LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei malati di gigantismo
Cecilia Ribaldi
il manifesto, 7 dic. 2005




Nell'arco del 2006 quattro grandi musei americani - l’Indianapolis Museum of Art l'Akron Art Museum dell'Ohio, il Denver Art Museum e il Phoenix Art Museum - si presenteranno al loro pubblico in una nuova versione, ampliata e aggiornata. Gi dalla fine degli anni Novanta del resto si delineata una tendenza all'espansione delle collezioni d'arte pubbliche e private, negli Stati Uniti e non solo: una tendenza che sembra destinata ad accentuarsi, visto che, oltre agli esempi citati, altri musei come l'Art Institute of Chicago o il Museum of Fine Arts di Boston hanno gi approvato pi o meno faraonici piani di allargamento, affidandone i progetti ad architetti famosi, da Renzo Piano a Norman Foster. Proprio il direttore dell'Art Institute of Chicago, James Cuno, ha spiegato questa crescita degli spazi museali, affermando che rispetto a venticinque anni fa i musei offrono oggi molto di pi, in termini di collezioni permanenti, di esposizioni temporanee, di sale per conferenze o per concerti, di librerie, di caff e ristoranti. Del resto, basta varcare la soglia di un qualsiasi museo straniero per rendersi conto di questo aumento di offerta. E anche in Italia, dove pure il fenomeno ancora in una fase embrionale rispetto a quanto accade negli Stati Uniti, in Francia o in Gran Bretagna, questa espansione in atto, come testimoniano i lavori in corso presso il Macro e il Maxxi a Roma o quelli che si sono conclusi non molto tempo fa al Mart di Trento e Rovereto.
Ma per capire meglio la trasformazione in atto nelle grandi raccolte di tutto il mondo, pu essere utile fare un passo indietro, prendendo av-vio da un libro uscito per il Saggiatore nei mesi scorsi “Storie di musei”. Il direttore del Louvre si racconta che ricostruisce l'evolversi della mu-seografia francese del dopoguerra nelle parole di uno dei suoi protagonisti, Michel Laclotte, storico dell'arte e conservatore nelle pi alte cariche dei musei di stato. Responsabile per vent'anni del dipartimento di pittura del museo del Louvre, di cui divenuto in seguito il direttore, Laclotte racconta sotto forma di intervista la sua vita - tutt'uno con la sua professione di conservatore - descrivendo nei dettagli gli aspetti pratici e intellettuali che costituiscono la specificit del mestiere, dall'attivit di ricerca, di catalogazione, di connoisseurship ai problemi di tutela, di conservazione, di sicurezza e di allestimento di opere. La carriera di Laclotte - che si formato nel dopoguerra in un contesto dominato da grandi personalit, come Andr Malraux, Andr Chastel, Louis Grodecld Charles Sterling e Roberto Longhi - si sviluppa in un'epoca che ha prodotto grandi innovazioni in campo museale, dalla creazione del Centre Pompidou (1977) alla istituzione del muse d'Orsay (1986), fino al riallestimento del Grand Louvre e alla riorganizzazione dei suoi spazi ad opera di Pei.
Per questo, la biografia di Laclotte, che in tutte queste operazioni stato a vario titolo coinvolto, consente di seguire meglio il passaggio del museo da semplice contenitore di collezioni a grande macchina mediatica, ponendo al tempo stesso alcuni spunti di riflessione: primo tra tutti la quotidianit di rapporto che i grandi musei sviluppano con il mercato delle opere d'arte. Acquistare opere una attivit quotidiana e centrale dei conservatori dei musei - non solo di quelli di nuova costituzione, ma anche (o anzi soprattutto) di quelli a carattere enciclopedico come il Louvre, che mirano - nel loro sogno di totalit - a conquistare il pezzo mancante per esibire una collezione completa.
Fin dalla sua nascita, il Louvre di cui parla oggi Laclotte rappresent il prototipo di museo pubblico, il luogo dove prese avvio l'idea di realizzare una super-collezione che doveva servire sia a salvare le opere dal vandalismo rivoluzionario sia a costruire il pi grande manuale di Storia dell'arte di tutti i tempi. Nata dalla nazionalizzazione violenta dei beni reali ed ecclesiastici e dalle razzie di guerra, la collezione ha cos unito opere provenienti da diversi contesti storici e culturali. E per dare un senso a questa Operazione, una consapevole strategia di stato ha cancellato i significati originali delle opere, veicolandone altri e adottando come strumento per ottenere tale risultato la scelta dell'ordinamento, l'imposizione insomma di un valore e di un ordine razionale sugli oggetti raccolti.
