LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Processo alle mostre
Domenico Montalto
Avvenire, 7 dic. 2005

Il boom dei grandi eventi: arte per il popolo o moda? La qualit dell'offerta deve onorare e osservare budget ragionevoli. Con gestioni oculate che rispettino l'utente e il contribuente

il fatto
Per la mostra su Gauguin e Van Gogh a Brescia 300rrdla prenotazioni. l'ennesima conferma del successo di pubblico registrato dalle esposizioni d'arte. Viaggio-inchiesta in un mondo che cresce. Con qualche perplessit degli addetti ai lavori

Dal 12 ottobre scorso, dieci giorni prima che si aprisse la mostra, le prenotazioni al botteghino erano oltre 200mila, oggi giunte a 300mila: record mai raggiunto da un'esposizione temporanea d'arte nel mondo. Un'ondata di piena destinata a far impallidire i numeri della precedente stagione imperniata su "Monet, la Senna, le ninfee", che aveva totalizzato 440mila visitatori finali. Non stiamo parlando di una mostra organizzata dal British Museum, o dal Moma di New York, o dall'Hermitage di San Pietroburgo. Nessuno di questi grandi sacrari dell'arte, nessuna di queste metropoli internazionali ha mai raggiunto, in una sola manifestazione, le cifre che la piccola Brescia sta facendo segnare con la mostra dedicata al duo Gauguin Van Gogh. Sullo Sfondo di una provincia pragmatica e defilata, assistiamo all'effetto calca da stadio per entrare a vedere quadri e sculture: nei primi 37 giorni di apertura, 110mila persone si sono immerse nelle vicende dei due padri dell'arte moderna, e la media stata finora di 3 mila visitatori al giorno.
Ma autorizza il caso Brescia a parlare di un nuovo fenomeno socialmente diffuso, generalizzato? Possibile che gli italiani, agli ultimi posti in Europa per numero di laureati nonch per lettura di libri e di quotidiani, si siano rapidamente trasformati in un popolo di cultori del bello? Tutto ci in una fase di recessione economica che colpisce per primi proprio i consumi voluttuari, fra cui quelli culturali, e quando il biglietto d'ingresso a Palazzo Reale di Milano per la mostra di Caravaggio costa 9 euro a persona, cui si devono aggiungere ben 5 euro di audio-guida, e che non vi salti in mente di prendere un cappuccino al bar, o di acquistare un catalogo? Se i costi d accesso per l'utente sono questi, e se una famiglia di quattro persone in gita culturale (sul medio raggio, si badi bene, senza pernottamenti in hotel, e portandosi i panini da casa) deve spendere almeno un centinaio di euro, come va interpretato il boom delle mostre? Rispondono veramente a una nuova domanda, a un mercato (per usare una parola a molti invisa) che si va strutturando o si tratta di cifre anabolizzate da fattori contingenti e passeggeri, di una moda destinata fatalmente a scemare, come alcuni sostengono? Certo i numeri qualche trucco lo celano: per esempio il dato macroscopico di oltre un milione di ingressi per la rassegna archeologica al Colosseo andrebbe letto in modo frazionato, cio separatamente dagli ingressi al monumento, che fra i siti pi visitati al mondo; ma la bigliettazione unica non consente di capire se sia effettivamente verosimile (cosa di cui si pu dubitare) che una mostra sui misteri di Eleusi attragga tanta folla.
Eppure, a scorrere la classifica -qui pubblicata - delle mostre pi visitate, il successo di questi eventi pare stabilizzato: soprattutto quelli pilotati da forti investimenti promozionali risultano premiati dal pubblico e dagli incassi, magari prescindendo dall'effettiva qualit. La tambureggiante pubblicit dello show caravaggesco di Milano, apertosi a ottobre, era cominciata addirittura in giugno. Ma qui siamo al gatto che si morde la coda: la pubblicit costa moltissimo, ed una voce che va ad aggiungersi al gi ingente e ormai quasi insostenibile capitolato dei costi di produzione (restauri, trasporti, assicurazioni, catalogo, personale ecc): credibile che in un momento di taglio dei budget da parte degli enti pubblici e degli sponsor privati, la strada di queste manifestazioni sia lastricata di profitti? Mario Lorenzoni, rettore dell'Opera del Duomo di Siena, uno degli attori della recente mostra di Duccio, costata 3 milioni di euro e vista da 300mila persone, ha una sua tesi: Dietro una mega-mostra c' sempre un budget promozionale d'obbligo, che i piccoli eventi non possono permettersi. In genere la sola biglietteria non riesce a ripagare i costi, che per vanno letti accuratamente, facendo dei distinguo. Nel caso di Duccio, per esempio, pi che di costi si trattato di investimenti, che sortiranno benefici effetti a ricaduta sul lungo periodo, e sul territorio: una cifra ingente stata infatti spesa per i molti restauri, in modo da restituire ai posteri un patrimonio. Anche l'allestimento, costato mezzo milione di euro, potr essere riutilizzato. Non solo: l'evento Duccio ha comportato per Siena un evidente incremento di presenze turistiche, e un indotto commerciale per negozi, bar, ristoranti, alberghi. Sulla congruit delle grandi mostre la risposta non pu perci essere univoca. Dipende dove e come. In una citt d'arte a vocazione internazionale questi eventi, pur onerosi, ci stanno, perch qualificano un'immagine. Un'altra voce autorevole per esperienza quella di Paolo Biscottini, direttore del Museo Diocesano di Milano, che ha al-l'attivo mostre importanti e impegnative come quella, memorabile, dedicata alla figura di sant'Ambrogio e, attualmente, quella sull'et borromaica. Biscottini scettico riguardo i presunti grandi numeri: Vanno verificati, sia per l'entit reale sia per ci che indicano. Si tratta di numeri che attestano un'oggettiva inedita domanda di partecipazione e di novit, che per non deve essere presa come un dato di autentica crescita culturale. Basta infatti visitare le nostre aule universitarie e i nostri licei per appurare quanto sia esigua la conoscenza e la consapevolezza della storia dell'arte. E qui scatta la responsabilit di chi - amministratori pubblici e curatori - chiamato a costruire tali eventi culturali: la "grandeur", gli effetti costosi non servono, non creano reale conoscenza, meglio puntare su un serio stile divulgativo e didattico. La qualit dell'offerta culturale deve onorare e osservare budget ragionevoli, con gestioni oculate che rispettino 1’utente e il contribuente.

