LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arte e libert
Antenore
L'opinione della Libert, 23/4/2003

Caro direttore,
ora che la guerra in Irak si avvicina alla fine, i sinistri non possono pi sperare in un secondo Vietnam e, per tenere vivo l'antiamericanismo, trovano utile protestare per altre ragioni, una delle quali rappresentata dai furti nei musei iracheni. Ma il modo in cui la situazione viene presentata da alcuni quotidiani e canali televisivi europei una mistificazione della realt, che aumenta la confusione e tende ad invertire i valori nella mente di chi incapace di pensare in modo indipendente e non si rende conto di venir manipolato.
La prima semplice osservazione che i furti, definiti il 'crimine del secolo' dal direttore del Museo archeologico nazionale di Baghdad, sono stati compiuti da iracheni. In Vietnam gli Stati Uniti hanno compiuto errori politici e militari, messi in evidenza nel corso della guerra da vari commentatori (in Italia da Augusto Guerriero), ma ora in Irak hanno applicato una strategia innovativa per risparmiare vite e spese, non dimenticando il loro considerevole debito nazionale verso l'estero. Invece, secondo i detrattori dell'America, il Pentagono avrebbe dovuto aumentare il numero dei suoi effettivi e far correre rischi a ulteriori propri uomini per proteggere un patrimonio dagli assalti dello stesso popolo che lo detiene ed i cui dirigenti non l'hanno messo al sicuro, impegnati a nascondere altri oggetti e salvare la propria pelle.
La seconda osservazione che accusare gli americani d'aver pensato di proteggere i pozzi di petrolio e non i musei pura malafede. I pozzi incendiati hanno un precedente nel Golfo e se lo fossero stati una seconda volta vi sarebbero oggi migliaia di pseudo ecologisti che griderebbero allo scandalo. Se venisse seguito lo stesso paradigma delle altre proteste, le colpe della immane catastrofe verrebbero attribuite agli invasori americani e britannici, e non agli incendiari ed ai mandanti, dimenticando che i danni, i costi di ripristino, il lucro cessante cadrebbero sulle spalle degli iracheni.
La terza osservazione riguarda i sovraintendenti che ora piangono e protestano. Cosa ha fatto l'Unesco prima? Sembra che solo un docente di archeologia mesopotamica abbia messo in guardia i politici americani.
Se a questi esperti stanno veramente a cuore i musei del mondo perch non hanno costituito un comitato, dato origine ad una lobby per informare i rozzi soldati e l'ignorante pubblica opinione? Chi di loro ha avuto l'iniziativa di pubblicare inserzioni di intere pagine su Washington Post, New York Times,
Chicago Tribune, LA Times per denunciare i pericoli e contribuito di tasca propria alle spese? La guerra non scoppiata all'improvviso, ma stata annunciata ed il tempo non mancato. Chi di loro partito per andare sul luogo a proteggere i reperti? Perch avrebbero dovuto difenderli gli inesperti e non chi sulle antichit campa e il cui valore conosce ed apprezza? Si sono comportati pi seriamente gli illusi perditempo recatisi in Irak con l'idea peregrina e vanagloriosa di fare da scudi umani.
E' fuori di dubbio che i furti rappresentino una perdita, anche se col tempo in parte recuperabile. Ma la situazione non paragonabile a quella del bambino che ha perduto le braccia e non v' dubbio che i problemi umani vadano considerati su un piano diverso da quelli culturali e prevalgano sugli altri. Questi estimatori che pongono le pietre antiche prima degli esseri umani vivi avrebbero potuto, a tempo debito, spiegarci quali sacrifici gli assiri offrivano sugli altari dei loro dei per ottenere protezione in guerra, anzich farci assistere in ritardo alla sceneggiata di chi, tranquillamente a casa propria, si indigna e denuncia il menefreghismo dei soldati di fronte ai saccheggi.
Caro direttore, non solo dobbiamo subire le manifestazioni per la pace ed i cortei degli sclerotici che si oppongono ai cambiamenti, ma dobbiamo anche sopportare la tattica leninista della ribellione metafisca, della protesta contro la condizione umana, contro tutto quello che avviene sulla Terra, contro il creato intero. Per di pi questi campioni sparano per primi, tecnica che generazioni di cowboys e sceriffi hollywoodiani hanno propagandato, che costringe gli altri a difendersi e, in questo caso, vuole impedire d'essere incolpati di aver fatto poco o nulla al momento opportuno.
Perch non protestiamo anche noi contro quella parte dei sovraintendenti e curatori dei musei d'Europa ed America che si stracciano le vesti e contro quei giornalisti che danno loro una mano a denunciare il 'crimine del secolo'? Potremmo offrire un suggerimento: 'Anzich fare polemiche, sempre sterili, andate a recuperare quello che vi sta a cuore, a vostre spese, con il beneplacito e la benedizione di ONU e Unesco. Siamo pronti anche noi ad applaudirvi, soprattutto se farete qualcosa per alleviare il futuro dei bambini mutilati e di quelli destinati a camminare sulle mine abbandonate dagli scherani di Saddam, finalmente abbattuto come le sue statue'.



news

26-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news