LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Furto in casa Vollaro: caccia ai ladri delle 120 tele del boss
MAURIZIO CERINO
Il Mattino, 5 dicembre 2005

L'INDAGINE

FURTO in casa della famiglia di Luigi Vollaro, detto il califfo, padrino della camorra nella zona vesuviana. I ladri hanno portato via da un'abitazione di Ercolano 120 tele, alcuni pezzi di argenteria e bambole di porcellana. Sul raid indagano polizia e carabinieri.
Rubata la collezione del boss
II furto nella villa dei Vollaro: sparite 120 tele, argenteria e bambole di porcellana
Alle pareti quadri dell'800 e di contemporanei Ma non si esclude neanche un saccheggio simulato
II figlio del califfo ha raccontato che la famiglia voleva regalare un'opera di Botticelli a un magistrato


ERCOLANO. Una fortezza, a vederla dalla strada, la panoramica via Benedetto Cozzolino. Una costruzione stile bunker, come nelle regole di chi deve vivere protetto, di chi sempre stato un padrino, uno che ha contato e conta in certi ambienti: la casa del boss di Portici, Luigi Vollaro, per tutti conosciuto con il soprannome di 'o califfo. Un nome che evoca terrore. Eppure la casa del boss stata violata, visitata dai soliti ignoti, topi d'appartamento che l'hanno ripulita di quadri e pezzi di argenteria. I ladri sicuramente non hanno pensato di leggere il cognome sul citofono: bench assalito dal tempo e dall'umido, si legge chiaro Vollaro. Che a Portici-Ercolano significa una sola famiglia, quella del patriarca Luigi, detenuto nel penitenziario di massima sicurezza di Parma e che diffcilmente ritorner libero nei prossimi anni.
I malviventi violano il santuario, entrano forzando una porta-finestra in metallo. Di antifurti nemmeno a parlarne: non c' bisogno: l'antifurto il cognome. E bastato quello per far stare alla larga, da sette anni (da tanto tempo la casa disabitata) le bande di topi d'appartamento che girano nella zona, molto residenziale, a caccia di tesori domestici da portare via. E quella villetta protetta da un muro perimetrale alto e che corre lungo la strada, al riparo da occhi indiscreti. La banda entra nella notte e gira l'appartamento in lungo e in largo. Alle pareti quadri, tanti. Non
un segreto, d'altronde: la passione della famiglia per l'arte trova riscontro nelle carte processuali, nei verbali del figlio del patriarca, Ciro, passato a ingrossare le fila dei pentiti di camorra. In uno dei verbali disse che aveva disposto di regalare un quadro a un magistrato per ottenere un occhio di riguardo. Il quadro era un Botticelli. Lo stesso pentito ricord che intermediatore e destinatario me lo restituirono, in quanto sapevano che mio padre ci teneva. Le accuse di corruzione non trovarono riscontro, ma di quadri, comunque, come si visto, la famiglia ne aveva a disposizione parecchi. E dovevano saperlo anche i ladri: ne hanno rubati ben 120, di vari autori, dell'800 napoletano ai contemporanei. Un inventario dettagliato al momento manca. Inoltre, con il sopralluogo effettuato dalla figlia del padrone di casa, mancano all'appello pezzi di argenteria e bambole in biscuit. Il valore, secondo quanto dichiarato dalla donna agli inquirenti - le indagini sono condotte dalla polizia e dai carabinieri della tenenza Ercolano con il tenente Antonio Di Florio - si aggira sui 120mila euro. Una valutazione fatta per difetto, ovviamente. Gli inquirenti lavorano non soltanto in direzione delle bande specializzate in furti di appartamento, ma anche su un possibile furto simulato, proprio per sottrarre alle maglie della giustizia antimafia una cospicua fetta di patrimonio facilmente convertibile in danaro. Ma questa ovviamente una tesi investigativa tutta da dimostrare.

PRECEDENTI
IL CLAN DI LAURO
La villa con marmi e stucchi
Una villa del '700, scoperta a Secondigliano, in via Cupa dell'Arco, durante i giorni della faida. Rappresenta uno dei tesori del boss Di Lauro. Quando i carabinieri fecero irruzione, alcuni mesi fa, all'interno c'erano alcuni operai che stavano eseguendo lavori di ritruttuazione e che si diedero alla fuga. Tre piani con tutti i comfort, ricchi di marmi pregiati, fregi e stucchi. Probabilmente uno dei rifugi del padrino durante i mesi di latitanza.

■ IL CLAN G AL ASSO
In casa il trono di Francesco I
Una villa stracolma di pezzi di antiquariato. Nel 1989 il blitz nella residenza dei Galasso, in via Nuova san Marzano a Poggiomarino. All'interno il trono appartenuto a Francesco I di Borbone, Nel garage le fuoriserie, tra cui anche Ferrari. Pasquale Galasso, poi arrestato, ha una passione per gli oggetti d'arte. La residenza della famiglia stata sequestrata ed attualmente sede della caserma della guardia di finanza.

■ IL CLAN ALFIERI
Sul tavolo l'Inferno di Dante
Per anni soltanto un fantasma, un capoclan che riusciva a dirigere l'organizzazione senza muoversi dalla sua roccaforte. Quando venne arrestato, nei primi anni Novanta, tra Saviano e Scisciano, Carmine Alfieri stava ascoltando musica classica e sul tavolo del suo nascondiglio c'era l'Inferno di Dante. Anche Alfieri, come Galasso, ha una predilezione per gli oggetti d'arte. Nelle sue abitazioni sono stati infatti trovati quadri di valore.

■ IL CLAN GIULIANO
La vasca a forma di conchiglia
Stucchi e fregi anche in casa Giuliano, nel cuore del rione Forcella: attico con tavernetta per complessivi quattrocento metri quadrati. Ha fatto, invece, il giro del mondo la foto pubblicata dal Mattino e che ritrae la
sala da bagno dei Giuliano con una vasca a forma di conchiglia. In quella vasca vennero immortalati alcuni dei fratelli Giuliano e Diego Armando Maradona, quando giocava con il Napoli.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news