LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Concertazione, opportunit per il Sud
di Nando Morra
9-12-2005 Il Denaro






Nei giorni scorsi, il presidente Antonio Bassolino ha illustrato al Consiglio Regionale il documento sulle linee, strategie ed obiettivi per lo sviluppo della Campania.

Un documento importante, quasi uno spartiacque tra la esperienza alle spalle ed il futuro. Il nodo politico di fondo tra la critica e la revisione di una programmazione a pioggia e la innovazione culturale e strategica in linea con il quadro europeo, interregionale e nazionale, di incentrare, programmare lo sviluppo sulla realizzazione di progetti strategici, come reti infrastrutturali, materiali ed immateriali.


Una virata giusta, essenziale, necessaria. Tuttavia, per caratterizzare la nuova legislatura e la nuova fase urge affrontare e dare risposte positive anche ad altri rilevanti nodi politici ed istituzionali. Alcuni riguardano in, primo luogo, il sistema delle Autonomie Locali.


1) La prima loggettiva pesantezza della crisi in cui il paese si trova. Pur avendo origini profonde, strutturali, che rimandano al modello di paese costruito nei decenni (per il Sud nei secoli) stata aggravata dallinefficacia delle politiche messe in campo dal Governo centrale. Toccher necessariamente alle Regioni segnare la svolta. Certo occorrer affermare un metodo: una forte, continua, efficace concertazione interistituzionale e un dialogo serrato con le parti sociali. Questo significa rivedere e rafforzare le sedi attuali della concertazione spesso svuotate da competenze ripetitive e marginali e invece tenute sistematicamente fuori dalle scelte strategiche. Significa anche completare il disegno riformatore con un vero Senato Federale che sia davvero il luogo di interfaccia e raccordo fra il Parlamento nazionale e il sistema delle regioni e delle autonomie. Va da se che questo passa per la bocciatura attraverso il referendum del progetto di devolution.
Assieme al metodo laffermazione della priorit sviluppo che deve essere davvero assunta dalle nuove regioni. Senza crescita n lobiettivo di un rafforzamento ed una estensione delle politiche di welfare cos necessario a partire dal sud, n il risanamento dei conti pubblici potr avvenire in modo significativo.
Questo significa per le regioni stare pienamente con le loro scelte dentro le strategie europee relative alla formazione, alluniversit, alla ricerca, allinnovazione e parimenti uscire sempre pi dalle vecchie strategie settoriali, fondi dati magari a pioggia a questa o quella categoria, per valorizzare invece sistematicamente progetti di sviluppo integrati e fortemente ancorati ai territori. Progetti capaci di valorizzare certo limpresa ma dentro ad un contesto appunto territoriale dove sono rilevanti le politiche ambientali, quelle culturali e di valorizzazione del patrimonio storico artistico, quelle di trasferimento tecnologico e della conoscenza dalle universit alle imprese, quelle di diffusione delle nuove tecnologie, quelle di potenziamento del settore turistico integrato con il paesaggio, la campagna, le tipicit territoriali. Su tutto e, in primo luogo, la logistica. Progetti capaci cio di mobilitare le risorse di un territorio e calate dallalto.
Lesempio dei distretti produttivi eloquente. I distretti presentano luci ed ombre, situazioni di crisi ma anche realt in evoluzione e capaci di ricollocarsi dentro il mercato globale. E indispensabile ripartire da l, ragionare sui servizi che ai nuovi distretti vanno garantiti, sul sostegno da dare alle imprese per una loro maggiore proiezione internazionale, sui progetti di innovazione tecnologica e il trasferimento di know how dalle universit al sistema delle imprese necessari per la loro innovazione.

2) La seconda il governo della transizione. Le nuove regioni debbono essere tali con i nuovi statuti. Essi dovevano essere accompagnati da un ampio dibattito. Invece per la gran parte dei casi questo non si realizzato e la discussione si per lo pi soffermata sui sistemi elettorali e sul numero dei consiglieri. Questa falsa partenza va recuperata con lavvio di questa legislatura. Tre fattori possono sancire la svolta.
Il primo il concetto di sussidiariet. Sono troppi i segnali che ci pervengono che evidenziano non solo un perdurare ma addirittura un accentuarsi di un forte centralismo regionale a discapito del ruolo delle istituzioni pi prossime ai cittadini. La vera sussidiariet si misura nel governo delle politiche dintervento per il sociale, per linnovazione, per lo sviluppo e nel disegno degli assi strategici su cui si svilupper il futuro di ogni singola regione.


Il secondo la ricerca di un giusto equilibrio fra la sottolineatura forte del ruolo del presidente e degli esecutivi sancito con lelezione diretta e il ruolo del Consiglio Regionale. Qui non si tratta di negare la svolta e di rimpiangere il metodo impastato di lentezza e consociativismo che le vecchie regioni si portano dietro. Il peso e la riconoscibilit che le regioni si vanno conquistando legato certamente ai nuovi poteri attribuiti dalla Costituzione ma anche dalla visibilit dei presidenti. Ma quando diciamo che in Italia non ci sono governatori, ma presidenti di regioni sottintendiamo un concetto ed un punto politico istituzionale che intende valorizzare il ruolo delle assemblee regionali, la necessit di curare la qualit della produzione legislativa, elevare il confronto politico fra esecutivo e assemblea, definire efficaci strumenti di indirizzo e di controllo dellattivit dellesecutivo.

In una parola dare prestigio e forza alle assemblee. Non sempre cos.
Il terzo lidea di una regione leggera. Cio una regione che davvero metta al primo posto le sue nuove competenze legislative e programmatorie e ridimensiona in modo visibile la sua abitudine ed attitudine alla gestione. Si tratta di combattere contro una sorta di ipertrofia delle strutture regionali. Si concretizza unidea sbagliata di regione, che non quella definita con il nuovo titolo V della Costituzione. Per questa via si danno argomenti a chi avversa il processo di riforma della nostra Repubblica in senso federale. Questo dato politico riscontra sia con le strutture proprie delle regioni e sia, ormai in modo diffuso con la nascita di agenzie, strutture, enti che posti fuori dalla struttura regionale comunque finiscono per alimentare, non una pi efficace regia nelle politiche regionali, ma una riproposizione della vocazione a gestire.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news