LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Passato e futuro della Biennale. Un convegno a Venezia con i curatori precedenti
Paolo Vagheggi
la Repubblica, 5 dicembre 2005

PARLA ROBERT STORR, CHE DIRIGER L'EDIZIONE DELLA MANIFESTAZIONE NEL 2007

Venezia
Sono, in qualche modo, gli stati generali dell'arte contemporanea. E il simposio che si terr a Venezia dal 9 al 12 dicembre presso l'Istituto Veneto di Scienze Lettere e Arti per esaminare il passato e delineare il futuro della Biennale. Partecipano critici, filosofi, artisti di tutto il mondo. prevista anche una sessione con i direttori delle passate edizioni: Bonito Oliva, Celant, Bonami, Carandente, Clair, De Corrai, Mar-tinez. Tutto a cura di Robert Storr, direttore dell'edizione del 2007.
Il titolo del simposio richiama il passato: Modernit molteplici e Salon globale: dove i mondi si incontrano. Sembra quasi che la Biennale sia ancora un "Salon". Ma davvero cos?
Risponde Storr: No. La Biennale una grande istituzione che ha la capacit di ridiscutere il proprio ruolo. Con il suo presidente Davide Croff ha iniziato un progetto triennale, che prevedeva anche questo Simposio. Il "Salon" stato creato dall'Accademia francese nel 1673 per esporre la produzione annuale degli artisti, e persino al suo inizio era un grande avvenimento. Oggi le cose sono diverse, ma molta dell'essenza rimasta la stessa, compresa la controversia su quello che viene incluso e quello che viene lasciato fuori dalle grandi mostre internazionali. Mi sembrato naturale usare il termine "salon globale" e, nella misura in cui queste parole sono ancora aperte all'interpretazione, ho pensato che potessero offrire una piattaforma per un'interessante discussione su continuit storiche e cambiamento storico".

Venezia ha generato molte manifestazioni simili. sempre la prima Biennale?
Venezia la prima, e questa una cosa di cui pu sempre esse-re orgogliosa. Ma con l'et viene il bisogno di esercizio costante e di disciplina, altrimenti si diventa davvero "vecchi". Inoltre una relativa perdita di vitalit diventa ovvia in confronto al vigore della giovent, a meno che non si faccia uno sforzo in pi per fare con energia e in modo superlativo quelle cose sulle quali abbiamo acquisito maestria. Per di pi, con il privilegio e gli onori viene la responsabilit di essere autocritici. Gli elementi di forza della Biennale danno ad essa la capacit, ma anche l'obbligo di porre delle domande difficili sulla forma espositiva che ha creato. Non tutti i problemi sollevati dal simposio potranno essere risolti dalla mostra del 2007, e non tutte le domande si concentreranno sui dilemmi che Venezia stessa affronta dal momento che ogni biennale ha una carattere distinto.

II ruolo dei padiglioni nazionali quale potr essere?
A mio parere questo uno degli aspetti problematici del modello Venezia e noto che San Paolo, che nella creazione della sua biennale aveva incorporato un adattamento dell'idea del padiglione, l'ha ora abbandonato. La difficolt a Venezia che i Giardini sono diventati un museo - o un cimitero - di monumenti fantastici ad idee differenti di "nazionalit" in periodi diversi. Gli americani, per esempio, fondano il loro edificio esplicitamente anti-moderno nell'abitazione settecentesca, a Monticello, del loro "padre fondatore", Thomas Jefferson. uno spazio molto strano - e difficile - in cui esporre arte di tipo innovativo. Ma in fondo tali ironie arricchiscono le mostre a Venezia - essa stessa tessuto di storie e culture diverse - e sono parte della identit unica, non globalizzata di Venezia. Il peggio sarebbe un sobborgo fatto di modernisti "cubi bianchi" che sporgono in laguna.

Secondo lei cosa sta accadendo nell'arte contemporanea: c' una preminenza dei video, dei new media o un ritorno alla pittura?
Tutti i mezzi artistici hanno tradizioni, ad eccezione forse delle pieghe pi recenti nel campo della tecnologia digitale. Questo significa che tutte le forme d'arte hanno manifestazioni pi o meno tradizionali, pi o meno innovative. Significa anche che tutte devono lottare con il peso della loro storia che si accumula rapidamente. La competizione pi rigida che ciascun mezzo artistico affronta con il proprio passato e nonconun altro mezzo. Il "trionfo della pittura" dichiarato a Londra l'anno scorso da Charles Saatchi - un'altra falsa vittoria su un avversario non specificato - solo un cambiamento di moda guidato dal mercato. C' sempre buona pittura in giro, e per cinquanta e passa anni c' stata buona performance, buona installazione, buon film d'avanguardia, e buona video arte, e cos via. C' anche molto cattivo lavoro in tutte le categorie, molto pi del buono. Il mio compito di trovare ci che buono a prescindere da dove il "brusio " corrente dica che si trovi - e, se posso, di dare inizio a del "brusio" intorno a quello che trovo.

E qual la sua idea per la Biennale del 2007?
Ho molte idee e ho un titolo, ma il "brusio" di cui ho parlato anche un "brusio" che mastica tutto quello che viene a contatto con esso. L'unica cosa che posso controllare quando quella masticazione comincia, e non accadr sino ad appena prima dell'apertura della mostra.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news