LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Superholding del debito e le vere privatizzazioni
BRAGANTINI SALVATORE
CORRIERE DELLA SERA 03/12/2005





Sembra che il governo stia seriamente pensando alla proposta, formulata da Giuseppe Guarno, di costituire una supe-rholding pubblica, alla quale dovrebbe essere conferita un'enorme massa di cespiti che fanno capo allo stato: partecipazioni azionarie, immobili, crediti etc..

Questa superholding pagherebbe i beni acquistati con un piccolo capitale (pubblico), e per il grosso emettendo obbligazioni da vendere ad investitori: esse sarebbero rimborsate grazie alla successiva vendita a privati di quei cespiti.

Grazie a tale manovra lo stato contabilmente incasserebbe dai 400 ai 500 miliardi di euro destinati, al netto della sottoscrizione di capitale, a riduzione del debito pubblico; esso cosi dovrebbe scendere dal livello attuale, che veleggia verso il 110%, al 70-8O%, quindi su un livello che, pur se ancora lontano dal 60% dei defunti parametri di Maastrcht, consentirebbe per un rientro in tempi non biblici. Meglio questo, secondo i sostenitori della superholding, che una rincorsa infinita e sfiancante alla riduzione del debito.

La proposta suggestiva e presenta anche, aspetti positivi, ma quelli negativi, a mio avviso, prevalgono nettamente, facendo della superholding una prospettiva pericolosa; perch?

Una prima ragione attiene alla prevalenza della sostanza sulla forma.
Finch i cespiti non saranno realmente venduti a terzi, la sostanza non cambia.

bene non prendersi in giro da soli, fino a quel momento lo Stato continuerebbe ad avere debiti e pagare interessi, solo che lo farebbe, per suo conto, uno "special purpose vehicle" cio una scatola che non rientra nel perimetro del debito pubblico ai fini Eurostat. La sostanza cambier solo se e quando lo stato vender davvero.

In Italia invece conta pi la forma, e il primo effetto della superholding sarebbe quello di far ripartire alla grande la cicaleria nazionale, cio la tendenza a mangiarci il vitello in pancia alla vacca, come avrebbero detto i nostri agresti antenati, o ad accumulare debito per cenare in pizzeria, come disse una volta l'indimenticato Nino Andreatta.

Indebitiamoci, suvvia, e innalziamo ancora la montagna, gi immane, che sovrasta i nostri figli: una montagna che non scender di un centimetro per l'astuta manovra della superholding. Da parte della generazione pi fortunata della storia italiana, sarebbe questa davvero l'estrema follia.

Non un caso che il governo uscente (ma quanto ci mette?) ne stia pensando un'altra simile: spingere le coppie anziane a indebitarsi ipotecando la casa, che sar poi venduta dai figli per ripagare il debito acceso dagli arzilli immortali, cui dovranno pure comprare il Viagra.

Non conflitto intergenerazionale, solo stupidit. C' poi l'aspetto, per usare una parola alla moda, di "accountability. Finch un cespite fa capo allo Stato c' una certa sorveglianza, magari carica di bardature burocratiche, ma le luci sono accese. Quando invece il cespite stato trasferito a uno "special purpose vehicle., si spegno la luce e il tutto diviene facile preda di rapaci interessi.

Non una maligna insinuazione, l'esperienza della realt: certificata sia negli USA, dove gli "special purpose vehicle hanno contribuito a portare la Enron al collasso, sia, quel che pi conta, nel Bel Pese dove il s suona.

Qui le vicende di alcuni fondi immobiliari costituiti con apporti di enti pubblici hanno gi mostrato che scempio dell'interesse pubblico, e che vantaggio dell'interesse privato, pu realizzarsi grazie a trovate all'apparenza innocue, ed anzi sensate, di questo tipo.
La superholding darebbe certo grandi soddisfazioni economiche alle investment bank, che legittimamente fanno il proprio interesse. Al nostro dobbiamo pensare noi, se ne siamo ancora capaci.

Un paese serio riduce il debito perch gli conviene, non fa finta di farlo vendendo il Colosseo e restaurando il Ministero delle PP.SS.

Cosi non freghiamo il controllore, ci freghiamo da soli. Tiriamo su le maniche e vendiamo davvero quel che ha senso vendere, ed possibile vendere. Senza inventarsi la domenica il trucco col quale svalutare, come si fa con le nuove proposte sulla golden share, le azioni che ha venduto al mercato il venerd precedente, Se il venditore davvero un Genio, si ricordi che il compratore non fesso.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news