La vasta collezione che promette totalit, creando l'illusione di una rappresentazione del mondo, sradica gli oggetti dai loro contesti specifici ed elabora un complesso schema di classificazione per esporli in modo tale che la realt della raccolta vada a sovrapporsi alle storie specifiche di produzione e di appropriazione. Nel museo moderno, dunque - come sottolinea Susan Stewart in On Longing Narratives of Miniature, the Gigantic, the Souvenir, the Collection (John Hopkins University Press, 1984) - un illusorio rapporto tra gli oggetti si sostituisce a un rapporto sociale. L'esposizione non mai una azione neutra perch gli oggetti - de-contestualizzati in quanto provenienti da collezioni private, da luoghi religiosi, o bottini di guerra - sono di per s muti, mostrano il loro aspetto materiale ma non rivelano alcun significato. Il valore che acquisiscono all'interno di un contesto viene dato dai curatori che vi fanno confluire il loro bagaglio di conoscenze. Cos la collezione d'arte pubblica, pur lasciando supporre la possibilit da parte di tutti di comprendere ci che viene mostrato e i criteri che ne hanno determinato l'esposizione, si fonda in realt sull'esistenza di codici che appartengono solo a una conoscenza specifica o, come fece notare negli anni Settanta il sociologo Pierre Bourdieu, a una classe di "privilegiati”.
Proprio la continua espansione della collezione, tuttavia, determina anche la discussione e la ridefinizione dei significati e dei valori degli oggetti. Una raccolta di saggi The New Museology, manifesto della nuova museologia britannica, pubblicata a cura di Peter Vergo alla fine degli anni Ottanta, insisteva sulla continua trasformazione di significato a cui sono soggette le opere poste all'interno delle collezioni dei musei. Ogni nuova acquisizione di opere e ogni nuovo allestimento nascono da giudizi di valore di carattere estetico o economico, in ogni caso opinabili e legati al carattere peculiare dell'istituzione museale e alla professionalit e al gusto individuale del conservatore e al suo bagaglio di conoscenze. Collocare oggetti e opere in un contesto espositivo, significa prendere posizione, esprimere una certa visione culturale e storica. Non solo la scelta degli oggetti e il loro ordinamento ma anche la preferenza dell'allestimento e la percezione dello spazio espositivo mutano con i tempi. Se nell'Ottocento le gallerie erano buie e ingombre di oggetti, nel Novecento la nascita dei depositi e le teorie sulla percezione visiva hanno prodotto il diradarsi del loro numero fino a creare l'effetto white cube dove la spazialit vuota mira a caricare di significato e di aura le poche opere esposte.
La consapevolezza dell'impossibilit di essere imparziali una conquista recente. Non lo era per nel 1986 quando l'apertura della collezione del Muse d'Orsay, progetto a cui prese parte lo stesso Michel Laclotte, suscit scalpore. Nello spazio di una antica stazione ferroviaria, riadattata dall'architetto Gae Aulenti, il museo fu concepito come un luogo di tutte le arti, dove opere di correnti e di genere diverso trovavano posto le une accanto superando il criterio tradizionale della scelta di eccellenza. La selezione e la collocazione delle opere mo-strarono cos al pubblico una storia dell'arte dell'Ottocento completamente stravolta rispetto ai canoni vigenti, segnando una svolta museologica importante. Nel confronto con lo spazio dedicato gli impressionisti il risalto assegnato ai pittori pompiers, con opere come la famigerata Nascita di Venere di Cabanel collocata in corrispondenza alla Olympia di Manet fu giudicato eccessivo, e i curatori vennero accusati di revisionismo storico e di monumentalit espositiva. Analogamente, un aspro dibattito si svilupp in Gran Bretagna quando venne aperta la nuova Tate sulle sponde del Tamigi. In entrambi i casi a suscitare perplessit fu la crea-zione e la riorganizzazione della collezione, ma forse ci che si faticava ad accettare era il cambiamento di prospettiva rispetto all'istituzione museale, la sua perdita di autorevolezza e di capacit legittimante.
