LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Barberini, intesa a met
Edoardo Sassi
03 DIC 2005 CORRIERE DELLA SERA


Conferenza stampa lampo dei ministri Buttiglione e Martino. Italia Nostra: una beffa. I militari si tengono 700 metri quadrati della Gallera d'arte antica

Dopo mezzo secolo di braccio di ferro il Circolo Ufficiali delle Forze armate lascer (ottobre 2006) Palazzo Barberini alla Galleria nazionale d'arte antica. Ma nella sede seicentesca il ministero della Difesa manterr 700 metri quadrati al piano nobile: comprendenti la Sala del Trono e altri spazi monumentali, il giardino pensile, il ponte progettato da Bernini. Non pi per il Circolo, ma per esigenze di alta rappresentanza del Ministro e dei vertici delle Forze armate. Lo hanno annunciato ieri in una conferenza stampa lampo i ministri Buttiglione e Martino.


Fioccano le polemiche: Accordo beffa. I militari non lasciano Palazzo Barberini. Accordo a sorpresa fra Difesa e Beni culturali, 700 mq restano all Esercito.

Il 6 maggio il ministro per i Beni Culturali Rocco Buttiglione aveva annunciato: Palazzo Barberini torner ad uso esclusivo della citt. Proprio cos: Esclusivo, aveva detto. Aggiungendo: Pacta sunt servanda, i patti vanno rispettati. I militari dunque avrebbero lasciato alla Galleria nazionale d'arte antica tutti gli spazi che le spettano di diritto. Era in realt l'annuncio dell'applicazione di un precedente accordo firmato nel 1997: governo Ulivo, dagli allora ministri per la Cultura e la Difesa, Veltroni e Andreatta.
Un accordo che prevedeva che il Palazzo tornasse integralmente alla destinazione, museale, per cui lo Stato italiano lo acquist nel 1949, liberando cos quel capolavoro del Barocco - di Maderno, Bernini e Borromini - dalla coabitazione forzata col Circolo Ufficiali delle Forze armate. Quel patto del '97 prevedeva, militari d'accordo, che al circolo andasse in cambio l'attigua Palazzina Savorgnan di Brazz, restaurata con parte dei 24 miliardi di lire messi a disposizione (ministero Melandri) con fondi provenienti dal Lotto. Il resto serviva a realizzare la grande Galleria d'arte antica che Roma non ha ancora.

Ieri, la notizia. In una conferenza stampa convocata alle 11 di mattina, annunciata meno di un'ora prima e durata 4 minuti e 50 secondi in tutto (come risulta cronometrando il video sul sito del governo) : con i ministri Martino e Buttiglione che annunciano - si legge nel comunicato Ansa - che Palazzo Barberini viene restituito ai Beni Culturali e il circolo ufficiali sar trasferito entro ottobre 2006.

Secondo l'accordo, siglato a palazzo Chigi, alla Difesa rimangono solo 700 metri quadrati dello storico palazzo che saranno dedicati a funzioni di alta rappresentanza del ministro e dei vertici delle forze armate.

Una notizia attesa mezzo secolo. Non ci sono domande? Grazie, salutano i due ministri dopo i loro interventi. Poi la stretta di mano, di fronte ai giornalisti presenti in sala stampa a Palazzo Chigi. quelli che di norma seguono la politica.

Il circolo dunque lascia (tra un anno). In cambio, solo 700 metri quadrati, su 2.900 restituiti, restano alla Difesa per rappresentanza. Ma quali sono questi 700 metri? Da li partita una richiesta di chiarimenti: parlare con il ministro Buttiglione. con il capo di gabinetto del ministero e visionare il testo integrale del nuovo accordo. Richieste sollecitata 14 volte tramite l'ufficio stampa del Ministero ma rimaste inevase. Il testo non disponibile.

Nulla di troppo ufficiale neanche sui 700 metri quadrati. Che di fatto corrispondono a gran parte del piano nobile del Palazzo: la Sala del trono, il giardino pensile, il ponte minante del Bernini, pi quattro o cinque sale attigue a quella del Trono, ha spiegato Luciano Marchetti, direttore regionale del Mibac.

Una conferma che si tratti del piano nobile arriva da Claudio Strinati, soprintendente al Polo museale romano: L'accordo rappresenta un passo avanti, certo restano in piedi problemi non da poco.

Dello stesso avviso Anna Lo Bianco, direttore della Galleria d'arte antica: Non conosco ancora il testo, ma esprimo preoccupazione per questa convivenza che prosegue e che immagino sar foriera d conflittualit.

Alcune sale monumentali anche in futuro resteranno dunque inaccessibile al pubblico, e non solo nei giorni in cui si espleter l'alta rappresentanza. Funzione peraltro gi prevista anche nel vecchio accordo (ma in quello si concedevano alla Difesa 50 giorni l'anno d utilizzo, concessi dal Mibac compatibilmente con le esigenze del museo).
E fioccano le prime reazioni. Italia Nostra: Accordo beffa. Oltre alla palazzina Liberty, che doveva servire a liberare il Palazzo, la Difesa ottiene di rimanere nel piano nobile e nel giardino. Dalle prime notizie delle agenzie sembrava che finalmente fosse vinta la battaglia. La realt ben altra. Giovanna Melandri, ex ministro ai Beni culturali: Una "buonuscita" esosa quella che il Ministero della Difesa ha preteso per liberare finalmente Palazzo Barberini. Il nuovo accordo stipulato dal Governo Berlusconi fa s che questa "liberazione" dell'intero Palazzo e la sua restituzione alla funzione museale venga parzialmente ostacolata dalla pretesa, francamente inaccettabile, del ministro della Difesa di concedersi dei "saloni di alta rappresentanza" a titolo permanente e a scapito del sacrosanto obiettivo di restituire tutti i locali alla loro naturale destinazione. Mi auguro che presto intervenga un nuovo Governo pi sensibile ai diritti dei cittadini che non alle prepotenze di alcuni. Vittorio Emiliani, presidente del Comitato per la Bellezza: I militari si tengono dunque il salone centrale pi alcune sale contigue. La vertenza dura, si pu dire, dal 1932 e purtroppo si conclude con un successo solo parziale per i Beni Culturali. La Galleria avr finalmente a disposizione quasi 3.000 metri sin qui occupati dal Circolo, ma non potr disporre di una porzione dello spazio pi prestigioso. Come invece prevedeva l'intesa del governo di centrosinistra. Naturalmente, per giustificare l'ennesimo compromesso a favore dell'Esercito, i due ministri invocano le "funzioni d'alta rappresentanza", fin qui estrinsecate in feste, battesimi e matrimoni per i graduati della Difesa.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news