La Classifica
Ecco, secondo gli ultimi dati disponibili, la hit parade delle mostre recenti pi premiate dall'affluenza:
Dalla Grecia ad Haring, gli show dell'arte che fanno cassetta

Il rito segreto. Misteri in Grecia e a Roma Roma, Colosseo, Visitatori: 1.173.500 (al 26 ottobre); Media giornaliera: 12.098
Biennale di arti Visive Venezia, Giardini e Arsenale, Visitatori: 231.668 (al 26 ottobre) Media ?????
Eureka! Il genio degli antichi Napoli Museo archeologico, Visitatori: 91.056 (al 26 ottobre) Media: 990
Arnolfo di Cambio Perugia, Galleria nazionale dell'Umbria e Orvieto, ex chiesa di Sant'Agostino Visitatori: 63.090 (al 26 ottobre) Media: 579
Da Goya a Manet da Van Gogh a Picasso Rovereto, Mart Visitatori: 60.931 (al 26 ottobre) Media: 1.523
Manet Roma, Vittoriano Visitatori: 34.190 (al 26 ottobre) Media: 1.798
Rubens. Pittura devota a corte Mantova, Palazzo Ducale Visitatori: 29.254 Media: 714
Caravaggio e l'Europa Milano, Palazzo Reale Visitatori: 25.760 (al 25 ottobre) Media: 2.342
The Keith Haring Show Milano.Triennale Visitatori: 22.490 (al 19 ottobre) Media: 1.184




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news