LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Peschiera (VR) - Lo Stato cede Rocca ed ex carcere militare, protestano studiosi e architetti
Di Giuditta Bolognesi
L'Arena - 12.12.2005



Ben 28mila metri quadrati di area coperta e 50mila a verde: sono i due complessi delle caserme XXX Maggio (ex carcere militare) e della Rocca, situate nel centro storico ed entrate nell'elenco dei beni messi in vendita dal Demanio. A questi spazi, si aggiungono gli oltre cinquemila metri quadrati di coperto e i circa 110mila di verde di pertinenza di Forte Ardietti, che si presenta ancora oggi così come era stato pensato nella metà dell'800 e che è ugualmente finito nella lista delle dismissioni. «Sempre in centro storico c'è tutta la zona di Borgo Secolo: parlare, dunque, di Peschiera in vendita non è un riferimento solo alla qualità del patrimonio storico architettonico che si vuole alienare, ma anche al suo valore quantitativo», commenta Oscar Cofani, architetto che con il suo collega Lino Vittorio Bozzetto ha tenuto una conferenza intitolata appunto «Peschiera in vendita». Vendita nonostante dal 2001 tutto il centro storico, anzi l'intera piazzaforte, sia protetta da decreto di vincolo monumentale, ripreso due anni più tardi, nel 2003, dalla Soprintendenza regionale in occasione del tentativo di dismissione della Palazzina storica. La conferenza degli architetti Cofani e Bozzetto è stata ospitata nella Sala Paolo VI della parrocchia di San Martino perché, hanno detto i relatori, «il Comune non ha concesso altri spazi». Non c'era alcun esponente dell'amministrazione; unico presente, tra i consiglieri comunali, Bruno Dalla Pellegrina. I due tecnici, animatori del centro di documentazione storica sulla fortezza di Peschiera, hanno descritto il patrimonio urbanistico arilicense oggetto della vendita e hanno presentato interrogativi sulle procedure con cui lo Stato persegue la sua politica di vendita.
«L'area occupata dalle caserme, in tutto 28mila metri quadrati, è praticamente uguale a quella dell'intero nucleo centrale del paese, 30mila. Innegabile il valore storico dei due compendi, che interessano direttamente i bastioni della fortezza. In particolare la Rocca Scaligera», ha ricordato Cofani, «che ha ospitato anche Dante Alighieri e contiene i resti di una torre di presumibile epoca romana così come altre strutture di assoluto pregio: basti pensare alla ghiacciaia a forma di uovo di 6, 7 metri di diametro». Bozzetto ha sottolineato alcuni passaggi procedurali per arrivare a vendere beni anche quando, come nel caso di Peschiera, sono vincolati. «Le stranezze», ha detto Bozzetto, «sono molte, tecniche e di scelta. La motivazione per cui si decide di vendere certe strutture è, infatti, ?renderle produttive?. Secondo alcune statistiche, le autostrade pagano con gli incassi di due giorni i canoni di affitto dell'intero anno. Nonostante questo, nessuno lamenta la loro scarsa produttività, come avviene invece con i beni del Demanio», ha evidenziato Bozzetto. «E poi vi sono le procedure, attuate per rendere difficile la verifica dei vincoli, quindi dell'inalienabilità, da parte delle Soprintendenze. Queste istituzioni si ritrovano con tempi sempre più stretti per poter rispondere e un'ormai cronica, e direi anche voluta, carenza di personale che non può che facilitare l'attuazione di quel silenzio-assenso che si traduce in una via libera alle vendite».
Il quadro è «reso ancora più confuso da norme pubblicate all'interno di decreti che hanno oggetti diversi: l'articolo 3 di un decreto legge dell'ottobre 2005 sugli aeroporti», ha detto Bozzetto, «contiene informazioni sulla dismissione di beni immobili: in 30 righe vi sono 18 rinvii ad altre leggi che, a loro volta, rimandano ad altre norme. Un modo per toccare l'operatività dei controlli da attuare per i pareri sulle inalienabilità». «Sorprende», ha proseguito Bozzetto, «che tutte queste manovre siano condotte con atti di imperio dai ministeri senza che siano presi in considerazione i Comuni in quanto rappresentanti della comunità. Il nostro augurio», ha concluso Bozzetto, «è che la nostra amministrazione sappia cogliere questo momento nel migliore dei modi».
Ha aggiunto Cofani: «Proviamo a pensare insieme a cosa si potrebbe fare perché è chiaro a tutti che le leggi non aiutano le piccole realtà locali. I Comuni non hanno fondi per acquisire o gestire da soli i beni. In mancanza di risorse provenienti anche dall'estero, basti pensare al finanziamento europeo per il recupero della Cacciatori, si rende indispensabile la partecipazione di capitali privati. Ma anche in questo caso, l'ente pubblico dovrebbe mantenere un ruolo preminente: di controllo e di diritto di vigilanza sulla struttura e la sua futura destinazione, e di coordinamento tra i vari attori degli interventi. Pensiamo che Peschiera meriti questo tentativo, e che l'amministrazione comunale possa sentirsi appoggiata dalla cittadinanza nel caso decida di intraprendere questo tipo di percorso».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news