LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Prato, il Museo Pecci salvo ma ci vogliono nuove idee
Stefano Miliani
l'Unit, 09/12/2005

IL RECUPERO. La giunta comunale ha deciso di acquisire l'importante collezione di arte contemporanea. Resta per un problema. Quale rapporto con la citt?

Risucchiato dal gorgo di un debito di 1,3 milioni di euro, il museo Pecci di Prato stava per affondare. Lo ha salvato il Comune acquisendone la collezione per quella stessa cifra (la raccolta vale almeno tre volte tanto), lasciandola in comodato al Centro d'Arte Contemporanea. Tutti dicono che era l'unica scialuppa possibile "per il Centro d'Arte Contemporanea e hanno ragione ma altrettanto vero che, nella piana pratese, fra svincoli delle autostrade e capannoni industriali, ha pesato una crisi pi vasta del raggio d'azione territoriale. locale e italiana. di cultura ed economica. Tutto s'intreccia. Ha radici da un lato in una scommessa culturale rimasta a met, ma che ha motori sufficienti per decollare, dall'altro nella cosiddetta globalizzazione del mercato. Prato infatti diventata florida con il tessile e gli stracci ma la manodopera a prezzi stracciati in Asia e soprattutto in Cina - dove anche le ditte italiane preferiscono affidare la lavorazione dei vestiti -l'ha piegata non poco. Nel frattempo c' chi galoppa o trotta pi veloce: il Castello di Rvoli e il Mart di Rovereto e Trento sono quanto mai vitali, a Roma stanno nascendo il Maxxi (statale) e il Macro (comunale) e promettono d'andare lontano, Napoli si fa avanti... Il centro, progettato da Italo Gamberini ispiratosi alle fabbriche della piana, con sale espositive ampie ma con dei limiti, con anfiteatro, apri nell'88 grazie a un accordo tra la famiglia di industriali Pecci e il Comune e in un'atmosfera carica di elettricit e aspettative. La citt del tessile giocava la carta della cultura contemporanea surclassando la vicina Firenze che sull'arte del nostro tempo chiacchiera tanto e conculde poco. Giocando d'anticipo anche in un'Italia ancorata ai Botticelli, Caravaggio, Tiepolo e Canova, quando va bene i futuristi e De Chirico. Era il primo luogo istituzionale costruito per l'arte d'oggi in Italia, lo dirigeva il critico d'arte Amnon Barzel per dare un taglio europeo e la dislocazione era indicativa: vicino all'uscita Est dell'autostrada Firenze-mare, dove arrivare in auto facile e veloce. Ma ai bordi dalla citt e questo ha frenato il rapporto con i pratesi perch andarci con i mezzi pubblici richiede una discreta pazienza e il museo non ha agganciato la sua citt quanto potrebbe, mentre c' riuscito meglio con la didattica per le scuole e con gli spettacoli.
Ora atteniamoci al salvataggio di questi giorni. Il Comune - la giunta ha deciso, il consiglio dovr approvare - dar 1,3 milioni di euro al museo in cambio della collezione e di un piano di rilancio per il 2006 che escluda debiti. La raccolta costruita negli anni abbondante, sul fronte pubblico italiano d punti a tutti, tra pitture, sculture e installazioni. Riassunta da una mostra aperta fino al 29 gennaio, comprende gente come Cucchi, Merz, Paladino, Plessi, Pistoletto, ha nomi internazionali, non disdegna la fotografia con Arak, Mulas, Vitali.... Per da tempo c' aria mesta, le mostre non tirano - e questo doveva essere il motore trainante. Vendere era l'unico percorso per non chiudere - avverte il presidente del Pecci in carica da alcuni mesi Valdemaro Beccaglia - e coprire i debiti consolidati al 31 dicembre 2004. Adesso viene il difficile: impostare il programma futuro facendo un piano industriale e sacrifici, Lo consegneremo quando firmeremo l'accordo di vendita delle opere. Beccaglia esclude tagli al personale, ma qualcosa dovranno inventarsi. Per ora l'incarico triennale all'attuale direttore Daniel Soutif scade il 31 dicembre e non verr rinnovato per altri due anni come era possibile. Il critico d'arte francese c' rimasto male, ma il precedente cda del museo ha scelto di risparmiare su compenso e benefit, cos nel 2006 il Pecci sar guidato da un interno, Stefano Pezzato, gi assistente del precedente direttore Bruno Cor e poi di Soutif. Non ci sono i soldi, inutile prendere un direttorino, peraltro Pezzato gi in grado di dirigere un museo, dice Beccaglia. Gestire il Pecci costato 2,6 milioni di euro l'anno, ora veleggia sull'1,3, impiega una trentina di persone, pi d'una a tempo determinato. Sono rimasti come soci il Comune e la famiglia Pecci. La Cassa di risparmio pratese - ricorda Beccaglia - una volta acquisita dall'omologa vicentina ha raffredato l'interesse, l'Unione industriale ha meno soldi per la cultura, formata com' da industrie tessili in difficolt. I privati si eclissano. Ora il Pecci vuole di pi dalla Regione Toscana. Ma dovr rilanciarsi con un programma artistico adeguato, una traiettoria. Si riparte da tre, non da zero, c' la collezione, rivendica Beccaglia. D'accordo, ma per andare dove? Rafforzare il legame con la citt e avvicinarla all'arte contemporanea, ripartire a livello internazionale. Possiamo essere il pi importante museo d'arte d'oggi in Italia. L'essenziale decidere cosa si vuole, osserva Giuliano Gori, il padre del parco d'arte ambientale di Celle a Pistoia, collezionista e industriale che ha sempre seguito il Pecci. Un'idea? In Europa funzionano benissimo le Kunsthalle alla tedesca: non sono il museo come lo intendiamo noi, un luogo "sacro", ma di frequentazione quotidiana, circoli culturali dove espongono grandi maestri e artisti [...]. Pu essere un possibile modello.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news