LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tar Lazio. Beni culturali, affidamenti in libert
di Alberto Barbiero
ItaliaOggi - 9/12/2005





Tar Lazio: la societ che gestisce il patrimonio deve essere partecipata prevalentemente dall'ente.
Procedure aperte per la selezione del socio di minoranza

Affidamento diretto di servizi di valorizzazione di beni culturali e di attivit complementari (es. bookshop) a societ partecipate in misura prevalente dall'ente locale. Qualificazione di tali servizi come privi di rilevanza economica.
Sono questi gli elementi-chiave di un'importante sentenza del Tribunale amministrativo regionale del Lazio (sez. III, n. 11741 del 17 novembre 2005), intervenuta sul tema delle forme di gestione dei beni culturali previste dall'art. 115 del decreto legislativo n. 42/2004, con riferimento al caso di una societ partecipata da un comune cui sono stati affidate attivit di valorizzazione del sistema museale e una serie di servizi aggiuntivi (es. bookshop ecc.).

Tale dato normativo stabilisce infatti che gli enti locali possono gestire i particolari beni in forma indiretta mediante affidamento diretto a istituzioni, fondazioni, associazioni, consorzi, societ di capitali o altri soggetti, costituiti o partecipati, in misura prevalente, dall'amministrazione pubblica cui i beni pertengono.

La sentenza del Tar laziale fa rilevare come la disposizione contenga una clausola aperta circa la tipologia organizzativa utilizzabile, ponendo l'unica condizione della partecipazione in misura prevalente da parte dell'amministrazione cui i beni appartengono.

Pertanto, nel menzionare le societ o gli altri soggetti essa non impone la selezione del socio di minoranza mediante procedure a evidenza pubblica, considerando invece quale criterio rilevante quello della pertinenza dei beni e quello della partecipazione prevalente da parte dell'amministrazioni interessate, garantendo in tal modo il controllo sull'uso del bene connotato da una certa rilevanza culturale e artistica.

Inoltre viene a essere evidenziato come la circostanza che la disposizione non impone l'osservanza di procedure di evidenza pubblica con riferimento alle modalit di gestione indicate implichi la precisa volont del legislatore di consentire un affidamento diretto a una societ mista in cui il socio di minoranza non viene scelto mediante procedure predeterminate.

Nell'ambito del codice dei beni culturali viene infatti ad essere previsto (sempre nell'art. 115) che, ove l'amministrazione ritenga pi conveniente far ricorso alla concessione a terzi, questi debbano essere scelti secondo procedure a evidenza pubblica, mentre nulla si specifica circa la necessit di applicare procedure ad evidenza pubblica per la scelta del socio di minoranza nel caso di affidamento diretto a favore di altri organismi: il legislatore si quindi posto il problema del rispetto delle procedure a evidenza pubblica e la prescrizione stata fatta soltanto per il caso dell'affidamento con concessione. Peraltro risulta evidente come la previsione del dlgs n. 42/2004 costituisca di per s disciplina specifica, non integrabile con quanto delineato dal dlgs n. 267/2000 in materia di servizi pubblici locali. A rafforzamento di tale prospettiva la sentenza del Tar Lazio precisa come il codice dei beni culturali abbia assegnato alle attivit di valorizzazione del patrimonio culturale di cui all'art. 6 e alle attivit connesse di cui all'articolo 117 (servizi aggiuntivi compatibili con il fine pubblico) una valenza essenzialmente pubblica, pi che economica e concorrenziale, tali da risultare compatibili con l'affidamento diretto, in quanto volti a realizzare le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica del patrimonio culturale



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news