LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari - Casa del Portuale una porta sul mare
La Gazzetta del Mezzogiorno - 12.12.2005



Museo archeologico: ogni decisione sospesa fino al prossimo 15 gennaio. Il Presidente della Provincia di Bari, Vincenzo Divella, conferma che fino a quella data si accetteranno consigli e critiche al progetto preliminare del museo di S. Scolastica e S. Pietro, a Bari Vecchia. E che solo dopo il 15 gennaio la giunta decider se bandire un concorso d'architettura o se affidare la progettazione definitiva allo stesso soprintendente ai Beni architettonici di Bari e Foggia, l'architetto Marcello Benedettelli, che ha firmato quella preliminare. Un progetto che dimostra tutta la necessit di correre ai ripari: riportare lo stesso alla iniziale condizione di studio di fattibilit (per cui era stato finanziato dalla Regione) e quindi bandire un concorso, raccogliendo finalmente quell'appello lanciato proprio a Bari due anni fa dal Consiglio nazionale degli architetti, ma anche le indicazioni degli archeologi, finora tenuti estranei (come ha ricordato il soprintendente pugliese Giuseppe Andreassi). Le critiche espresse in questa rubrica il 23 novembre scorso non sono state gradite da progettisti e committenti del nuovo museo archeologico e sono state giudicate strumentali.
A che cosa e a chi non dato di sapere. In questi tempi televisivi e pubblicitari in cui si occulta la sostanziale differenza tra informazione e comunicazione, in questi tempi di embedded, utile ricordare che il lavoro dei giornalisti, in Italia, regolato da una legge, la n 69 del 1963: diritto insopprimibile dei giornalisti ? si legge all'inizio dell'articolo 2 -la libert d'informazione e di critica. La critica militante nata e si sviluppata non nell'accademia, ma sulle pagine dei giornali e delle riviste. E anche l'architettura -se non si vuole condannarla alla propaganda patinata dello star-system -cos come l'arte, la musica, il teatro, il cinema e la letteratura da sottoporre alla critica militante, come fece per tanti anni Bruno Zevi con le sue cronache settimanali sull'Espresso. Si pu giudicare un prodotto di architettura prima che sia stato realizzato? Certo, anzi si deve. Perch dopo, a cose fatte, potrebbe essere troppo tardi. Quanti hanno visto e discusso i progetti di Punta Perotti prima che si aprisse il cantiere? O ancora il disastroso progetto di interrare il lungomare per realizzare lo svincolo dell'Asse Nord Sud: ci sarebbero oggi dubbi e opposizioni se non si fosse allora criticato il progetto preliminare dell'architetto Domenico Massimeo? E dovremmo forse aspettare che l'impresa Pizzarotti costruisca la sua Cittadella della Giustizia per criticare l'errore urbanistico, il danno ambientale e la imbarazzante somiglianza con le architetture dello stalinismo? Pur tenendo conto del fatto che il progetto preliminare non ha il grado di approfondimento di uno definitivo, si pu ben giudicarlo giacch sono gi esplicite le intenzioni fondamentali: i volumi, le relazioni urbane, il concept, cio l'idea essenziale, e naturalmente il metodo.
Torna alla mente, a questo proposito, ci che scrive Vittorio Gregotti in L'architettura del realismo critico (Laterza ed., pp. 156, euro 16): 'affrontare lo stato delle cose' (per citare Wim Wenders) operazione indispensabile ma richiede, da parte dell'architetto, una capacit di sospensione del giudizio sempre pi ardua sia nel vincere i propri pregiudizi sia nel penetrare a fondo nelle ragioni che presiedono a quello stato e la dinamica altamente differenziata del cambiamento. Quali relazioni con il contesto vengono stabilite nel progetto del museo archeologico, che volge le spalle al mare e apre un secondo ingresso nella medesima piazza S. Pietro su cui si affaccia l'ex monastero di S. Scolastica? La nota storica che accompagna il progetto alquanto arida e ignora del tutto la qualit degli interventi di architettura novecentesca. Il restauro di S. Scolastica, condotto trent'anni fa dagli architetti Ambrosi e Radicchio (mai citati), ridotto ad un problema di gradini e scivoli per gli handicappati, mentre semplicemente orribili sarebbero le case popolari che si affacciano sull'area degli scavi, come ha detto Benedettelli nell'incontro pubblico del 17 novembre, presentando il suo lavoro. Non il caso di discutere qui i criteri di bellezza con cui misurare le case popolari n l'importanza storica e sociale di quell'intervento nella citt vecchia. Ma almeno si ricordi -senza pregiudizio -che quelle case popolari furono progettate dall'architetto Marino Lopopolo, alla cui densa attivit bisogner forse dedicare maggiore attenzione, per rileggere anche il ruolo che il suo asciutto Funzionalismo ha giocato sulla scena barese e nell'edilizia sociale degli anni Trenta e poi del dopoguerra. Volgendo le spalle al mare, i progettisti ignorano anche la Casa del Portuale, oggi sede della Autorit Portuale, che invece potrebbe suggerire molto a chi dovr disegnare il museo archeologico, quanto a relazione con il contesto.
L'edificio fu progettato nel 1939 dall'architetto Pietro Maria Favia, che accost la nuova costruzione alla radice del vecchio molo borbonico del Porto, tagliato per la costruzione del lungomare, dopo l'interramento della linea di costa iniziata nel 1931. Favia, da architetto colto e moderno, si mette subito in relazione con lo stato delle cose e cos quel concavo muro di pietra bianca, che avrebbe potuto essere anche demolito, viene invece valorizzato proprio in quanto addizione al bastione di S. Scolastica. I nuovi locali della Casa del Portuale vengono costruiti su una pianta curva, un settore di corona circolare, distaccato per dal molo, in maniera da lasciare un passaggio pedonale pubblico che attraverso le rampe di scala contenute in due parapetti stondati di pietra conduca fino al belvedere di S. Scolastica. Sul passaggio si affaccia il giardino della Casa del portuale, un hortus conlusus stetto e lungo che la proiezione all'esterno del grande salone del dopolavoro. La Casa del Portuale era la sede dei camalli baresi, la Compagnia Nazario Sauro che autogestiva il lavoro di carico e scarico dalle navi e anche i servizi per gli operai: al piano rialzato dell'edificio un corridoio conduceva a sinistra alla sala delle docce e quindi al giardino, in fondo al salone sociale e a destra ai locali destinati a spogliatoi e ripostigli, al pronto soccorso e alla sala di chiamata all'ingaggio. All'unico piano superiore erano sistemati gli uffici e una terrazza arcuata, affacciata sul molo con una teoria di dieci finestre sormontate da una lunetta da sesto pieno.
Nella composizione razionalista di questa architettura si ritrovano elementi tipici della declinazione italiana: le tre finestre orbicolari che segnano il breve torrino del vano-scala sull'ingresso, la geometrica semplificazione di archetti, pilastri e lesene, e soprattutto i materiali: pietra bianca di Bisceglie per il basamento e il cornicione terminale, conci di tufo Mazzaro a bugne per il rivestimento delle pareti. Due materiali per raggiungere due obiettivi insieme: rispettare il carattere murario dall'architettura italiana anche nel Razionalismo, ma soprattutto stabilire una relazione di colore e di matericit ' ma non di mimetismo ' con S. Scolastica e con l'intera Muraglia.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news