirici "Roma oramai una sola casa: migrate a Veio, o Quiriti, se questa casa non occuper anche Veio". Ora, a quasi duemila anni di distanza da quell'evento, a causa dell'incuria di uomini senza scrupoli, quell'edificio rischia di cadere in rovina. Veri e propri lanzichenecchi del ventunesimo secolo.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news