LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Savona - Canavese e i quattro Cavalieri 'Cos decolla il porto di Savona'
Di Franco Manzitti
La Repubblica - 12.12.2005

Ecco quanto abbiamo guadagnato con 200 scali l'anno: 130 posti di lavoro Genova sempre in corsa
L'uomo che sta cambiando il porto di Savona e che ha le idee chiare per una strategia finalmente ligure delle banchine, viene da Vicoforte, provincia di Cuneo, ha nel suo recente passato l'esperienza da deputato leghista, tra il ?94 e il ?96, subito digerita con una razionale delusione politica e un tavolo pieno di progetti e di grandi nomi di imprenditori marittimi e non, di super architetti e clienti, capaci di far diventare quello che i genovesi interrarono uno scalo-modello e la citt intorno pulsante di affari nuovi. Si chiama Rino Canavese, il presidente dell'Autorit portuale ed diventato celebre per avere strappato a Genova il business delle crociere della Costa-Carnival, ma ora il pi convinto e pragmatico stratega di una alleanza di ferro con la Superba e con Spezia. Gioca a tutto campo non solo con i fumaioli delle maxiammiraglie della Costa guidata da Foschi, ma con Trenitalia, con appalti europei per costruire entro il 2011 una piattaforma di 175 mila metri quadrati, con i liners mondiali che guardano interessati a questo ex porto di seconda classe. Fuori dalla sua finestra il porto di Savona cambia a vista d'occhio, sotto la matita e le scavatrici di un Grande di Spagna, l'architetto Bofil, mentre ad Albissola si affaccia per il porticciolo un nome come Fuksas. Il terminal di Vado ha 'bruciato' con 175 mila container nell'anno il colosso genovese Messina.
Presidente, perch mai, di colpo, il porto di Savona vince tutte le battaglie e diventa sempre pi forte? Perch noi siamo sempre stati la seconda opzione se non l'ultima e, quindi, abbiamo sempre trattato con terminalisti e clienti in una posizione diversa. Abbiamo potuto valutare le richieste come esigenze per far crescere il porto, non come optional rispetto ad altri equilibri di scali pi grandi e pi appetiti. E, scalino dopo scalino, stiamo salendo: facciamo 16 milioni di tonnellate. Siamo al centro di un'area portuale che 'brilla' nel Mediterraneo.
Ancora? Non avendo costruito un sistema ligure abbiamo forse gi perso un bel treno? Siamo ancora in tempo anche se gli spagnoli hanno galoppato. Stiamo su quel mercato, ma dobbiamo essere veloci. Non ci basta lo spazio. Savona scommette su quella piattaforma per la quale il bando di gara scade il 31 marzo e che sar pronta nel 2011. Genova deve decidere di fare un altro grande terminal con Renzo Piano tra Bettolo e la Concenter nel porto di Sampierdarena.....
Cosa manca per fare un sistema ligure? Qui abbiamo imparato a superare le posizioni di blocco. Lavoriamo insieme con il territorio, superiamo le difficolt postindustriali e riconvertiamo nei traffici. Mi vanto di avere nel mio Comitato Portuale i numeri uno come Orsero, Barone, Campostano, Delle Piane, Pasquale. Non credo che un'unica autorit portuale ligure ci farebbe superare le difficolt, perch metteremmo in comune non i vantaggi, ma le negativit.
La Regione di Burlando spinge per quel sistema comune? Lui era partito in quarta, con il progetto di razionalizzare tra noi e Genova le Rinfuse. Ottima idea. Io lo vedo un grande porto ligure, ma senza fare errori. Portare qui tutto il carbone? Ho solo lo spazio per il carbone savonese...Un'alleanza avrebbe importanti ricadute se pensiamo finalmente alle infrastrutture e al Nord Ovest, se sfruttiamo i treni, ad esempio. Savona scarica gi due milioni di tonnellate su ferrovia e ha il vantaggio di avere un'autostrada come la Torino-Savona che scavalca l'Appennino senza collassare gli altri valichi. Aspettiamo anche noi la benedizione del Terzo Valico, ma intanto che si fa? Gronde, bretelle?
Ma la Costa vi ha davvero cambiato la vita o, alla fine Savona non spreme dall'arrivo delle crociere quanto potrebbe? Beh, nel 2005 abbiamo avuto 200 scali e di navi sempre pi belle. Fossi Genova non mi piangerei troppo addosso, in fondo Msc un bel business e la societ Stazioni Marittime fa dei grandi utili. Il segreto dare a ogni compagnia un molo? Pu darsi. Intanto Savona sta crescendo: oramai anche di domenica il 30-40 per cento di negozi resta aperto, se ci sono le navi. Sono cresciuti i servizi di security, di portabagagli e di provviste di bordo e con questo i posti di lavoro: almeno 34 mila giornate lavorative all'anno. Vuol dire oggi 130 occupati. Questa la strada! E poi adesso partiranno i lavori della grande torre nel porto, con un supercentro commerciale e l'albergo a quattro stelle. Ma attenzione, la ricaduta non solo qua. Ogni nave fa partire 12 pulmann per Portofino e per l'Acquario di Genova e stiamo pensando a un treno per le Cinque Terre.
Insomma, lei nella prospettiva ligure, di sistema ci crede e non solo per bandiera? Certo. Credo nel mio porto, in quello che sta crescendo intorno: nei cantieri dei Fratelli Stroppani, ex Campanella, ora Mondo Marin che stanno costruendo l'ultima barca di Luciano Benetton, nei capannoni di Monfer, l'imprenditore Mondino che arrivato da Cuneo, nel porticciolo da 700 posti che disegner a Albissola un altro mago dell'architettura, come Fuskas, nella crescita del terminal del caff di Pacorini a Vado. Certo, non mi dimentico di quando, sbarcato dalla Camera, come ex deputato, nel 1996, sono arrivato da direttore generale e il porto faceva 11 milioni di tonnellate e non aveva il becco di un vero cliente. Buss Costa per un attracco e mi chiese sette ore di sosta. I portuali risposero che ci volevano due turni di lavoro. Andai dalle Cooperative, dove il presidente era un certo Carlo Ruggeri e chiudemmo con un turno solo. Poi Ruggeri ha fatto il sindaco e insieme abbiamo portato qua la Costa e, con Orsero, Bofil. Savona ripartita.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news