LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CULTURA: ROMA, AYMONINO REALIZZA LA NUOVA ALA DEI MUSEI CAPITOLINI
12 dic. (Adnkronos Cultura)


Roma, 12 dic. (Adnkronos Cultura) - Svettava sulla cima del colle Campidoglio il tempio pi importante e imponente di Roma, centro della politica espansionistica, luogo in cui si svolgevano i riti augurali propiziatori prima di una nuova guerra di conquista e quelli di ringraziamento dopo il trionfo: il Tempio del Giove Capitolino. Il massimo santuario della romanit, risalente al VI secolo a.C., a lungo interrato e dimenticato, torna ad essere uno dei simboli della citt eterna grazie al progetto dellarchitetto Carlo Aymonino per la nuova ala dei Musei Capitolini in Palazzo dei Conservatori: progetto pensato per restituire, finalmente, una collocazione degna al monumento equestre di Marco Aurelio. Terminata la copertura dello spazio interno del Palazzo dei Conservatori, il cosiddetto Giardino Romano, e la ristrutturazione delle aree museali interessate dalla presenza del Tempio di Giove Capitolino, il progetto di Aymonino vede finalmente la luce dopo circa dodici anni di attese e di lavori e sar inaugurata il 22 dicembre per aprire al pubblico il 23.

La conclusione dei lavori della nuova ala stata annunciata oggi in una conferenza presso la sala Pietro da Cortona, in Campidoglio e completa il lungo lavoro intrapreso sui Musei Capitolini, aumentandone la superficie di circa un terzo e rendendoli tanto belli quanto non sono mai stati ha dichiarato Walter Veltroni, sindaco di Roma I musei di Roma sono stati quasi tutti riaperti e rinnovati, altri spazi saranno restituiti alla citt grazie, ad esempio, al restauro di Villa Torlonia e Villa Borghese. Investire nella citt e nella cultura significa creare ricchezza diffusa e posti di lavoro ed proprio questo tipo di investimento ad aver creato le condizioni per la crescita economica della citt. Il progetto il frutto di una lunga storia iniziata tanto tempo fa, raccontata nei dettagli da Eugenio la Rocca, soprintendente ai Beni Culturali del comune di Roma, e da Anna Mura Sommella, direttore dei Musei Capitolini, insieme con Carlo Aymonino. Tutto ebbe inizio ventisei anni fa, quando, il 19 aprile del 1979, un attentato in Campidoglio dimostr, assieme alla forte valenza politica del luogo, tutta la fragilit della statua del Marco Aurelio.

Nel 1981, il complesso equestre fu trasferito presso lIstituto Centrale del Restauro e solo dopo nove anni di lavori la statua pot tornare in Campidoglio, accompagnata dalla polemica tra chi volle il suo ritorno e chi, invece, riteneva che cavallo e cavaliere dovessero essere musealizzati per proteggerli da ulteriori danni. Si realizz, allora, grazie a un complesso sistema informatico, una copia del monumento e fu cos che lautentico Marco Aurelio trov, nel 1990, la poco regale collocazione in un angusto spazio dei Musei Capitolini. Proprio in quel periodo, Carlo Aymonino individu, quale possibile sede per la statua, lo spazio che si trovava alle spalle di Palazzo dei Conservatori: il Giardino Romano. La sede fu scelta anche in virt del fatto che proprio l, nella seconda met dellOttocento, si trovasse il padiglione destinato a raccogliere le opere rinvenute durante gli scavi allEsquilino. Nella costruzione di quel padiglione, una sezione del Tempio di Giove fu malamente integrata nella struttura, divenendo un semplice muro divisorio.

Il primo progetto prevedeva una totale copertura della zona comprendente i resti del Tempio di Apollo Sosiano e, tra 1990 e 1995, Aymonino vi colloca mentalmente il Marco Aurelio. Nel frattempo, nasceva la Centrale Montemartini, realizzata per accogliere, in maniera temporanea, le opere dei Musei Capitolini fino al termine dei restauri del complesso. Il risultato fu, per, cos interessante che si decise di farne un museo permanente. Avendo ora pi spazio a disposizione, il secondo progetto di Aymonino si defin in unampia esedra con il monumento equestre al centro, affiancato dalle opere rinvenute in Campidoglio nel corso del Cinquecento. Iniziarono gli scavi, convinti che nulla avrebbe fermato i lavori, essendo il Campidoglio una zona nota: ma il colle riservava ancora delle sorprese. Emozionato, Gianni Borgna, assessore alle Politiche Culturali del comune di Roma, ha partecipato alla presentazione della nuova ala, un progetto iniziato dodici anni fa, quando i Musei Capitolini, in parte chiusi, vivevano una stagione di precariet. Oggi il Campidoglio si presenta con spazi e servizi rinnovati e restaurati, anche grazie a questo progetto faticoso e faticato, perch (ma questo il bello di Roma) durante i lavori sono emersi numerosi reperti.

Ad emergere stata una stratificazione contenente tracce di abitato dallepoca del bronzo fino alla costruzione del Tempio di Giove, varie sepolture (celebre quella di Romoletta, una bambina sepolta nel IX secolo a.C.), numerosi reperti e il muro perimetrale del Tempio di Giove, scoperta che ha permesso di datare la costruzione allepoca di Tarquinio il Superbo. Lungo il perimetro del tempio, sono state individuate le celle delle tre divinit, Giove, Giunone e Minerva, testimoni della straordinariet delledificio che misurava, sul lato lungo, 200 piedi (circa 60 metri). Allarchitetto stato chiesto di inserire nel suo progetto una parte del Tempio, in modo da dare vita ad un museo che fosse, al tempo stesso, un monumento. Questo museo-monumento vedr i visitatori camminare allinterno delle fondazioni del Tempio e, anche se nulla rimasto delle decorazioni interne (addirittura le colonne marmoree del santuario furono utilizzate per costruire la Chiesa di Santa Maria della Pace), si potr ammirare la statua equestre del Marco Aurelio, la Testa Bronzea di Costantino, le opere provenienti dagli scavi degli horti dellEsquilino, i pezzi della collezione Castellani e le opere rinvenute durante gli scavi in Campidoglio. La nuova ala espositiva, infatti, comprende non solo il Giardino Romano, ma anche le zone attigue recuperando, cos, circa 300 metri quadri che saranno ulteriormente ampliati in seguito ai lavori dal Museo Nuovo di Palazzo Caffarelli.






news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news