LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura petrolio, il lavoro pane
Maria Paola Masala
L'UNIONE SARDA, 7-DIC-2005





Il futuro dei tredici Teatri lirici nel convegno che si svolto ieri a Cagliari nel foyer di via Santa Alenixedda. Al capezzale delle Fondazioni sovrintendenti, esperti, sindacalisti e un viceministro
Non parliamo di sprechi, ma di nuovi modelli di gestione. Dall'incontro di Cagliari un grido d'allarme per i tagli al Fondo unico per lo spettacolo e alcune importanti proposte

Astratta e materica la pittura di Marco Pili che in questi giorni riempie di s (rendendolo pi bello) il foyer del Lirico. Astratto (come le idee) e insieme materico (come gli uomini che le esprimono) stato il convegno che ieri mattina ha portato nel teatro cagliaritano sovrintendenti e sindacalisti, politici ed esperti, artisti e organizzatori di cultura, abbonati (una delegazione spontanea) e dipendenti. Il tema, Fondazioni Liriche, quali futuro? evoca, nonostante il punto interrogativo, la certezza tombale di un Requiem. Eseguito quindici giorni fa da coristi e orchestrali di mezza Italia in segno di protesta contro i tagli al Fondo unico dello spettacolo, ieri, idealmente, salito alle labbra dei numerosi artisti del teatro presenti all'incontro e preoccupati, molto preoccupati, per le sorti della cultura italiana e per quelle delle loro famiglie. La cultura il petrolio dell'Italia, diceva Strehler. Per molti anche il pane. E di entrambi, pane e petrolio, hanno parlato gli intervenuti, accolti dal saluto del sindaco di. Cagliari, Emilio Floris, presidente della Fondazione cagliaritana, e del sovrintendente Maurizio Pietrantonio, promotore dell'incontro. A coordinare, e provocare, il dibattito, un giornalista esperto come Valerio Cappelli (Corriere della Sera), che (dopo aver citato Strehler) ha delineato con poche battute un quadro allarmante. Per farlo partito dalle cifre: 464 milioni di euro erano i soldi a disposizione del Fondo unico per lo spettacolo, 300 quelli di quest'anno. Con il voto del Senato, 85milioni sono stati recuperati, ne mancano comunque 79 (ma il fabbisogno complessivo secondo l'Istat ammonta a 800 milioni). Una cifra enorme, che rischia di compromettere, per la prima volta, l'attivit di molte delle tredici fondazioni liriche e di dare un
colpo definitivo alla cultura in Italia. Quella che Ciampi invoca, definendola la base della civilt del nostro Paese, ma anche del mercato. Quella che in altre nazioni europee segna un bilancio in attivo:. + 9 la Spagna, + 3 la Francia, + 2 la Gran Bretagna, + 1,9 la Germania. Il mondo cammina e noi stiamo a guardare. Non solo: a chi dice che allo spettacolo serve talento e lavoro, questo governo risponde attaccando la Scala, e accusandola di. sprechi.
Il fantasma del teatro milanese apparso pi d'una volta nel foyer del Teatro di via Santa Alenixedda richiamato dalla citazione berlusconiana di Cappelli, ma anche e soprattutto dalla presenza di Carlo Fontana, che per 15 anni stato sovrintendente scaligero e da sei mesi ha voltato pagina. Oggi, 7 dicembre, non sar presente, alla prima di Idomeneo diretta da Daniel Harding, e sar una novit per lui. Applaudito con molto calore, Carlo Fontana ha fatto uno dei discorsi pi apprezzati, lucidi e appassionati della giornata. Ma torniamo a Cappelli, torniamo alle cifre del disastro prossimo venturo, torniamo a quelle accuse di sprechi: sono vere o no? vero che il costo medio di un'orchestra italiana doppio rispetto a quello di un'orchestra parigina? vero che un cantante qui in Italia costa due volte tanto? Questo dobbiamo chiederci, ricordandoci che dal 1974, quando Spadolini cre da una costola della pubblica istruzione il Ministero dei beni culturali, quando c' stato da tagliare, si tagliato l. Lo fa ora la destra, lo ha fatto il centrosinistra. Anche se Roma, citt dove il giornalista vive, sta andando controcorrente, grazie a un sindaco come Veltroni che fa politica attraverso la cultura: vedi Auditorium della musica, vedi la Bibliomusicoteca di Santa Cecilia, per citare due esempi di eccellenza. Non fanno troppa cultura i giornali, che essendo lo
specchio fedele della realt la riflettono senza migliorarla, non fa cultura la televisione, che parla raramente di teatro e meno ancora di musica. A Londra, in Austria, in Germania, i network propongono regolarmente la lirica, in prima serata, qui da noi impensabile.
