LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'eredit dei Giochi? 57 mila posti di lavoro
Andrea di Robilant
La Stampa, 6/12/2005

Le Olimpiadi non sono sempre un buon investimento per il Paese che le ospita, ma stando ai dati forniti ieri dal Ragioniere generale dello Stato Mario Canzio, i Giochi invernali di Torino promettono una ricaduta importante per l'economia italiana, sia in termini di crescita che di occupazione.
Gli investimenti pubblici e privati per l'organizzazione dei Giochi dovrebbero portare ad una crescita del pil del 0,1-0,2 per cento nel 2006. Noi ci contiamo - ha sottolineato Canzi - ai fini dei conti pubblici e degli impegni con l'Unione europea. E' prevista la creazione di 57 mila posti di lavoro, pari ad una crescita dell'occupazione dello 0,2 per cento.
Queste Olimpiadi rappresentano un volano a 360 gradi per l'economia, ha sottolineato Luca di Montezemolo, presidente della Confindustria e presidente onorario del Toroc. In un Paese che ha bisogno di fiducia e deve confrontarsi con problemi strutturali che vengono da lontano, la possibilit di fare sistema su questo grande evento straordinaria: deve essere l'occasione per un grande sforzo corale.
La questione della redditivit delle Olimpiadi tutt'altro che oziosa nel momento in cui due altre grandi citt italiane, Roma e Milano, intendono candidarsi ad organizzare i giochi estivi del 2016. Non possiamo ignorare che a Sydney oggi molti impianti costruiti per i Giochi del 2000 sono inutilizzati, ha ricordato Mario Pescante, sottosegretario allo Sport e supervisore di Torino 2006. Per non parlare di Atene, che ancora denuncia un deficit di 10 miliardi di euro. Tutto questo forma un retaggio che desta preoccupazione.
Negli anni scorsi il Toroc aveva gi commissionato studi sugli effetti economici dei Giochi in Piemonte. La nuova simulazione, presentata ieri ai media, si riferisce al quadriennio 2005-2009, e mira a fornire una prima valutazione sulla cosiddetta eredit olimpica, vale a dire l'impatto economico sul lungo periodo.
Lo studio stato condotto dalla Confindustria in collaborazione con la Ragioneria dello Stato, usando il modello di simulazione Idem (Italian Demographic and Economie Model) simile a quelli gi usati in occasione delle Olimpiadi di Atlanta e di Sydney. In sostanza, l'investimento iniziale di 1,1 miliardi di euro per l'organizzazione dei Giochi (proveniente quasi tutto da risorse private) ha generato ulteriori investimenti per un totale di 13 miliardi di euro. A loro volta, questi investimenti dovrebbero produrre, per l'economia italiana nel suo complesso, un valore aggiunto di 17,4 miliardi di euro, concentrati per circa il 60 per cento nel biennio 2005-2006. Sulla base di quest'ultima stima la Ragioneria di Stato spera in un incremento del Pil dello 0,2 per cento. E come ha fatto notare lo stesso Canzio, in questi tempi di crescita risicata, due punti decimali sono tutt'altro che irrilevanti.
Ma la sfida per quanto riguarda l'eredit olimpica di Torino 2006 ancora tutta da giocare. La nostra speranza che l'imprenditoria piemontese si mostri in grado di consolidare i benefici economici che le Olimpiadi portano alla regione, ha commentato Valentino Castellani, presidente del Toroc, introducendo una nota di cautela.
Le stime parlano di tre nuovi posti di lavoro per ogni milione di euro investito, principalmente nel settore edilizio e in seconda battuta nei servizi. Molti di questi impieghi sono tipicamente temporanei, ha spiegato Castellani. Bisogner vedere quanti di questi nuovi posti di lavoro diventeranno permanenti.
Per evitare il problema che si creato a Sydney - che ha strutture edilizie e impianti sportivi ancora inutilizzati - si sta lavorando alla creazione di una societ ad hoc che organizzi e gestisca l'uso delle nuove costruzioni. Alcuni edifici diventeranno residenze private, altri serviranno come alloggi per studenti universitari. L'intenzione anche di portare Torino ad affacciarsi sul mercato internazionale dei granai eventi sportivi per sfruttare al meglio i nuovo impianti.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news