LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Castelfranco. Campane a festa per il Giorgione che torna a casa
Pia Capelli
Libero 10/12/2005

Si pu scendere in piazza per un quadro? S, se si tratta di una pala di Giorgione: Fra i tanti sit-in di protesta di questi tempi, infatti, qualche mese fa gli abitanti di Castelfranco Veneto ne hanno organizzato uno tutto particolare, vincendo cos una piccola battaglia artistica che girava intorno alla celebre pala realizzata dal giovane grande pittore nel 1503-04 per il Duomo della loro (e sua) citt.
Grazie anche all'affetto dei suoi "concittadini", infatti, da due giorni la Pala di Castelfranco tornata al suo posto (tra le campane che suonavano a festa) dopo quasi quattro anni anni di lontananza, periodo durante il quale stata affidata agli esperti restauratori delle Gallerie dell'Accademia di Venezia.
Danneggiata dal tempo, da una serie di restauri maldestri iniziati fin dal Seicento, e infine da un tentativo di furto subito nel dicembre 1972, la pala era stata prelevata nel febbraio 2002 per essere riportata allo splendore originario. Il lavoro compiuto stato cos soddisfacente che Venezia ha forse avuto per un attimo la tentazione di... tenersi il dipinto.
La mobilitazione della cittadina veneta riuscita invece ad ottenere che Giorgione tornasse a casa, dopo aver attirato l'anno scorso quasi duecentomila visitatori durante l'esposizione presso le Gallerie Veneziane.
Il motivo per cui quest'opera di Giorgione tanto cara agli abitanti di Castelfranco (oltre che alle migliaia di turisti che ogni anno si recano "in visita" per ammirarla), ed stata tanto studiata dagli storici, presto detto: si tratta di una delle due sole opere realizzate da Giorgione nella sua citt natale (l'altra il cosiddetto Fregio delle Arti Liberali e Meccaniche), e dell'unica in assoluto destinata ad un luogo di culto.
Il ristrettissimo catalogo del pittore veneto (venticinque opere in tutto) conferisce a ognuno dei suoi dipinti un valore inestimabile, e la Pala di Castelfranco conserva, come gli altri, una storia e qualche mistero.
Commissionata nel 1503 dal siciliano Tuzio Costanzo in memoria della scomparsa prematura del figlio ventitreenne Matteo, morto mentre combatteva al servizio della Serenssima, la pala una tavola lignea alta due metri e larga uno e mezzo, composta di assi di pioppo accostate, su cui Giorgione raffigur la "Madonna in trono con il Bambino e i santi Francesco e Nicasio".
Destinato ad essere sistemato sopra la lapide tombale di Matteo Costanzo, il dipinto introduce una serie di innovazioni pittoriche nell'arte veneta rinascimentale. L'immagine, di grande impatto cromatico e prospettico, nasce da una tecnica che procede per velature sovrapposte di strati colorati, cio quella "pittura sanza disegno" che Vasari descrive nelle sue Vite. Il trono della Vergine non compreso in uno spazio architettonico, bens si impone altissimo, monumentale, sul paesaggio retrostante, immerso insieme alle quattro figure in un assorto silenzio.
Giorgione lavor a lungo su questa scena, come hanno dimostrato le immagini "fantasma" ottenute durante il restauro con radiografie e riflettografie (indagini all'infrarosso che scendono sotto la superficie del quadro in cerca di rivelazioni): si scopre che molti sono stati i ripensamenti dell'artista, soprattutto per quanto riguarda le pose dei personaggi. Lo sguardo del bimbo, ad esempio, inizialmente dritto verso lo spettatore, poi stato "abbassato" sul sarcofago in segno di rispetto per il lutto del committente. Il basamento che regge Madonna e Bambino si progressivamente rimpicciolito sotto i pennelli dell'artista, in modo da rendere pi impressionante la verticalit della composizione, che si stacca nettamente dall'iconografia classica delle pale d'altare quattrocentesche.
Tra i dipinti di Giorgione, la Pala di Castelfranco in un certo senso pi "leggibile" di altri: noto infatti che le complesse simbologie utilizzate dal pittore per comporre le sue immagini hanno fatto letteralmente impazzire i filologi d'arte, che da cinque secoli scandagliano fonti di ogni genere in cerca di chiavi di interpretazione per questa opera e tele come "I Tre Filosofi" o "La Tempesta": racconti biblici, miti classici, leggende cristiane, episodi letterari, concetti filosofici, allegorie ermetico-alchemiche.
Tra i piccoli misteri custoditi dalla "nostra" pala, le identit precise dei due santi che si trovano ai piedi del trono, l'uno in abito monacale (quasi certamente San Francesco), l'altro in armatura di guerriero, con lo stendardo dei Cavalieri di Malta, di volta in volta riconosciuto come San Giorgio o San Nicasio.
Un gioiello del genere, capace di far tornare le citt venete alle antiche belligeranze, soffre per del medesimo difetto del resto dell'opera di Giorgione: una fragilit congenita, connaturata alle tecniche e ai materiali usati dal pittore, che la condanna ad un deperimento continuo e quasi inarrestabile. Le opere su carta di Giorgione, per esempio, sono gradualmente "svanite" dai loro fogli, lasciando vaghe ombre e qualche chiaroscuro a sanguigna a testimoniare dell'arte che fu. Per questo motivo, in contemporanea alla pala stata restaurata anche la Cappella Costanzo, trasformata in una sofisticata "teca tecnologica" in grado di assicurare alla grande tavola una perfetta conservazione per gli anni a venire.
Lo stesso dipinto stato protetto da una lastra di vetro antiriflesso praticamente invisibile, e torna adesso a mostrarsi, come ha fatto per cinque secoli, nel luogo stesso in cui Giorgione lo pens. A dimostrazione che il nostro patrimonio artistico, invidia del mondo intero, non costretto a sonnecchiare in qualche cassaforte sotterranea per poter sopravvivere.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news