LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI: Complesso di San Lorenzo: inaugurazione con Bassolino
8-12-2005 Il Denaro





Raccontare attraverso i reperti archeologici, i dipinti, i frammenti di maioliche la storia del complesso di San Lorenzo Maggiore e, quindi, di Napoli. Con questo scopo nato il museo dell'Opera di San Lorenzo Maggiore, il pi grande museo della parte antica di Napoli, inaugurato oggi alla presenza del presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino.
Il complesso di san Lorenzo si trova nell'antica area dell'agor greca, poi foro romano, cuore delle attivit cittadine. Alla fine del V secolo d.C., in seguito ad una alluvione, rimanendo interrata la strada greco-romana, venne costruita prima la basilica paleocristiana e poi nel Duecento la chiesa gotico francese. Proprio dai lavori di scavo e restauro, che nel Novecento hanno permesso di recuperare l'edificio e l'antica via, oggi visitabile, gli archeologici hanno recuperato i reperti che formano la parte archeologica del museo.
Il museo rappresenta per il presidente Bassolino una tappa dal "grande significato storico, artistico e culturale. Con questo museo offriamo ai cittadini e ai turisti l'opportunit di conoscere meglio la storia plurimillenaria di San Lorenzo Maggiore, uno dei luoghi pi straordinari della nostra citt. Un'area dove, in ogni angolo, si intrecciano storia sacra e storia civile". Dopo aver ricordato la storia del complesso di San Lorenzo, dall'agor greca al foro romano fino alla "svolta" francescana, il presidente Bassolino sottolinea che "fu proprio a san Lorenzo Maggiore che avvenne la riunione del primo Parlamento del Regno di Napoli". Ma l'apertura del museo rappresenta soprattutto "un ulteriore passo in avanti - aggiunge il presidente della Regione Campania - nel potenziare l'offerta museale, ampia e di qualit, e per valorizzare la zona dei Decumani".
L'allestimento, curato dai tecnici delle Soprintendenze per i Beni archeologici e per i Beni architettonici e storico-artistici coordinati da Enrico Guglielmo, su quattro livelli. Il museo non avr una gestione statale, ad occuparsene saranno i frati minori conventuali. Il primo livello, che raccoglie reperti archeologici trovati sia nell'area degli scavi sia in quella del teatro, intende dare al visitatore l'idea della riutilizzazione dell'antico: capitelli e frontoni, ad esempio, di et paleocristiana riutilizzati poi in et angioina. Ma obiettivo della prima sezione del museo anche inquadrare topograficamente la citt antica: un'archeologia urbana che vuole dare il senso della citt. Il secondo e terzo livello sono composti da materiale proveniente dalla chiesa e dal convento. Quadri, sarcofagi e sculture selezionate tra tante finite nel deposito, poi restaurate e allestite con criterio cronologico. E' dei primi anni del Trecento la "Madonna con bambino in trono" di Montano d'Arezzo, pittore alla corte angioina, al 1330-1340 risale, invece, un crocifisso, opera di un anonimo scultore della Scuola napoletana.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news