LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA-BASE USA: Soru: fermate quei lavori, non siete autorizzati
AUGUSTO DITEL
La Nuova Sardegna, 9 dicembre 2005

CAGLIARI. "Gli americani non fermano i lavori? Ci mando la Forestale, a controllare se hanno le licenze per costruire". Renato Soru entra a gamba tesa sul sottosegretario alla Difesa Salvatore Cicu, e sulla sua teoria dell'abbandono graduale della base da parte del governo Usa, dopo l'incontro
dello stesso Cicu con il segretario dalla Difesa Donald Rumsfeld. "Devono chiudere il cantiere immediatamente - incalza Soru - anche perch mi risulta che questi non siano autorizzati". Americani abusivi? La notizia avrebbe
del clamoroso, ma le "indagini" svolte fino a oggi dalla Regione hanno portato a un solo risultato: non esiste traccia di alcuna autorizzazione per quei 52mila metri cubi che l'amministrazione americana intendeva realizzare a Santo Stefano, come supporto alla presenza dei propri militari impiegati
nella base per i sommergibili a propulsione nucleare. Alla Forestale, dunque, il compito di verificare subito - su incarico di Renato Soru - se queste benedette autorizzazioni esistono. Ma la Regione non ha intenzione di fermarsi a questo controllo. Tira aria di esposto alla Procura di Tempio. Ne
d conferma il direttore generale della Presidenza Fulvio Dettori. "Sto lavorando da alcuni giorni alla ricerca di un parere positivo su quelle costruzioni. Mi sono rivolto all'Ufficio Tutela del Paesaggio e mi giunta
la risposta: negativo. Dalla Soprintendenza dei Beni Ambientali di Sassari invece non ho avuto ancora nessuna risposta: ora aspetto l'esito della richiesta di accesso agli atti. La comunicazione alla Procura tempiese -
prosegue l'alto funzionario della Regione - partirebbe nel momento in cui ci fosse il riscontro ufficiale della mancanza di qualsiasi autorizzazione amministrativa. Credo sia mio preciso dovere investire del caso la magistratura". La Regione pare si stia muovendo in questa direzione dopo
aver appreso il contenuto di una sentenza del Consiglio di Stato che avrebbe bloccato i lavori di costruzione di una caserma della Guardia di Finanza nel territorio che fa capo al parco della Maiella. Secondo quella sentenza, non
esisterebbe alcuna deroga alla norma generale che impone l'emissione di una licenza anche per immobili da destinare ai comandi militari. Il braccio di ferro Soru-Cicu, a questo punto, fa venire allo scoperto una palese contraddizione tra quanto sostenuto a suo tempo dal ministro della Difesa
Antonio Martino, il quale, fin dall'annuncio della partenza degli americani dall'arcipelago maddalenino, aveva confermato l'immediato stop ai lavori sull'isola di Santo Stefano, e quello che invece oggi auspica il sottosegretario Salvatore Cicu. Il quale ha parlato di "trasferimento
graduale e comunque contestuale ai provvedimenti amministrativi che la Regione deve realizzare per concretizzare un piano di sviluppo economico alternativo all'isola. L'indotto dell'Us Navy sulla Maddalena si attesta sui 55 milioni di euro e bisogna salvaguardare i livelli occupazionali". "Il
sottosegretario Cicu - chiosa Renato Soru - pensa ai 180 dipendenti civili, quando alla Maddalena i disoccupati sono oltre duemila. La verit che quella un'economia povera, che oggi ha un'enorme opportunit di crescita e di sviluppo".



CAGLIARI. Anche l'Unione Europea, lo scorso 18 ottobre, aveva intimato lo stop ai lavori di ampliamento della base della Us Navy nell'arcipelago della Maddalena. Il governo comunitario infatti aveva inviato una lettera di "costituzione in mora" all'Italia per la violazione dell'articolo 10 del
trattato Ue. E cio per non aver risposto alle richieste di spiegazioni poste da Bruxelles, dopo le interrogazioni parlamentari presentate dalla deputata verde Monica Frassoni e gli esposti presentati dagli ecologisti del "Gruppo
d'Intervento giuridico" e degli "Amici della Terra".
Secondo quell'intimazione, il governo avrebbe dovuto bloccare i lavori in corso a Santo Stefano e procedere a quella valutazione di incidenza ambientale che avrebbe dovuto invece precedere l'attuazione del progetto della Marina americana. Nella lettera spedita da Bruxelles si leggeva: "L'intervento suscettibile di avere un impatto ambientale significativo sulla zona di conservazione dell'arcipelago della Maddalena, che l'Italia ha
proposto come sito da includere nella rete Natura 2000 di siti di
conservazione istituita dalla direttiva Habitat". Una posizione che era stata gi espressa addirittura il 10 dicembre 2003 dall'ex commissario all'Ambiente Wallstrom nella risposta alla prima interrogazione della Frassoni. Linea ribadita recentemente anche dall'attuale commissario, il greco Dimas, il quale, rispondendo agli ecologisti, aveva scritto che "i lavori sarebbero
dovuti essere preceduti perlomeno dalla vincolante procedura di valutazione di incidenza ambientale. Da Roma, silenzio, fino al giorno in cui il ministro della Difesa Antonio Martino aveva annunciato l'immediato stop, salvo poi essere contraddetto dal sottosegretario Salvatore Cicu che invece l'altro
ieri ha ipotizzato e caldeggiato un abbandono graduale. Va comunque precisato che l'offensiva di Bruxelles si riferisce al primo progetto presentato dalla Sesta Flotta. Siamo quindi ancora a quell'intervento definito di "ristrutturazione per migliorare le condizioni di vita del personale" (volumetria dichiarata: 52 mila metri cubi e un investimento da 37 milioni di dollari, cio poco pi di 71 miliardi di vecchie lire). Non quindi
il progetto che gli americani avevano tenuto segreto, ma che, nelle scorse settimane, finito nelle mani del presidente della giunta regionale Renato Soru. Per capire meglio di cosa si sta parlando, basti pensare che a Santo Stefano si passerebbe da una superfice coperta di circa tremila metri quadri
ad addirittura 38 mila metri quadrati.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news