Gi. Impensabile. Bene lo dice Walter Vergnano, presidente del-l'Associazione che riunisce le Fondazioni e Sovrintendente del Regio di Torino), quando nell'individuare la malattia dei teatri lirici (e non solo) parla di mancanza di una politica culturale. Noi esistiamo perch ci sono gli spettatori. L'associazione che rappresento ha atteso tre anni per un incontro con l'ex ministro Urbani, e dopo non cambiato niente. Pubblico e privato dovrebbero collaborare insieme, al contrario l'incontro tra uno stato disimpegnato e un privato poco incentivato ha prodotto una miscela esplosiva. Oggi la situazione insostenibile, e non c' alcuna strategia, ha concluso, auspicando una riforma delle fondazioni che salvi quello che c' di buono, cambi quello che non va bene, e dia una risposta a questa domanda fondamentale: I nostri teatri sono un bene, s o no? Se sono un bene lo Stato deve trattarli come tali, sostenendo i costi delle masse artistiche, dando ad ogni singolo ente lo strumento di produzione, liberando il Fus dalla Finanziaria, garantendo la certezza dei finanziamenti. Le scarse risorse, dunque, sono una conseguenza, non la causa dei problemi attua-li. Occorre una profonda ristrutturazione del settore, occorre che la cultura diventi un obiettivo strategico del nostro paese. Se il teatro lirico fa parte della cultura (e chi pu negarlo?) non si parli allora di sprechi, ma di investimenti da attuare: sulla stabilit, per esempio, unica garanzia di qualit. Di stabilit, ieri, hanno parlato a lungo i sindacati. Quelli seduti al banco del convegno (Lonti-Cgil, Meomartini-Cisl e Sciarra-Cisal), e quelli che in tarda mattinata hanno preso la parola per manifestare la loro angoscia per il futuro del teatro. Da Angelo Cocco a Loris Triscornia (provocatoriamente con sciarpetta qua-resimale), agli altri lavoratori del lirico, del teatro di prosa (Lelio Lecis), della danza (la pi penalizzata, ha denunciato Paola Leoni), tutti hanno sottolineato come il costo del lavoro rappresenti un falso problema. Di tagli dolorosi ma necessari ha parlato Elisabetta Pilia, assessore regionale alla pubblica istruzione, che ha parlato dell'esigenza di razionalizzare, di evitare gli sprechi, e ha ribadito la necessit di fare uno sforzo comune (scambi, sinergie, percorsi condivisi) per contenere le spese e nello stesso tempo garantire la qualit. Importante, per il Lirico, l'intervento di Giovanni Biggio, presidente di Confindustria, che ha annunciato per dicembre un protocollo di intesa col teatro e ha ipotizzato la nascita di un centro di produzione per tv a banda larga per canali di musica classica. L'ultima parola, dopo l'intervento conclusivo del sottosegretario Bono, al sovrintendente Pietrantonio. Che ha annunciato per il 16 dicembre la convocazione a Roma dei tredici sovrintendenti italiani. La sua posizione, espressa in apertura di convegno, chiara: per risolvere la crisi necessario trovare nuovi modelli di gestione, e attuare una chiara politica di indirizzo e investimento. Se quello proposto dai teatri lirici un patrimonio sentito, e i nostri 12mila abbonati dicono di s, occorre investire in questo patrimonio.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news