Gli anni Ottanta rappresentano insomma un periodo di svolta nel museo. Quasi tutti i cambiamenti, negativi o positivi che siano, si sperimentano in questo decennio: musei di nuova concezione, esposizioni innovative, nuovi allestimenti. La museologia muta il proprio linguaggio e amplia il proprio contesto di influenza. Ma soprattutto l'esplosione del turismo culturale a introdurre un nuovo elemento fondamentale nell'organizzazione del museo: il pubblico. L'aumento del numero di visitatori genera l'esigenza di creare spazi con funzionalit diversa dalla semplice fruizione eclettica, spazi di disimpegno e spazi commerciali. Ad aprire la strada a questa trasformazione era stata, nel 1977, l'enorme e riconoscibile struttura vetrata con i tubi colorati del Centre Pompidou realizzata da Renzo Piano e Richard Rogers nel centro di Parigi: il Beaubourg il primo museo che capovolge il rapporto proporzionale tra lo spazio destinato all'esposizione e quello destinato ad altre attivit, il primo che introduce la creazione di edifici museali dall'architettura grandiosa e simbolica la cui presenza diviene l'elemento qualificante del tessuto urbano.
Da allora il museo, da contenitore di collezioni, divenuto una potente macchina di co-municazione. Il cambiamento sottolineato dall'architettura ha reso il museo l'elemento di riferimento (landmark) urbano e territoriale, rafforzando il rapporto con la citt di cui si fatto catalizzatore sociale, fino a giungere alla im-presa Guggenheim in cui si verifica l'avvenuto ribaltamento di ruoli: dal contenuto al contenente, dalla centralit della collezione a una architettura che si erge a opera d'arte in s.
L'ingrandimento delle collezioni permanenti insomma solo uno dei motivi responsabili dell'espansione fisica dei musei che dalla met degli anni Ottanta hanno iniziato a raddoppiare le sedi o a dotarsi di nuove ali. L'analisi delle nuove strutture sottolinea quindi l'impossibilit di estrapolare una idea univoca di museo, che diventa una istituzione in bilico tra la cattedrale e lo shopping mall. Rimane come dato di fatto la trasformazione irrefrenabile dei musei in grandi aree dell'intrattenimento sulla scia dei mutamenti comuni anche in altri campi della vita sociale: una tendenza al giganti-smo, all'accentramento di funzioni e all'esibizione di potere economico attraverso la grandezza degli edifici a scapito della funzione originaria. L'esperienza estetica che il museo offriva ai visitatori ormai un elemento secondario rispetto ad altre attrattive e l'investimento economico per l'espansione di spazi destinati ad attivit diverse aumenta senza sosta. In ogni caso, il tempo trascorso dai visitatori all'interno dei musei risulta maggiore negli spazi adibiti al commercio che in quelli espositivi. Immaginare le conseguenze di questa trasformazione difficile da prevedere. Come difficile, al di l delle perplessit, assumere una posizione netta. Spiazza e si fatica ad accettare il cambiamento dell'istituzione museale, e in particolare la perdita di autorevolezza che questa trasformazione commerciale denuncia. Ma proprio la sua posizione contraddittoria e ambivalente a ren-dere il museo, in quanto luogo sociale preposto alla trasmissione della cultura visiva, chiave paradigmatica dei nostri tempi.
La produzione di sapere all'interno del museo avviene attraverso l'esposizione di oggetti e presuppone sempre l'attivazione di meccanismi interattivi tra il produttore e il destinatario. All'interno di questo sistema gli oggetti diventano segni, e il sapere che generano risulta strettamente legato al modo in cui questi vengono strutturati all'interno del sistema. L'intera operazione espositiva si trasforma in una metanarrazione in cui le opere esposte sono le parole di un discorso, e la contraddizione risiede nell'idea che gli strumenti a disposizione del museo - ossia i criteri razionale di acquisizione, classificazione e ordinamento delle opere - siano indiscutibili.
Se ne accorsero per prima gli artisti che fin dagli anni Settanta cominciarono a trovare gusto nel parodiare il sistema del museo. Solo di recente per, sulla scia della diffusione della critica postmoderna, quasi come una moda dilagata la voglia di analizzare da vicino i processi di organizzazione e di trasmissione del sapere all'interno dei musei. Nell'ultima Biennale d'Arte di Venezia si sono visti due lavori di questo orientamento: se nell'Arsenale l'opera dell'architetto Rem Koolhaas metteva in primo piano l'esperienza dell'Ermitage di Pietroburgo, ai Giardini nel padiglione spagnolo On Translation di Antoni Muntadas esortava il pubblico all'impegno nel percepire i processi di interpretazione e i codici che qualsiasi luogo culturale mette in atto.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news